mercoledì, Febbraio 28, 2024

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

L’invecchiamento dell’ipofisi: la ghiandola compensa o subisce il fascino “staminale”?

La ghiandola ipofisaria è una piccolghiandola globulare situata sotto il cervello che svolge un ruolo importante nel sistema ormonale. Sintetizza e rilascia peptidi regolatori che comunicano la necessità o l’esagerazione di ormoni per la tiroide, le ghiandole surrenali e le gonadi, per esempio. A causa di questo ruolo centrale svolto nella nostra biologia, l’invecchiamento ipofisario può contribuire alla riduzione dei processi ormonali e dei livelli ormonali nel nostro corpo, come nel caso della menopausa, ad esempio. Questo è il motivo per cui il biologo delle cellule staminali Hugo Vankelecom e i suoi colleghi del Dipartimento per lo Sviluppo e la Rigenerazione della KU Leuven, hanno scoperto che la ghiandola pituitaria nei topi invecchia a causa di una forma di infiammazione cronica legata all’età. Potrebbe essere possibile rallentare questo processo o anche ripararlo parzialmente. I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista americana PNAS.

Lo studio fornisce anche una visione significativa delle cellule staminali nell’invecchiamento della ghiandola pituitaria. Nel 2012, lo stesso team ha dimostrato che una pronta reazione di queste cellule staminali al danno nella ghiandola porta alla riparazione del tessuto, anche negli animali adulti. Il professor Vankelecom ha spiegato esaurientemente: “Il mio gruppo di ricerca ha scoperto che la ghiandola pituitaria invecchia a causa di una forma di infiammazione cronica che colpisce i tessuti e persino l’organismo nel suo insieme. Questo processo naturale di solito passa inosservato ed è indicato come “infammaging”, una contrazione di infiammazione e invecchiamento. L’infiammazione è stata riconosciuta collegata all’invecchiamento di altri organi. Come risultato di questo nuovo studio, ora sappiamo che le cellule staminali dell’ipofisi non perdono questa capacità rigenerativa quando l’organismo invecchia.

Infatti, le cellule staminali non sono in grado di svolgere il loro lavoro solo perché, nel tempo, l’ipofisi diventa un ‘ambiente infiammatorio’ a causa dell’infiammazione cronica. Ma non appena le cellule staminali vengono estratte da questo ambiente, mostrano le stesse proprietà delle cellule staminali di un giovane ipofisi. Questa intuizione apre una serie di potenziali vie terapeutiche: sarebbe possibile riattivare l’ipofisi? Non si tratterebbe solo di rallentare i processi di invecchiamento ormonale, ma anche di riparare i danni provocati da un tumore all’ipofisi, ad esempio. Non meno di una persona su 1.000 si trova di fronte a questo tipo di tumore – che causa danni ai tessuti circostanti – ad un certo punto. La qualità della vita di molti di questi pazienti migliorerebbe drasticamente se si potesse riparare questo danno. Gli studiosi potrebbero essere in grado di farlo attivando le cellule staminali già presenti o anche trapiantando cellule.

Detto ciò, queste nuove opzioni di trattamento non sono ancora dietro l’angolo, poiché il passaggio dalla ricerca fondamentale a una vera e propria terapia può richiedere anni per essere completato. Ma i dati suggeriscono anche un’altra strada interessante: l’uso di farmaci antinfiammatori per rallentare invecchiare l’ipofisi o ringiovanire un’ipofisi che invecchia, anche se nessuna ricerca è stata ancora condotta su questo effetto in relazione a l’ipofisi. Gli scienziati hanno studiato l’ipofisi dei topi, quindi sono necessarie ulteriori ricerche per dimostrare se i loro risultati si applicano anche agli esseri umani, perché è noto che i topi hanno una capacità di rigenerazione molto maggiore degli umani. Indipendentemente da ciò, ci sono molti segni che suggeriscono che i processi ipofisari nei topi e negli esseri umani sono simili, e abbiamo prove recenti a portata di mano che l’espressione genica nell’ipofisi di umani e topi è molto simile.

In quanto tale, è altamente probabile che le intuizioni che abbiamo acquisito si applicheranno ugualmente agli umani. In questo studio i ricercatori hanno dimostrato che le cellule staminali residenti nell’ipofisi sono funzionali e possono essere attivate dalla citochina chiamata interleuchina-6 (IL-6). In qualche modo questo sembra strano, dal momento che le citochine come IL-6, IL-1 e TNF-alfa sono up-regolate nell’invecchiamento e guidano il continuo sfondo infiammatorio responsabile dell’invecchiamento cellulare, un concetto evolutosi come “inflammaging”. È probabile che il microambiente cellulare e altri fattori regolatori sconosciuti siano implicati in questo fenomeno biologico. Dopotutto, l’inflammaging ha solo poco più di “dieci anni” di vita.

  • A cura del Dott. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Vennekens A et al. PNAS USA 2021 Jun; 118(25):e2100052118.

Laporte E et al. Front Endocrinol (Lausanne) 2021; 11:604519.

Vennekens A, Vankelecom H. Pituitary 2019 Jun; 22(3):212-219.

Latest

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

Niacin paradox on the heart shows off: catabolism reveals potential threats on cardiovascular risk

Cardiovascular disease (CVD) is a worldwide health problem, with...

Newsletter

Don't miss

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

Niacin paradox on the heart shows off: catabolism reveals potential threats on cardiovascular risk

Cardiovascular disease (CVD) is a worldwide health problem, with...

Medicina rigenerativa per il rene: la possibilità che si apre capendo tutti gli stadi molecolari del danno

Come si forma il rene nell’embriogenesi? Il rene dei mammiferi,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Amlexanox: oltre all’allergia, testato positivamente per il diabete

Dopo 12 settimane di assunzione di un farmaco anti-asmatico, un sottogruppo di pazienti con diabete di tipo 2 ha mostrato una riduzione clinicamente significativa...

Fertilità: dalla terapia dei tumori il letrozolo mostra efficacia

Un farmaco utilizzato nel trattamento del cancro al seno è ora considerata la migliore opzione per il trattamento della causa più comune di infertilità....

Eosino-philia for cancer: the hidden ancient weapon rises up

Eosinophils are white blood cells that secrete powerfully destructive proteins.Major basic protein 1 and 2 (MBP-1, MBP-2), eosinophil-derived neurotoxin (EDN), and eosinophil peroxidase...