HomeATTUALITA' & SALUTELa nuova variante Omicron del coronavirus: di cosa si tratta?

La nuova variante Omicron del coronavirus: di cosa si tratta?

Gli aggiornamenti dell’OMS

Questo 24 novembre l’OMS ha segnalato la variante del coronavirus Omicron (B.1.1.529) dal Sud Africa. La variante Omicron si è unita a diverse altre varianti SARS-CoV-2 come variante preoccupante (VOC), il che indica che questo ceppo è associato ad un aumento della trasmissibilità e della virulenza, nonché alla capacità di ridurre l’efficacia della salute pubblica e misure sociali, nonché diagnostica, vaccini e terapie disponibili. Secondo l’OMS, la prima infezione confermata da SARS-CoV-2 con la variante Omicron proveniva da un campione raccolto il 9 novembre 2021. Tuttavia, nelle ultime settimane, il numero di casi COVID-19 in Africa è notevolmente aumentato. aumentato, con un numero crescente di questi casi risultati positivi per la variante Omicron.

Sebbene il numero giornaliero di casi in Sudafrica rimanga basso, con 2.828 casi segnalati venerdì 26 novembre 2021, la velocità con cui la variante Omicron sembra infettare i giovani sudafricani ha aumentato la preoccupazione tra gli operatori sanitari. In particolare, solo il 36% circa della popolazione adulta in Sud Africa è stata vaccinata contro il COVID-19. A tal fine, solo il 65% circa dei pazienti sudafricani che sono stati recentemente ricoverati non è vaccinato, mentre la maggior parte dei restanti pazienti ha ricevuto solo una dose dei vaccini COVID-19.

Cosa è la variante Omicron e cosa si sa fino ad oggi?

Dalla sua identificazione iniziale, i ricercatori hanno scoperto che la variante SARS-CoV-2 Omicron ha un gran numero di mutazioni, di cui più di 30 cambiamenti nella proteina spike. È importante sottolineare che la proteina spike SARS-CoV-2, l’obiettivo della maggior parte degli attuali vaccini COVID-19, svolge un ruolo essenziale nel modo in cui il virus riconosce ed entra nelle cellule ospiti. Delle 30 mutazioni sulla proteina spike, dieci di queste mutazioni sono state identificate sul recettore ACE2. Questo è paragonabile al numero di mutazioni che sono state trovate su questa proteina in altre varianti di SARS-CoV-2 come le varianti Delta e Beta, che hanno rispettivamente due e tre mutazioni su questa proteina. Sebbene siano disponibili informazioni limitate sul significato di queste mutazioni, è importante notare che tutte le mutazioni che sono state identificate per influenzare la trasmissibilità del virus sono state identificate nel genoma della variante Omicron.

Inoltre, la mutazione E484A è stata identificata nella variante Omicron, che si trova nel sito che gli anticorpi di classe 2 possono riconoscere, causando quindi la preoccupazione che questa variante possa eludere l’azione degli anticorpi umani contro SARS-CoV-2. A causa di questa combinazione di mutazioni, i ricercatori hanno sospettato che la variante Omicron possa avere successo nel ridurre le azioni di neutralizzazione suscitate dalle risposte immunitarie generate da una precedente infezione e/o vaccinazione da SARS-CoV-2. I casi di SARS-CoV-2 Omicron inizialmente sembravano essere confinati a un gruppo di infezioni tra alcuni studenti universitari di Pretoria. Tuttavia, questo gruppo si è rapidamente espanso quando centinaia e, successivamente, migliaia di persone sono state infettate a Pretoria e, poco dopo, nella più grande città della nazione, Johannesburg. Recenti test diagnostici indicano che la variante Omicron potrebbe rappresentare fino al 90% dei nuovi casi in Sud Africa.

Inoltre, alcuni primi studi hanno suggerito che questa variante ha un tasso di riproduzione di due, il che indica che è probabile che ogni persona infettata dalla variante Omicron la diffonda ad altre due persone. Oltre al Sudafrica, i ricercatori hanno identificato la variante di Omicron anche in Botswana, Hong Kong, Belgio, Israele, Germania, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Austria e Italia. Poiché la variante sembra diffondersi rapidamente in tutto il mondo, sono stati identificati 13 casi aggiuntivi nei Paesi Bassi, due in Australia e due in Danimarca. In particolare, i 13 casi identificati ad Amsterdam, Paesi Bassi, sono stati riscontrati tra le persone su due voli dal Sudafrica venerdì 26 novembre. Questo è stato anche il caso dei casi identificati sia in Danimarca che in Australia, che sono stati identificati nei viaggiatori che erano arrivati ​​da Sud Africa.

