venerdì, Giugno 21, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Le polveri di cemento ed i problemi respiratori nei lavoratori: una recensione fa il punto

Gli effetti sulla salute associati all’esposizione al cemento furono segnalati da Bernardino Ramazzini già nel 1700. Circa 250 anni dopo, furono riportate prove di un’associazione tra la sensibilità al cromato indotta dall’esposizione al cemento e la dermatite. Da allora, un numero considerevole di studi ha riportato aumento della prevalenza di sintomi respiratori, ridotta funzionalità polmonare dinamica, bronchite cronica, enfisema, asma e anomalie radiografiche dei polmoni, sebbene molti di questi studi siano stati ostacolati da limitazioni. Il moderno processo di produzione del cemento si basa sulla frantumazione e macinazione del calcare con quarzo o altre fonti di silice, minerale di ferro e altri additivi. La miscela viene immessa in un forno rotante a combustibile. Una serie di reazioni chimiche fa sì che i materiali si fondano e formino noduli chiamati “clinker di cemento”.

Il clinker viene miscelato con gesso e altri additivi e macinato fino a ottenere una polvere finissima per produrre cemento. Il cemento Portland, uno dei cementi più comunemente usati, è una miscela di ossido di calcio (60–67%), biossido di silicio (17–25%), triossido di alluminio (3–8%) e ossido ferrico (1–5%). Il processo di produzione del cemento genera grandi quantità di polvere durante l’estrazione, la macinazione e quando il cemento finito viene miscelato, imballato e spedito. I lavoratori possono respirare queste polveri che finiscono per depositarsi nell’albero respiratorio in modo permanente, se il ricambio dato dalla clearance muco-ciliare è più lento della frequenza di esposizione. Le particelle causano nel tempo una forma di silicosi su base infiammatoria, che generalmente conduce ad una fibrosi polmonare sovrapponibile ad una BPCO.

Una recente revisione ha discusso le prove di un’associazione tra l’esposizione alle polveri di produzione di cemento ed effetti respiratori non maligni e ha raccomandato misure per la prevenzione dell’esposizione. La revisione ha preso in considerazione diversi studi sull’esposizione professionale: 8 degli 11 studi trasversali che includevano misurazioni della funzionalità polmonare hanno riportato una ridotta funzionalità nei lavoratori esposti rispetto ai controlli. Uno dei primi studi che includevano misurazioni delle polveri con aggiustamenti per cofattori rilevanti è stato un ampio sondaggio sui lavoratori della produzione di cemento statunitense (n=2736) e sui colletti blu di controllo (n=755). In quello studio, i lavoratori esposti e i controlli avevano risultati simili tassi di prevalenza dei sintomi respiratori, tranne che i lavoratori del cemento hanno riportato una maggiore dispnea rispetto ai controlli.

Uno studio relativamente ampio condotto in Giordania (n=348) non ha riscontrato differenze nei sintomi o negli indici di funzionalità polmonare tra gruppi di lavoratori della produzione di cemento con livelli di esposizione bassi, medi e alti. In tale studio sono stati effettuati aggiustamenti per età e fumo, ma non è stato incluso il gruppo di controllo. Uno studio condotto in Arabia Saudita ha riportato che il respiro sibilante e la mancanza di respiro erano legati all’esposizione alla polvere di cemento. Un possibile fattore di confusione potrebbe essere rappresentato dalle differenze socioeconomiche tra il gruppo esposto e i riferimenti che erano impiegati. In due studi condotti in Tanzania, la prevalenza dei sintomi delle vie aeree era maggiore nei lavoratori esposti rispetto ai controlli e sono stati dimostrati valori inferiori di FVC, FEV1, FEV1/FVC e di picco di flusso espiratorio (PEF) nei lavoratori della produzione di cemento.

