sabato, Febbraio 24, 2024

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

La salute mentale risente del sonno, ma riguardo ai ritmi circadiani? Quali sono le nuove possibilità di intervento?

I ritmi circadiani e la malattia mentale Un team internazionale...

Meningite da criptococco: cos’è e chi sono le categorie lavorative a rischio

Introduzione

Il criptococco è un fungo comune che si trova spesso nel terreno e negli escrementi di uccelli. La meningite criptococcica è una grave infezione del rivestimento del cervello e del midollo spinale causata da questo fungo. Due tipi di funghi Cryptococcus causano meningite criptococcica. Il fungo C. neoformans causa la maggior parte dei casi di meningite criptococcica. Questa specie si trova comunemente nel suolo e si diffonde tramite escrementi di uccelli. Il secondo fungo che causa la meningite da criptococco è C. gatti. Questa varietà non si trova nel terreno ma è associata a diversi alberi, tra cui eucalipto. Non molti casi di meningite criptococcica sono causati da C. gatti come da C. neoformans. Tuttavia, C. gatti ha maggiori probabilità di causare meningite da criptococco in soggetti sani.

È raro che una persona sana sviluppi meningite da criptococco. La maggior parte delle persone che sviluppano la meningite da criptococco hanno un sistema immunitario indebolito causato da una malattia sottostante, per esempio da cirrosi epatica, trapianti o la sindrome da immunodeficienza da HIV. Esiste la possibilità di contrarre la criptococcosi anche in ambito professionale. Essendo i piccioni uno dei maggiori vettori animali del micete, la manipolazione, lo spostamento e la rimozione (ai fini di pulizia) di escrementi di questi volatili possono rappresentare un fattore di rischio per gli operatori. In questo caso, la porta d’ingresso sono le vie respiratorie ed esiste la possibilità disviluppare una polmonite micotica, oltre alla meningite, in modo analogo alla polmonite da muffa di aspergillo (Aspergillus fumigatus).

Fattori di rischio

La meningite da criptococco è una malattia relativamente rara e la maggior parte delle persone sane non è a rischio di sviluppare la meningite criptococcica. È più comune nelle persone che hanno un sistema immunitario indebolito. Le persone più a rischio per lo sviluppo di meningite criptococcica avranno spesso una delle seguenti condizionidi base:

  • AIDS
  • diabete scompensato
  • leucemia
  • cirrosi epatica
  • trapianto d’organo

La meningite da criptococco è più probabile che si verifichi in persone con un basso numero di linfociti CD4. Le cellule CD4, conosciute anche come cellule T, sono un tipo di globuli bianchi essenziali per il sistema immunitario. Le persone con HIV e AIDS hanno spesso una bassa conta di CD4, quindi sono molto più propense di altre a sviluppare la meningite criptococcica. La meningite fungina non si diffonde da persona a persona, ma si acquisisce la meningite criptococcica quando inala particelle del suolo contaminate da escrementi di uccelli.

Sintomi

Potrebbe essere difficile per qualcuno dire se hanno sintomi di meningite criptococcica. Molti dei sintomi possono essere simili agli effetti collaterali di un farmaco che possono assumere per trattare una condizione di base. Se non trattata, la meningite da criptococco può portare a sintomi più gravi, tra cui perdita dell’udito, liquido sul cervello e coma. I sintomi della meningite criptococcica spesso si sviluppano gradualmente, entro pochi giorni o settimane dall’esposizione al fungo. Una persona con meningite criptococcica può sviluppare i seguenti sintomi: febbre, affaticamento, mal di testa, torcicollo e sensibilità alla luce. Con l’aggravamento della malattia, il soggetto svilupperà nausea e vomito, cambiamenti di personalità, confusione, visione offuscata e persino allucinazioni.

Iter diagnostico

L’isolamento in coltura di C. neoformans è diagnostico. Il più delle volte il liquido cerebrospinale, l’escreato, e le urine contengono microrganismi, e le emocolture possono essere positive, particolarmente in pazienti che sono affetti da AIDS. Nella criptococcosi disseminata con meningite, C. neoformans viene frequentemente riscontrato in colture delle urine (a volte persistono focolai prostatici dell’infezione nonostante la bonifica del fungo dal sistema nervoso centrale). La diagnosi è fortemente suggerita qualora operatori esperti identificassero lieviti capsulati a forma di gemme su strisci di liquidi organici, secrezioni, essudati, o altri campioni. In campioni istologici, la positività alla colorazione con mucicarminio o di Masson-Fontana identifica e conferma la presenza di lieviti capsulati di C. neoformans. Un medico diagnosticherà la meningite da criptococco valutando i sintomi e l’anamnesi. Se si vuole una conferma definitiva, verrà eseguito un prelievo spinale per confermare la diagnosi. Il fluido verrà esaminato alla ricerca di segni di infezione e per vedere se il criptococco è l’agente causale.

Trattamento farmacologico

Essendo una micosi, per curare la meningite da criptococco si usano farmaci antimicotici. I comuni farmaci antifungini usati per il trattamento includono: amfotericina B, fluconazolo. Itraconazolo e flucitosina. In clinica si usa spesso una combinazione di amfotericina B e fluconazolo. Questi farmaci possono essere somministrati per via endovenosa, di solito per un lungo periodo (>15 giorni). Il paziente sarà attentamente monitorato durante il trattamento, poiché entrambi questi farmaci possono avere gravi effetti collaterali, tra cui danni ai reni. Una volta che il liquido spinale di una persona non mostra segni di meningite da criptococco, i medici tendono ad aggiustare la terapia e smettere di usare l’amfotericina B per ridurre il rischio di problemi ai reni.

Complicanze

È possibile per una persona avere complicazioni da meningite criptococcica, così come dal trattamento che ricevono. Complicazioni da meningite criptococcica possono includere: perdita dell’udito, convulsioni e danni neuronali (cerebrali). Inoltre, le complicanze derivanti dal trattamento con amfotericina B possono includere: dolore ai muscoli, alle articolazioni e danni ai reni. La maggior parte delle persone che sviluppano la meningite criptococcica ha una condizione di base che indebolisce il loro sistema immunitario, più spesso l’HIV o l’AIDS. Le infezioni da meningite criptococcica tendono a ripresentarsi dopo il trattamento (ricorrenza). Per questo motivo, molte persone che hanno avuto la malattia prenderanno farmaci antifungini per prevenire una ricaduta.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Drummond RA. J Fungi (Basel). 2017 Dec 25; 4(1).

Oladele RO et al. J Fungi (Basel). 2017 Dec 2; 3(4).

Tenforde MW et al. PLoS Pathog 2017; 13(3):e1006207.

Nalintya E et al. Curr Fungal Infect Rep 2016; 10:62-67.

Hagen F et al. Fungal Gent Biology 2015; 78:16-48.

Latest

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Newsletter

Don't miss

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Psychological stress reshape immunity from its “guts”: the role of gamma-delta T cells

In experiments with mice and humans, a team led by Johns Hopkins Medicine researchers says it has identified a particular intestinal immune cell that...

Sulle malattie infiammatorie intestinali: soffire di mal di testa può aumentarne il rischio?

L'emicrania è un disturbo neurologico remittente che colpisce la vita quotidiana di un individuo, ma rimane poco riconosciuto e non trattato. È spesso accompagnato...

Bilirubina: il pigmento non indica solo ittero, protegge anche il cuore

La bilirubina è un pigmento e un antiossidante naturale. È un sottoprodotto naturale della scomposizione dei globuli rossi, che si verifica quando i globuli...