Le reazioni internazionali

Una delle prime nazioni a rispondere all’emergere della variante Omicron è stata Israele, che ha annunciato alla fine del 27 novembre 2021 che, previa approvazione del governo, a tutti gli stranieri sarebbe stato vietato l’ingresso nel paese per almeno 14 giorni. Inoltre, Israele prevede di reintrodurre le tecnologie di localizzazione telefonica antiterrorismo per aiutare il governo a fermare la diffusione di questa variante. Allo stesso modo, il governo britannico ha recentemente annunciato che applicherà anche alcune misure per contenere la diffusione della variante Omicron. Queste misure includeranno politiche di test più rigorose per gli stranieri che arrivano in Gran Bretagna, oltre a richiedere l’uso di maschere in determinati contesti.

Gli Stati Uniti hanno anche annunciato che sospenderanno l’ingresso negli Stati Uniti di stranieri provenienti da Botswana, Eswatini, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Sudafrica e Zimbabwe. Inoltre, l’Unione Europea ha anche accettato di introdurre restrizioni temporanee simili su tutti i viaggi dalle nazioni dell’Africa meridionale nel tentativo di impedire l’ingresso della variante nel nostro continente. Sebbene i rapporti attuali sulla variante Omicron abbiano suscitato preoccupazioni significative riguardo alla capacità degli attuali vaccini di proteggere gli individui dalla reinfezione, gli scienziati hanno notato che questi studi sono estremamente limitati a causa della novità di questo nuovo ceppo e sono necessarie ulteriori ricerche.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Gli aggiornamenti dell’OMS

Questo 24 novembre l’OMS ha segnalato la variante del coronavirus Omicron (B.1.1.529) dal Sud Africa. La variante Omicron si è unita a diverse altre varianti SARS-CoV-2 come variante preoccupante (VOC), il che indica che questo ceppo è associato ad un aumento della trasmissibilità e della virulenza, nonché alla capacità di ridurre l’efficacia della salute pubblica e misure sociali, nonché diagnostica, vaccini e terapie disponibili. Secondo l’OMS, la prima infezione confermata da SARS-CoV-2 con la variante Omicron proveniva da un campione raccolto il 9 novembre 2021. Tuttavia, nelle ultime settimane, il numero di casi COVID-19 in Africa è notevolmente aumentato. aumentato, con un numero crescente di questi casi risultati positivi per la variante Omicron.

Sebbene il numero giornaliero di casi in Sudafrica rimanga basso, con 2.828 casi segnalati venerdì 26 novembre 2021, la velocità con cui la variante Omicron sembra infettare i giovani sudafricani ha aumentato la preoccupazione tra gli operatori sanitari. In particolare, solo il 36% circa della popolazione adulta in Sud Africa è stata vaccinata contro il COVID-19. A tal fine, solo il 65% circa dei pazienti sudafricani che sono stati recentemente ricoverati non è vaccinato, mentre la maggior parte dei restanti pazienti ha ricevuto solo una dose dei vaccini COVID-19.

Cosa è la variante Omicron e cosa si sa fino ad oggi?

Dalla sua identificazione iniziale, i ricercatori hanno scoperto che la variante SARS-CoV-2 Omicron ha un gran numero di mutazioni, di cui più di 30 cambiamenti nella proteina spike. È importante sottolineare che la proteina spike SARS-CoV-2, l’obiettivo della maggior parte degli attuali vaccini COVID-19, svolge un ruolo essenziale nel modo in cui il virus riconosce ed entra nelle cellule ospiti. Delle 30 mutazioni sulla proteina spike, dieci di queste mutazioni sono state identificate sul recettore ACE2. Questo è paragonabile al numero di mutazioni che sono state trovate su questa proteina in altre varianti di SARS-CoV-2 come le varianti Delta e Beta, che hanno rispettivamente due e tre mutazioni su questa proteina. Sebbene siano disponibili informazioni limitate sul significato di queste mutazioni, è importante notare che tutte le mutazioni che sono state identificate per influenzare la trasmissibilità del virus sono state identificate nel genoma della variante Omicron.

