domenica, Giugno 23, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Scoperto un nuovo tipo di vertigine collegata agli occhi

I neurologi hanno identificato un nuovo tipo di vertigine senza causa nota, secondo uno studio pubblicato questo 23 maggio sull’edizione online della rivista Neurology. Con le vertigini, le persone hanno episodi di capogiro che possono durare da pochi minuti a giorni. La vertigine può essere causata da condizioni gravi, come i tumori, o condizioni che sono relativamente benigne, come il disturbo dell’orecchio interno chiamato sindrome di Meniere. Ma per alcune persone, nessuna causa può essere trovata. In questo nuovo studio, i neurologi hanno identificato un nuovo tipo di vertigine in cui il trattamento può essere efficace. Queste condizioni possono essere difficili da diagnosticare e piuttosto debilitanti per le persone, quindi è emozionante poter scoprire questa nuova diagnosi di una condizione che potrebbe rispondere al trattamento. Questo è ciò che ha dichiarato il dott. Ji-Soo Kim, MD, PhD, della Seoul National University di Seongnam, Corea del Sud.

Per diagnosticare questa nuova condizione, la persona si siede in una stanza buia e l’esaminatore sposta la testa del paziente in avanti e quindi la testa viene scossa orizzontalmente per circa 15 secondi. Quindi il paziente apre gli occhi e viene eseguita una registrazione video dei movimenti degli occhi. I neurologi hanno scoperto che dopo il test le persone con questa nuova condizione avevano movimenti oculari chiamati nistagmo che duravano più a lungo rispetto ad altre persone. La nuova condizione è chiamata vertigine spontanea ricorrente con nistagmo scuotente. Tra 338 persone con vertigini senza causa nota, 35 avevano questa nuova condizione e sono state incluse nello studio. I partecipanti hanno avuto attacchi di vertigine che vanno da due o tre volte alla settimana a una volta all’anno. Hanno anche avuto nausea o vomito, mal di testa e intolleranza ai movimenti della testa durante gli attacchi.

I partecipanti sono stati confrontati con 35 persone con altre condizioni che possono causare vertigini, come la malattia di Meniere, l’emicrania vestibolare e la neurite vestibolare. Il test ha misurato la costante di tempo o il tempo che rappresenta la velocità con cui i movimenti oculari riflessivi possono rispondere al cambiamento. Per quelli con la nuova condizione, la costante di tempo durante la fase primaria del nistagmo era di 12 secondi, mentre era di sei secondi per quelli con malattia di Meniere e di cinque secondi per quelli con neurite vestibolare e emicrania vestibolare. I neurologi hanno anche scoperto che le persone col nuovo tipo di vertigini avevano più probabilità di soffrire di un forte mal d’auto (chinetosi), di quelle con altri tipi di vertigini. Un totale di 20 delle 35 persone con il nuovo tipo di vertigine che hanno avuto frequenti attacchi e sintomi gravi hanno assunto farmaci preventivi.

Circa un terzo di questi ha avuto un recupero parziale o completo con il nuovo farmaco. Durante il follow-up a lungo termine di una media di 12 anni dopo i primi sintomi per 31 partecipanti, cinque non hanno riportato più attacchi, 14 hanno detto che i loro sintomi erano migliorati e solo uno ha detto che i sintomi erano peggiorati. Il team ha evidenziato che le persone con questa condizione possono avere un meccanismo iperattivo nel loro sistema vestibolare, che aiuta il cervello a rispondere al movimento del corpo e nell’ambiente. È quindi possibile che la vertigine si verifichi quando questo meccanismo instabile viene interrotto da fattori nel corpo della persona o nel suo ambiente.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Bisdorff A, Kattah J. Neurology 2018 May 23.

Lee SU et al., Kim JS. Neurology 2018 May 23.

Wei EX, Agrawal Y. Ear Hear. 2018 May 18.

Li Y, Peng B. Pain Physician 2015;18:E583-95.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Internet e malattie rare: usare il web può facilitare l’identificazione di casi ignoti

Internet può diventare uno strumento prezioso per aiutare a diagnosticare le persone con disturbi rari, afferma un nuovo studio. Un team di ricercatori del...

La salute mentale risente del sonno, ma riguardo ai ritmi circadiani? Quali sono le nuove possibilità di intervento?

I ritmi circadiani e la malattia mentale Un team internazionale di ricercatori dell’Università di Southampton, del Kings College di Londra, dell’Università di Stanford e di...

Ictus: arriva il nuovo farmaco migliore e più sicuro del tPA

Il tipo più comune di ictus è quello ischemico, che è provocato da un coagulo di sangue che ostruisce un vaso sanguigno cerebrale maggiore....

Questo si chiuderà in 20 secondi