Nella prima analisi trasversale di uno studio prospettico, il nostro gruppo di ricerca ha valutato la funzionalità polmonare e i sintomi respiratori tra 4265 lavoratori della produzione di cemento provenienti da 24 stabilimenti in 8 paesi europei (Estonia, Grecia, Italia, Norvegia, Spagna, Svezia, Svizzera e Turchia). I rapporti di probabilità erano elevati per i sintomi e la limitazione del flusso aereo nei livelli di esposizione più elevati. Otto studi di coorte su 11 riportano una ridotta funzionalità polmonare nei lavoratori esposti rispetto ai controlli. In uno studio condotto su 68 lavoratori italiani del cemento dal 1973 al 1984, sono state rilevate riduzioni piccole e non significative di FVC e FEV1 per tutti i lavoratori nel periodo di follow-up. In un recente studio condotto in Iran su 200 lavoratori, sono stati segnalati un aumento della prevalenza di sintomi respiratori e una riduzione degli indici di funzionalità polmonare dopo il turno di lavoro.

L’analisi ha dimostrato un’associazione tra questi cambiamenti e l’esposizione alla polvere di produzione del cemento. In uno studio sull’esposizione a lungo termine alla polvere di cemento e successivo ricovero ospedaliero per malattie respiratorie, 546 lavoratori danesi addetti alla produzione di cemento sono stati confrontati con altri operai (n=847) e con la popolazione generale. I lavoratori del cemento non hanno avuto un aumento del tasso di ospedalizzazione durante il periodo di follow-up di 10 anni rispetto ai controlli. Tuttavia, è stata osservata una tendenza verso un aumento dei tassi di ospedalizzazione per BPCO con l’aumentare della durata dell’esposizione fino a 30 anni. Dopo questo periodo questi tassi si sono ridotti, possibilmente per l’adozione di dispositivi di protezione personale (DPI).

Infatti, in alcuni studi su lavoratori in Tanzania, nelle centrali del cemento dove c’era sicurezza sul lavoro, i problemi respiratori erano meno incidenti. I mezzi di protezione individuali delle vie respiratorie sono un elemento di protezione importante. Le polveri fini arrivano ai bronchi e alle diramazioni più piccole dei polmoni, ai bronchioli ed agli alveoli, dove in relazione alla quantità e al ripetersi delle esposizioni possono determinare: a) delle pneumoconiosi, come le polveri di silice cristallina; b) dei tumori, come le fibre di amianto; c) effetti irritanti e bronchite cronica (tutte le polveri e d) asma bronchiale (come per le polveri di legno). Se rispetto al passato adesso i DPI sono obbligatori in molte nazioni, questo non vuol dire che siano universali. In molti paesi dell’Est, dell’Africa e del Sud America non c’è ancora una regolamentazione basata né sulla legge né sul buon senso, il che implica che è necessario lavorare sulla cultura della prevenzione nel rispetto dei lavoratori.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Il problema del rumore sul lavoro: cosa causa, come si evolve e cosa comporta sul lavoratore a danno fatto (05/04/2023)

Silicosi professionale: dalla Spagna e dall’Italia, le allarmi di un problema a portata globale (25/06/2022)

Amianto e tumore polmonare: le stime più corrette ed aggiornate a livello internazionale (07/10/2021)

L’impatto dell’amianto sulla salute in Italia: i modelli di Casale Monferrato e Biancavilla (12/12/2020)

Pubblicazioni scientifiche

Vinnikov D et al. BMC Pub Health. 2023; 23(1):1813.

Bolund AC et al. Occup Envir Med. 2017; 74(7):531.

Moller Ferl AK et al. BMJ Open 2017; 7(4):e012381.

Nordby KC, Notø H et al. Eur Respir J 2016; 48:331.

Tungu AM et al. J Occup Environ Med 2014; 56:101.

Kakooei H et al. Acta Med Iran 2012; 50:122–126.

Ballal SG et al. Int J Occup Envir Health 2004; 10:272.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Vaccino o no, per anni il COVID lungo sarà un problema di sanità pubblica

La maggior parte delle persone che hanno il COVID-19 guarisce subito dopo la fase iniziale della malattia, ma altri sperimentano il COVID lungo, che...

Salute mentale al lavoro: il peso silenzioso di bullismo, assenteismo e depressione

Clima di sicurezza psicosociale (PSC) è il termine usato per descrivere le pratiche di gestione ei sistemi di comunicazione e partecipazione che tutelano la...

Isterectomia: i primi dati di come potrebbe condizionare la memoria

La menopausa è una parte naturale della vita che colpisce ogni donna con l'invecchiamento. Clinicamente, la menopausa nelle donne è definita da un arresto...

Questo si chiuderà in 20 secondi