domenica, Giugno 23, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

La terapia cognitivo-comportamentale nella fibromialgia: il neuroimaging che cambia con le sessioni

La terapia cognitivo comportamentale (CBT) rappresenta una rivoluzione nel trattamento dell’ansia e di altri disturbi mentali negli adulti e nei bambini. I pazienti che vivono con la fibromialgia (FBM) – una malattia che colpisce prevalentemente le donne ed è caratterizzata da dolore cronico, affaticamento e confusione mentale – spesso trovano opzioni terapeutiche limitate e una scarsità di spiegazioni per i loro sintomi. Una ricerca condotta dai ricercatori del Mass General Brigham ha scoperto che la terapia cognitivo comportamentale può ridurre significativamente il peso della loro condizione riducendo, in parte, la catastrofizzazione del dolore, una risposta cognitiva ed emotiva negativa che può intensificare il dolore attraverso sentimenti di impotenza, ruminazione e pensieri intrusivi. Questa scoperta è supportata da dati di neuroimaging, che evidenziano una ridotta connettività tra le regioni del cervello associate all’autoconsapevolezza, al dolore e all’elaborazione emotiva.

Il gruppo di ricerca per lo studio comprendeva ricercatori di tre membri del Mass General Brigham: Spaulding Rehabilitation Hospital, Brigham and Women’s Hospital e Massachusetts General Hospital. Il Mass General Brigham riunisce 16 istituzioni membri, tra cui centri medici accademici, ospedali specialistici di alto livello, ospedali comunitari e altro ancora. I ricercatori hanno reclutato 98 donne, assegnandone in modo casuale 64 a un gruppo di trattamento che riceveva CBT e 34 a un gruppo di controllo che aveva ricevuto istruzione sulla FBM e sul dolore cronico ma non aveva insegnato tecniche specifiche della CBT. Tutti i partecipanti avevano tra i 18 e i 75 anni e avevano una diagnosi confermata da almeno 6 mesi. Per raccogliere i dati di base, tutti i partecipanti hanno completato diversi questionari validati sul dolore e sulla qualità della vita. Ciascun gruppo ha partecipato a otto sessioni di intervento, costituite da visite di 60-75 minuti con un operatore di salute mentale autorizzato.

I partecipanti sono stati valutati principalmente per i loro livelli di interferenza del dolore, o per una misura di quanto il loro dolore interrompesse le loro attività quotidiane, catastrofizzasse il dolore, gravità del dolore e l’impatto complessivo che la FM aveva sulla qualità della vita dei pazienti. I risultati hanno dimostrato che coloro che sono stati sottoposti a CBT hanno sperimentato riduzioni significativamente maggiori dell’interferenza del dolore. I partecipanti alla CBT hanno anche mostrato un dolore significativamente meno catastrofico e hanno riferito che i loro sintomi FBM avevano un impatto significativamente minore sulla loro vita quotidiana. Il team ha riscontrato prove che, dopo essere stati sottoposti a CBT, i pazienti hanno sperimentato cambiamenti nelle attività di tutte e tre le reti che suggerivano una diminuzione dell’attenzione al dolore.

I ricercatori hanno notato che prima che i partecipanti si sottoponessero alla CBT, avevano visto che alcune parti del cervello legate all’autoconsapevolezza e alle sensazioni erano molto connesse, suggerendo che i pazienti erano perfettamente consapevoli della sensazione di dolore che stavano sperimentando e interiorizzavano questi sintomi. Dopo la CBT, queste connessioni erano significativamente meno forti, suggerendo che i pazienti erano più bravi a separarsi dal dolore dopo la terapia. Questo studio è stato limitato alle donne, in parte a causa della sua elevata prevalenza, e in parte per eliminare le differenze di genere confuse nell’attività cerebrale. In futuro, i ricercatori sperano di raccogliere dati da uomini e pazienti non binari con FM. Inoltre, la CBT comprende diverse componenti terapeutiche e questi risultati non possono essere generalizzati per valutare l’impatto di tutte le forme di CBT sulla riduzione del dolore cronico da fibromialgia.

Robert Edwards, PhD, co-autore senior, psicologo clinico presso il Dipartimento di Anestesiologia e Medicina del Dolore presso il Brigham and Women’s Hospital, ha spiegato in modo approfondito: “In questo studio, abbiamo esaminato l’interazione tra i processi psicologici e i modelli di connettività del cervello in risposta a Dolore. Volevamo esplorare come la CBT, una terapia della parola mirata a combattere i pensieri disadattivi, può migliorare il funzionamento quotidiano degli individui e alterare l’elaborazione delle informazioni legate al dolore da parte del cervello. La CBT può ridurre le risposte cognitive ed emotive negative al dolore. Sebbene queste risposte siano normali, possono amplificare gli effetti invalidanti del dolore cronico e rendere più gravose condizioni come la fibromialgia. Spero che questi risultati motivino gli operatori sanitari a considerare la CBT come un’opzione terapeutica efficace per ridurre l’impatto del dolore sperimentato dai pazienti. Condizioni di dolore cronico come la fibromialgia comportano modelli di cambiamenti di lunga data nel cervello; e la CBT è una delle tante opzioni di trattamento, come i farmaci e la terapia fisica, che sappiamo possono essere utili per coloro che vivono con questo problema”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lee J, Lazaridou A et al. Arthritis Rheumatol. 2023 Sep 20.

Zabihiyeganeh M et al. Musculoskel Care. 2023; 21(3):890.

Islam Z et al. Front Psychiatry. 2022 Dec 22; 13:1076763.

Aguilera M et al. Int J Clin Health Psychol. 2022; 22(2):100296.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Fats and carbs under the spotlights for longevity: are genders affected for separated roadmaps?

Carbohydrates often get a bad rap due to the association of their excessive consumption with weight gain, obesity, metabolic syndrome, and diabetes. This phenomenon, which some researchers...

Lo stile dietetico è “leader” per correggere il colon irritabile (IBS): l’ultima ricerca dell’Università di Goteborg

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è una diagnosi comune che causa dolore e gonfiore addominali, diarrea e stitichezza, in varie combinazioni e con vari...

Ictus: arriva il nuovo farmaco migliore e più sicuro del tPA

Il tipo più comune di ictus è quello ischemico, che è provocato da un coagulo di sangue che ostruisce un vaso sanguigno cerebrale maggiore....

Questo si chiuderà in 20 secondi