Inoltre, la mutazione E484A è stata identificata nella variante Omicron, che si trova nel sito che gli anticorpi di classe 2 possono riconoscere, causando quindi la preoccupazione che questa variante possa eludere l’azione degli anticorpi umani contro SARS-CoV-2. A causa di questa combinazione di mutazioni, i ricercatori hanno sospettato che la variante Omicron possa avere successo nel ridurre le azioni di neutralizzazione suscitate dalle risposte immunitarie generate da una precedente infezione e/o vaccinazione da SARS-CoV-2. I casi di SARS-CoV-2 Omicron inizialmente sembravano essere confinati a un gruppo di infezioni tra alcuni studenti universitari di Pretoria. Tuttavia, questo gruppo si è rapidamente espanso quando centinaia e, successivamente, migliaia di persone sono state infettate a Pretoria e, poco dopo, nella più grande città della nazione, Johannesburg. Recenti test diagnostici indicano che la variante Omicron potrebbe rappresentare fino al 90% dei nuovi casi in Sud Africa.

Inoltre, alcuni primi studi hanno suggerito che questa variante ha un tasso di riproduzione di due, il che indica che è probabile che ogni persona infettata dalla variante Omicron la diffonda ad altre due persone. Oltre al Sudafrica, i ricercatori hanno identificato la variante di Omicron anche in Botswana, Hong Kong, Belgio, Israele, Germania, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Austria e Italia. Poiché la variante sembra diffondersi rapidamente in tutto il mondo, sono stati identificati 13 casi aggiuntivi nei Paesi Bassi, due in Australia e due in Danimarca. In particolare, i 13 casi identificati ad Amsterdam, Paesi Bassi, sono stati riscontrati tra le persone su due voli dal Sudafrica venerdì 26 novembre. Questo è stato anche il caso dei casi identificati sia in Danimarca che in Australia, che sono stati identificati nei viaggiatori che erano arrivati ​​da Sud Africa.

Le reazioni internazionali

Una delle prime nazioni a rispondere all’emergere della variante Omicron è stata Israele, che ha annunciato alla fine del 27 novembre 2021 che, previa approvazione del governo, a tutti gli stranieri sarebbe stato vietato l’ingresso nel paese per almeno 14 giorni. Inoltre, Israele prevede di reintrodurre le tecnologie di localizzazione telefonica antiterrorismo per aiutare il governo a fermare la diffusione di questa variante. Allo stesso modo, il governo britannico ha recentemente annunciato che applicherà anche alcune misure per contenere la diffusione della variante Omicron. Queste misure includeranno politiche di test più rigorose per gli stranieri che arrivano in Gran Bretagna, oltre a richiedere l’uso di maschere in determinati contesti.

Gli Stati Uniti hanno anche annunciato che sospenderanno l’ingresso negli Stati Uniti di stranieri provenienti da Botswana, Eswatini, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Sudafrica e Zimbabwe. Inoltre, l’Unione Europea ha anche accettato di introdurre restrizioni temporanee simili su tutti i viaggi dalle nazioni dell’Africa meridionale nel tentativo di impedire l’ingresso della variante nel nostro continente. Sebbene i rapporti attuali sulla variante Omicron abbiano suscitato preoccupazioni significative riguardo alla capacità degli attuali vaccini di proteggere gli individui dalla reinfezione, gli scienziati hanno notato che questi studi sono estremamente limitati a causa della novità di questo nuovo ceppo e sono necessarie ulteriori ricerche.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Sulla virulenza delle varianti del coronavirus: quali sono le ragioni scoperte finora? (11/10/2021)

L’efficacia globale dei vaccini anti-COVID contro le maggiori varianti in circolo (24/09/2021)

Pubblicazioni scientifiche

Baj A et al. Emerg Microbes Infect. 2021; 10(1):2010-2015.

van Oosterhout C et al. Virulence 2021 Dec; 12(1):2013-16.

Gómez-Carballa A et al. Trends Genet. 2021; 37(12):1069.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI