martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Chirurgia estetica: gli uomini alla riscossa per affrontare la mezza età

Proprio come le donne possono passare a una serie di procedure di “ritocco”, più uomini stanno adottando il proprio set di trattamenti per aumentare la loro fiducia e migliorare il loro aspetto fisico. Un nuovo rapporto dell’American Society of Plastic Surgeons rivela che più di 1,3 milioni di procedure cosmetiche sono state eseguite su uomini solo l’anno scorso, con un aumento del 29% dal 2000. Analogamente alle donne, più uomini sono sottoposti a body contouring chirurgico e non chirurgico e procedure facciali, che sono tipicamente eseguite in un singolo intervento chirurgico. A causa di questa crescente tendenza, la chirurgia plastica sta diventando una richiesta comune del papà, dato che più uomini considerano un aiuto chirurgico per migliorare il loro fisico e rallentare il “papà maturo” per un po’ di tempo.

Con più di 200.000 interventi chirurgici eseguiti su uomini nel 2018, la rinoplastica era la più popolare con oltre 52.000 procedure. La chirurgia delle palpebre è al secondo posto, seguita dalla liposuzione (+5%). La riduzione del seno (ginecomastia) si è classificata al quarto posto con oltre 24.000 procedure, con un aumento del 22% dal 2000 e il trapianto di capelli al quinto, in crescita del 17% dal 2017. L’anno scorso sono stati effettuati circa mezzo milione di procedure di Botox sugli uomini e più di 100.000 uomini ha avuto iniezioni di riempimento per ridurre i segni dell’invecchiamento. L’obiettivo, dunque, dare una forma migliore al volto per piacersi di più e affrontare meglio l’impatto sociale. Il Dr. Alan Matarasso, MD, presidente della American Society of Plastic Surgeons, dice che oggi i pazienti maschi adottano procedure non-chirurgiche e minimamente invasive nella stessa misura delle pazienti di sesso femminile

 Ha riportato due casi: “Ovviamente, gli uomini non subiscono gli stessi cambiamenti fisici che le donne subiscono durante la gravidanza e la post-gravidanza, ma il loro stile di vita cambia, e ciò può influire sul lor oaspetto. La dieta e gli schemi di attività fisica fluttuano e non dormono tanto. Gli uomini notano i loro cambiamenti del corpo dovuti all’invecchiament oe alla genitorialità, e comincia a sembrare completamente diverso tra i 30 e i 40 anni. Riporto il caso del 57enne Scott, un ristoratore di New York, che ha praticato la chirurgia plastica quando dieta ed esercizio fisico non potevano aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi. Dopo aver lottato per perdere grasso ostinato nella sua parte centrale attraverso la dieta, si rese conto che non avrebbe mai perso il peso in questo modo”.

La chirurgia plastica è una decisione personale, ma conosce persone della sua età che hanno fatto diverse procedure cosmetiche. Più uomini sono alla ricerca di chirurgia plastica per aiutarli professionalmente e si sentono più sicuri di avanzare nelle loro carriere e di competere sul posto di lavoro dopo l’intervento chirurgico. Sta accadendo sempre di più, che un dialogo aperto sulla chirurgia plastica sta diventando più accettabile. Nonostante il suo aspetto magro, Dennis, 59 anni, direttore creativo di New York City, ha anche trovato difficile perdere peso in aree specifiche. Con il desiderio di un risultato naturale, ha subito un intervento chirurgico al mento e un intervento chirurgico per la rimozione del grasso vestibolare, oltre a un lifting per ottenere un aspetto più giovanile e tonico. È stato di moda per tutta la sua carriera, e lo fa sentire bene quando entra nella stanza e non si sente comeun 60 in una stanza di 25-30 anni.

Portava sempre il peso sul collo e sul mento, e le sue palpebre cadenti gli facevano sembrare più stanco di quanto non fosse in realtà. Dopo l’intervento, ha ottenuto una fiducia inaspettata dai piccoli cambiamenti che ha preso. Quindi, gli uomini stanno abbracciando l’idea di un intervento chirurgico più di prima. Il Dr. Matarasso poi ha concluso: “Indipendentemente dal motivo, sottolineo sempre l’importanza di consultare un membro dell’American Society of Plastic Surgeons. La nostra formazione e le qualifiche uniche ci consentono di eseguire procedure cosmetiche di tutti i tipi. Ci impegniamo a fornire ai pazienti di chirurgia plastica i risultati più sicuri e vogliamo che abbiano la pace della mente mentre li aiutiamo a raggiungere i loro obiettivi estetici”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Gioco d’azzardo patologico: il vero problema è cosa sta dietro

Gli uomini con dipendenza da gioco d'azzardo problematico e patologico hanno più probabilità di aver sofferto traumi infantili, tra cui abusi fisici o violenza...

Omega-3 a tavola per prevenire il diabete: le vie indirette e dirette con cui regolare zuccheri e grassi

Gli omega (ω-6 e ω-3) sono acidi grassi polinsaturi alimentari essenziali derivati rispettivamente dall'acido linoleico (LA) e dall'acido α-linolenico (ALA). L'aumento dell'assunzione di oli...

Osteoarthritis on the chip: hyaluronate leads to diagnosis

For the first time, scientists at Wake Forest Baptist Medical Center have been able to measure a specific molecule indicative of osteoarthritis and a...

Questo si chiuderà in 20 secondi