La colazione dei bambini: fatta naturalmente previene l’obesità

La colazione dei bambini: fatta naturalmente previene l'obesità

La colazione è stata tradizionalmente considerata non solo la prima, ma anche il pasto più importante della giornata. Saltare la colazione è associato ad eccesso di adiposità durante l’infanzia e quindi, il consumo della colazione è stato suggerito come una strategia di prevenzione dell’obesità infantile. Infatti, è stato riferito che i bambini sono più affamati e consumano più cibo prima di pranzo quando saltano la colazione, mentre non è chiaro quando saltano altri pasti. La qualità generale della dieta dei bambini che consumano la colazione è più sana rispetto a quelli che la saltano. Nonostante ciò, molti bambini vanno a scuola senza aver fatto colazione, il che significa che all’ora di pranzo sono più affamati e possono mangiare più del dovuto. L’assenza di colazione è stata in precedenza correlata con il grasso in eccesso e altri disturbi associati, quindi la promozione della colazione è già stata utilizzata come parte della strategia per prevenire l’obesità infantile. Inoltre, saltando la prevalenza della colazione aumenta con l’età, ed è associata ad una maggiore adiposità addominale e viscerale, sindrome metabolica e bassi livelli di attività fisica.

I ricercatori dell’Istituto per l’innovazione e lo sviluppo sostenibile nella catena alimentare (IS-FOOD) dell’Università pubblica della Navarra, hanno pubblicato un pezzo di ricerca in cui mostrano che la qualità nutrizionale della colazione è associata a significativi fattori di rischio cardiovascolare e metabolico nei bambini sovrappeso (anche in quelli che sono in forma e che si allenano tutti i giorni). Gli autori dell’articolo pubblicato sulla rivista Nutrients hanno visto che i bambini che mangiavano colazioni di qualità nutrizionale inferiore e una maggiore densità energetica (intesa come più calorie per grammo di cibo) avevano livelli più elevati di colesterolo e acido urico e una maggiore resistenza all’insulina. I ricercatori hanno concluso che i programmi di educazione nutrizionale per migliorare la salute cardiovascolare nella popolazione pediatrica dovrebbero includere raccomandazioni specifiche volte a ridurre il consumo di alimenti ad alta densità energetica durante il primo pasto della giornata. Ma oltre a fare colazione o no, anche la qualità del primo pasto della giornata è importante e questo è stato il tema di questa ricerca.

I ricercatori hanno valutato le abitudini alimentari a colazione di un totale di 203 scolari in sovrappeso di età compresa tra 8 e 12 anni. Non sorprende che abbiano visto il 13% dei bambini che non facevano colazione tutti i giorni; e chi consumava colazioni di qualità nutrizionale inferiore e maggiore densità energetica, aveva livelli più elevati di colesterolo e acido urico nel sangue e una maggiore resistenza all’insulina. Infatti, la maggiore densità energetica della colazione ha ripercussioni negative sul metabolismo del glucosio, anche in quei bambini che soddisfacevano le raccomandazioni giornaliere sull’attività fisica: 60 minuti di intensità da moderata a intensa. Studi precedenti hanno concluso che i giovani che raramente facevano colazione erano tendenzialmente più sedentari. Secondo uno studio svedese, i bambini di 10 anni che consumano una colazione che ha fornito oltre il 20% del fabbisogno energetico giornaliero stimato, hanno ottenuto risultati significativamente migliori nei test di resistenza fisica prima del pranzo rispetto ai bambini che hanno consumato una colazione con solo il 10% della loro energia requisiti.

I ricercatori hanno sottolineato che i programmi di educazione nutrizionale progettati per migliorare la salute cardiovascolare e metabolica della popolazione infantile, dovrebbero concentrarsi sulla riduzione del consumo di alimenti ad alta densità energetica, come i prodotti ultra-elaborati (es. merendine), comunemente presenti nelle colazioni dei bambini. Lo stesso team ha valutato l’impatto più di una dieta mediterranea come parte assente della colazione dei bambini, per quanto riguarda gli effetti sulla densità ossea rispetto al sovrappeso o all’obesità franca. Su un totale di 177 partecipanti, è stata osservata una scarsa aderenza al regime alimentare mediterraneo nell’82,4% di essi: livelli di attività fisica più elevati (almeno di intensità moderata) e tempo sedentario inferiore erano significativamente associati con il contenuto e la densità ossea nei bambini con scarsa aderenza alla dieta Med. Nessuna associazione è stata osservata tra attività fisica e contenuto o densità ossee nei bambini con alta aderenza al pattern Mediterraneo. Ciò significa che una sana colazione e un moderato fisico associato l’attività può essere un mezzo efficace di prevenzione per l’obesità infantile.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Arenaza L et al.,Labayen I. Nutrients 2018 Aug 10;10(8).

Muñoz-Hernandez V et al. Nutrients 2018 Aug 12;10(8).

Arenaza L et al. Labayen I. European J Nutr. 2018 Aug 18.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1069 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it