HomeATTUALITA' & SALUTELe prove che l'immunità cellulare al COVID non scompare presto: il razionale...

Le prove che l’immunità cellulare al COVID non scompare presto: il razionale delle due dosi è vero

I risultati degli studi clinici hanno indicato che una protezione massima del 95% dal coronavirus SARS-CoV-2 viene raggiunta entro 1 o 2 mesi dopo la seconda dose di entrambi i vaccini, inclusa la protezione contro diverse varianti di SARS-CoV-2 in circolazione. L’infezione naturale e la vaccinazione forniscono due diversi percorsi per l’immunità, che studi hanno precedentemente dimostrato essere caratterizzati da risposte distinte dei linfociti T e B. Tuttavia, i meccanismi con cui questi vaccini provocano risposte immunitarie cellulari di lunga durata al virus rimangono poco conosciuti. Gli scienziati sono semplicemente consapevoli che due diversi tipi di vaccini COVID possono suscitare un tipo simile, o leggermente diverso, di immunità cellulare o umorale. Questo è il motivo per cui dei ricercatori negli Stati Uniti hanno condotto uno studio che mostra che i vaccini contro il COVID-19 sviluppati da Pfizer-BioNTech e Moderna, generano una risposta immunitaria adattativa coordinata in grado di suscitare risposte di richiamo a future infezioni da SARS- CoV-2.

Il team dell’Università della California ha scoperto che l’immunizzazione con BNT162b2 di Pfizer-BioNTech o con l’arricchimento indotto dal vaccino mRNA-1273 di Moderna di linfociti B specifici per la proteina spike. La proteina del picco virale media la fase iniziale dell’infezione da SARS-CoV-2 ed è l’obiettivo primario degli anticorpi dopo l’infezione naturale o la vaccinazione. Gli scienziati hanno affermato che la vaccinazione ha anche attivato le cellule T CD4 e ha indotto risposte robuste delle cellule T CD4 polifunzionali antigene-specifiche. Inoltre, sono state osservate cellule T CD8 espanse clonalmente in tutti i soggetti vaccinati. Il team ha utilizzato il sequenziamento dell’RNA a singola cellula e saggi funzionali per valutare le risposte umorali (anticorpi) e cellulari a due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech o Moderna mRNA (14 giorni dopo una seconda dose) in quattro individui. I risultati sono stati confrontati con le risposte immunitarie osservate in tre individui convalescenti che avevano avuto un’infezione asintomatica o lieve. Sia l’infezione che la vaccinazione hanno indotto anticorpi neutralizzanti e anti-SARS-CoV-2.

Questi anticorpi sono stati rilevati già due settimane dopo una prima dose di vaccino, con livelli che aumentavano di diverse volte dopo una seconda dose. Mentre i titoli anticorpali neutralizzanti dopo la prima dose di vaccino erano paragonabili a quelli dei soggetti convalescenti, sono stati osservati livelli significativamente più alti nei vaccinati dopo la dose di richiamo. Tuttavia, diversi importanti adattamenti dei linfociti B sono stati condivisi tra i vaccinati e gli individui convalescenti. L’analisi mediante citometria a flusso ha rivelato una riduzione del livello delle cellule B naïve, ma un’espansione delle cellule B di memoria in entrambi i gruppi. Inoltre, il sequenziamento dell’RNA a singola cellula ha mostrato una riduzione dei linfociti B di memoria IgA+ dopo la vaccinazione, una scoperta che è stata recentemente descritta per i convalescenti. Le analisi su una singola cellula hanno anche rivelato un’espansione dei linfociti T CD4+ attivati e robuste risposte dei CD4 polifunzionali specifiche per spike dopo la vaccinazione.

Tuttavia, i dati più importanti sono che il team ha osservato una modesta espansione dei plasmablasti (linfociti B immaturi) e un aumento significativo delle cellule B specifiche per il picco solo due settimane dopo una seconda dose di vaccino, indicando la creazione di una memoria durevole e potenziali risposte di richiamo all’infezione. Le frequenze delle cellule T CD8 attivate erano comparabili tra i gruppi vaccinati e convalescenti. Tuttavia, l’infezione naturale ha indotto l’espansione di cloni di linfociti T CD8 più grandi, inclusi cluster distinti. I ricercatori pensano che il suo sia probabilmente dovuto al riconoscimento di una serie più ampia di epitopi presentati dal virus che non si trova nei vaccini mRNA. Questo ancora una volta differenzia le due tipologie di vaccino anti-COVID correntemente in uso, quelli a RNA e quelli a particelle virali. Essendoci differenze umorali e cellulari complementari, la proposta strategia di eseguire la campagna vaccinale con due dosi di tipologia diversa potrebbe quindi avere un senso logico col suo fondamento scientifico.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Messaoudi I et al. bioRxiv 2021 Jul 14:452381.

Minervina A et al. medRxiv 2021 Jul 12: 21260227.

Landau R et al. bioRxiv 2021 Jul 2: 450959.

Saundararajan V et al. medRxi 2021 Jul 1:21259833.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI