Dieta keto: le differenze se funziona o no dipendono dagli ormoni?

La dieta chetogenica (KD) è descritta come una dieta ricca di grassi, adeguata e povera di carboidrati. Con l’inadeguata disponibilità di carboidrati, il corpo brucia i grassi piuttosto che i carboidrati per fornire energia. Il fegato converte il grasso in acidi grassi e produce corpi chetonici (KB), che sostituiscono il glucosio come fonte di energia primaria. Questo accumulo alimentare di chetoni nel sangue è noto anche come chetosi nutrizionale. Dall’introduzione di KD nel 1920, la ricerca è emersa per comprenderne i meccanismi e gli usi in varie condizioni cliniche. A causa dei suoi effetti pleiotropici sul sistema nervoso centrale, sul metabolismo cellulare e sulle vie metaboliche, la KD è stata studiata e ha mostrato risultati promettenti in varietà di disturbi neurologici, lesioni cerebrali traumatiche, acne, tumori e disordini metabolici. Originariamente utilizzato come trattamento per l’epilessia, la dieta chetogenica, che a volte viene chiamata dieta keto, essa limita notevolmente il consumo di carboidrati (amidi, zuccheri e fibre) e proteine. Questo fa passare il corpo dai carboidrati per ricavare l’energia, che fa naturalmente, alla combustione del grasso immagazzinato. Il fegato converte grasso in corpi chetonici in un processo chiamato chetosi. Per ulteriori dettagli, si cerchi “dieta keto” o “chetogenica” come parola chiave dell’archivio in questo sito.

Nei pazienti obesi, il trattamento con KD ha mostrato una maggiore perdita di peso rispetto ad altre diete bilanciate. Questa maggiore perdita di peso comparativa lo rende uno strumento alternativo contro l’obesità. Recentemente la dieta chetogenica è stata pubblicizzata per la perdita di peso e il miglioramento del controllo della glicemia, ma un nuovo studio rivela che le donne non riescono a mostrare questi benefici metabolici su questa dieta ricca di grassi e molto povera di carboidrati. I risultati dello studio sugli animali verranno presentati domenica alla riunione annuale della Società Endocrina a New Orleans. Il ricercatore capo Jesse Cochran, ricercatore presso l’Università dell’Iowa, ha spiegato: “Le nostre scoperte sui topi suggeriscono che le donne con una dieta chetogenica hanno meno probabilità rispetto agli uomini di sperimentare una significativa perdita di grasso e hanno maggiori probabilità di mostrare un controllo insufficiente della glicemia. i risultati possono aiutare a spiegare le discrepanze nei tassi di successo di questa dieta tra i sessi “. Il ricercatore senior E. Dale Abel, MD, PhD, presidente del dipartimento di medicina interna dell’Università dello Iowa e presidente eletto della Endocrine Society, ha completato: “La maggior parte degli studi sulla dieta chetogenica per la perdita di peso si sono verificati in un piccolo numero di pazienti o solo in topi maschi, quindi le differenze basate sul sesso in risposta a questa dieta non sono chiare”.

Lavorando sotto la supervisione di Abel, Cochran ha studiato topi sia maschi che femmine, somministrando loro una dieta chetogenica o una dieta regolare come controllo. La dieta di controllo consisteva di 7% di grassi, 47% di carboidrati e 19% di proteine ​​in massa, mentre la dieta di keto era composta da 75% di grassi, 3% di carboidrati e 8% di proteine. Dopo 15 settimane di alimentazione, i topi femmina sulla dieta chetogenica non hanno mostrato variazioni di peso e hanno avuto un controllo alterato della glicemia rispetto alle femmine nella dieta di controllo. Nei topi maschi, tuttavia, il peso corporeo diminuiva sulla dieta chetogenica mentre veniva mantenuto il controllo della glicemia. Tuttavia, i maschi sulla dieta chetogenica hanno mostrato segni di peggioramento della steatosi epatica non alcolica. Speculando che gli ormoni femminili (estrogeni) avessero un ruolo nella diversa risposta alla dieta chetogenica, Cochran ha rimosso le ovaie di alcuni topi femmina e testato entrambe le diete. Rispetto ai topi nutriti con una dieta controllata, i topi ovariectomizzati su una dieta chetogenica avevano ridotto il peso corporeo e il grasso corporeo. Questa scoperta suggerisce che le donne in post-menopausa potrebbero potenzialmente sperimentare migliori risultati di perdita di peso con la dieta chetogenica rispetto alle donne più giovani. Non sono stati divulgati meccanismi dettagliati alla base di questo fenomeno.

I ricercatori hanno raccomandato che le persone che considerano una dieta chetogenica, ne debbano discutere prima con il loro medico o un dietologo, osservando che alcuni si sentono peggio durante questa dieta o hanno difficoltà ad attenersi ad essa.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Martin-McGill KJ et al. J Hum Nutr Diet. 2019 Mar 11.

Ting R et al. Can Fam Physician. 2018; 64(12):906.

Zengin A et al. Eur J Nutr. 2016 Oct; 55(7):2307-20. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1365 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it