sabato, Febbraio 24, 2024

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

La salute mentale risente del sonno, ma riguardo ai ritmi circadiani? Quali sono le nuove possibilità di intervento?

I ritmi circadiani e la malattia mentale Un team internazionale...

Vitamina D e magnesio: la loro comune carenza e la loro importanza nello sport

Gli atleti professionisti spingono i loro corpi al limite ogni volta che si allenano e competono, quindi assicurarsi di avere il giusto supporto nutrizionale per aiutarli a eseguire e recuperare più velocemente è la chiave. La vitamina D è una parte essenziale di questo supporto; una recensione del 2018 sul Journal of American Academy of Orthopaedic Surgeons (JAAOS) riporta che livelli più alti di vitamina D sono stati collegati alla riduzione delle lesioni e al miglioramento delle prestazioni atletiche. Con livelli sierici più alti di vitamina D che giocano un ruolo nella forza muscolare, nella prevenzione degli infortuni e nelle prestazioni sportive, è essenziale che le persone prendano le misure necessarie per assicurarsi che ricevano un quantità adeguata di assunzione di vitamina D. Secondo la recensione, gli integratori di vitamina D aiutano ad aumentare la forza muscolare negli atleti che sono carenti di vitamina D con l’integrazione giornaliera dimostrata più efficace delle dosi settimanali o mensili.

Campioni del Rugby Super League, i Leeds Rhinos, sono stati sottoposti a test vitaminici e minerali all’avanguardia nell’ambito della partnership ufficiale con la società di salute naturale BetterYou, per identificare le lacune nutrizionali che potrebbero compromettere i guadagni atletici. Tutti i giocatori hanno effettuato un’analisi del sangue NHS della vitamina D insieme ad un’analisi minerale del campione di capelli (per verificare i livelli di magnesio) da un controllo minerale di laboratorio all’inizio della stagione nel 2017. I risultati dei giocatori sono stati affascinanti da vedere. Come collettivo, i livelli di vitamina D della maggioranza erano ottimali (pari o superiori a 100 nmol/litro) a causa della recente esposizione al sole, che è una buona notizia in quanto la vitamina D è essenziale per rafforzare le ossa e la funzione immunitaria. Tuttavia, anche se i loro livelli erano in media più alti rispetto alla popolazione generale, un terzo dei giocatori aveva livelli sub-ottimali, che dovevano essere migliorati.

I livelli di vitamina D negli atleti sono molto importanti. Come dichiarato nella recensione, quando sono state esaminate l’analisi dei minerali dei giocatori, quasi tutti avevano livelli subottimali di magnesio, in base al loro rapporto calcio / magnesio. Più della metà aveva alti livelli di calcio in relazione all’assunzione di magnesio. Questo non è sorprendente dato che i giocatori mangiano una dieta occidentale che tende ad essere ricca di calcio e povera di magnesio. La chiave qui è mantenere il magnesio e il calcio in equilibrio. Uno squilibrio potrebbe essere associato a numerose condizioni di salute che vanno dai crampi alle malattie cardiache. Dove il calcio è alto rispetto al magnesio, potrebbe esserci il rischio di un’eccessiva deposizione di calcio nei tessuti molli (arterie e muscoli). Idealmente, un rapporto sano dovrebbe essere il 3-parti di magnesio in 1-parte di calcio o meno. Ciò consentirebbe ai tessuti corporei di gestire efficacemente il calcio in eccesso e di funzionare in modo più efficiente.

Uno spray orale è un’alternativa efficace alle compresse e alle capsule nell’elevare la vitamina D, poiché trasporta la vitamina direttamente nel sangue attraverso il tessuto molle all’interno della bocca evitando il sistema digestivo. Gli spray orali possono essere assunti in qualsiasi momento della giornata e non dipendono dal cibo o dall’acqua. Sette su dieci di noi soffrono di bassi livelli di magnesio. E poiché non ne ricaviamo abbastanza dalla nostra dieta quotidiana, a causa della sempre più spesso dieta povera di frutta e verdura, un integratore che arriva direttamente dove è necessario è il modo per ricaricare i nostri sistemi. Gli studi hanno dimostrato che l’integrazione di magnesio per via transdermica (attraverso la pelle) è un modo efficace per assorbire questo minerale. Questo meccanismo di rilascio bypassa il sistema digestivo direttamente nel tessuto del corpo fornendo una dose rapida ed efficace direttamente dove è necessario.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Abrams GD et al. J Am Acad Orthop Surg 2018; 26(8):278.

Silva MG, Silva HH. Eur J Pediatr. 2017 Jan; 176(1):41-50.

Latest

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Newsletter

Don't miss

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Colite e tumore del colon: come si combattono con gli amminoacidi

Il trattamento delle malattie infiammatorie dell'intestino è estremamente impegnativo: tutti i geni scoperti e coinvolti, i microbi intestinali e la funzione immunitaria interrotta contribuiscono....

Il caffè fa male al fegato?: Un’Analisi delle Evidenze Scientifiche

Il caffè è una delle bevande più amate al mondo, ma il suo impatto sulla salute umana, in particolare sulla salute del fegato, è...

L’impatto dell’abuso di alcolici sull’ipertensione: conta solo l’alcolismo o anche il “bere sociale”?

Il consumo di alcol sembra essere una pratica umana diffusa. Bere fa parte della società umana in tutto il mondo; tuttavia, il consumo di...