sabato, Febbraio 24, 2024

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

La salute mentale risente del sonno, ma riguardo ai ritmi circadiani? Quali sono le nuove possibilità di intervento?

I ritmi circadiani e la malattia mentale Un team internazionale...

Pavinetant: la soluzione per le vampate in menopausa

La menopausa è uno stadio della vita della donna quando le mestruazioni giungono a termine per interruzione della produzione di estrogeni dall’apparato riproduttivo. Il fenomeno si verifica tipicamente fra i 45 ed i 55 anni. Le vampate sono episodi ricorrenti di sintomi “vasomotori”, durante i quali la donna subisce emissioni di calore nella parte superiore del corpo, viso incluso. La prevalenza degli episodi è di 75 donne su 100 nella media. Alcune donne avvertono le vampate come niente di più che fastidi, ma per molte alter possono diventare molto problematiche, facendole sudare fino ad inzuppare I vestiti che indossano. Le vampate possono verificarsi anche di note, durante il sonno; in certi casi il fenomeno è così sconfortevole da compromettere la qualità della vita.

L’esperienza di ogni donna di vampate calde tende a seguire uno schema che è unico per lei. Tipicamente, la loro frequenza aumenta man mano che si avvicina alla menopausa, quindi raggiunge un picco per circa 2 anni dopo la menopausa e gradualmente diminuisce successivamente. L’esperienza delle vampate di calore può durare da 6 mesi a 5 anni, anche se in alcuni casi possono durare 10 anni o più. La terapia ormonale sostitutiva ha contribuito ad alleviare i sintomi della menopausa in molte donne. Tuttavia, poiché si basa sugli estrogeni, non è privo di rischi. Un trial di una nuova classe di farmaci dichiara che può ridurre le vampate di calore della menopausa di quasi tre quarti entro 4 settimane e che questo effetto inizia entro 3 giorni dall’inizio della terapia. Il farmaco sperimentale, che è stato inizialmente sviluppato per trattare la sindrome dell’ovaio policistico, ha ancora bisogno di essere testat per valutare pienamente la sua sicurezza ed efficacia.

Tuttavia, i ricercatori sperano che la nuova classe di farmaci offrirà presto un’alternativa efficace per le donne che non dovrebbero o non desiderano sottoporsi a terapia ormonale sostitutiva. I risultati dello studio sono stati riportati nel 2017. Ma più recentemente, i ricercatori hanno effettuato una nuova analisi che ha esaminato più dettagliatamente l’andamento temporale degli effetti del composto. I risultati della nuova analisi, che è stata guidata dallo scrittore senior Waljit Dhillo dell’Imperial College di Londra nel Regno Unito, sono pubblicati sulla rivista Menopause. Il Prof. Dhillo afferma: “Sapevamo già che questo composto potrebbe essere un punto di svolta per le donne in menopausa e sbarazzarsi di tre quarti delle loro vampate di calore in 4 settimane, ma questa nuova analisi conferma che l’effetto benefico si ottiene molto rapidamente, entro 3 giorni”.

Nel loro articolo, gli autori dello studio affermano che la terapia ormonale sostitutiva non è raccomandata per le donne con una storia di tumore al seno. Altre ricerche hanno anche collegato la HRT al rischio di cancro ovarico. Il nuovo articolo descrive come un composto sperimentale – denominato pavinetant – è stato testato in uno trial clinico randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo. I partecipanti erano 37 donne in menopausa in range di età 40-62 che avevano almeno sette vampate al giorno. Il team ha assegnato a caso alle donne un corso di 4 settimane di una dose giornaliera di 80 milligrammi del farmaco o di un placebo. Dopo le 4 settimane, le donne si sono quindi trasferite, in modo che quelli del farmaco prendessero il placebo e quelli del placebo prendessero il farmaco per altre 4 settimane. I risultati hanno rivelato che durante l’assunzione di pavinetant le donne hanno sperimentato, in media, meno vampate di calore nelle 4 settimane, rispetto al numero medio riscontrato nelle 4 settimane in cui hanno assunto il placebo.

Ma un risultato di prova altrettanto importante – che è diventato evidente quando i ricercatori hanno effettuato la nuova analisi del tempo – è stato che il composto ha iniziato a mostrare un “effetto significativo” in soli 3 giorni. Ad esempio, entro il terzo giorno di trattamento con il farmaco, la frequenza delle vampate di calore si è ridotta del 72% “rispetto al basale” e ha mostrato una “riduzione di 51 punti percentuali rispetto al placebo”, osservano gli autori dello studio. La dimensione di questo effetto persisteva per tutto il periodo di 4 settimane, osservando inoltre che il farmaco riduce anche la gravità delle vampate di calore del 38% al giorno 3. Il Prof. Dhillo dice che poiché il pavinetant ha effetti collaterali sul fegato, altri farmaci con la stessa azione saranno ulteriormente testati nelle prove. Una prova è già stata avviata negli Stati Uniti

I ricercatori pensano che il pavinetant agisca inibendo la neurochinina B (NKB), un ormone cerebrale che studi precedenti su animali e umani hanno suggerito potrebbe scatenare vampate di calore. Il pavinetant è analogo al befetupitant, un antagonista della NKB che è stato sviluppato come farmaco contro il vomito. La nuova analisi ha anche rilevato che il nuovo farmaco allevia sia le vampate diurne che quelle notturne. Inoltre, le donne hanno riferito che il numero di vampate di calore che hanno interrotto il sonno è diminuito dell’82%, sperimentando anche il 77% in meno di compromissione della concentrazione. I ricercatori non hanno potuto dire se questi miglioramenti aggiuntivi fossero il risultato di un minor numero di vampate di calore, o di un effetto diretto del composto sul cervello. Sono fiduciosi, tuttavia, che il farmaco possa migliorare direttamente altri sintomi della menopausa, come disturbi del sonno, difficoltà di concentrazione e persino aumento di peso, a causa delle molte regioni del cervello condizionate dalla NKB.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Recensioni specifiche

Prague JK et al. Menopause. 2018 Mar 12. 

Skorupskaite K et al. Neuroendocrinology. 2018;106(2):148. 

Prague JK et al. Lancet. 2017 May 6; 389(10081):1809-20.

Latest

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Newsletter

Don't miss

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Sarilumab vs. polymyalgia rheumatica: it’s time to kill that alive and kickin’ pain

Polymyalgia rheumatica (PMR) is characterized by pain and morning stiffness in the shoulder and hips and affects people over the age of 50. It...

Diabete tipo 1: biotecnologie e microchip diagnostici in arrivo

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune permanente che colpisce circa 542.000 bambini in tutto il mondo, con anche un numero crescente...

Alimentazione su base vegetale: per il carico sanitario cardiologico e mentale ma anche per l’ambiente

La maggior parte del colesterolo non è basata sulla dieta: il corpo produce circa l'80% del suo colesterolo e il resto viene ingerito col...