domenica, Giugno 23, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Amlexanox: oltre all’allergia, testato positivamente per il diabete

Dopo 12 settimane di assunzione di un farmaco anti-asmatico, un sottogruppo di pazienti con diabete di tipo 2 ha mostrato una riduzione clinicamente significativa della glicemia durante uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, riporta la University of California San Diego School of Medicine e Ricercatori dell’Università del Michigan. In una pubblicazione su carta il 5 luglio su Cell Metabolism, un team guidato da Alan Saltiel, PhD, direttore dell’UC San Diego Institute for Diabetes and Metabolic Health, e Elif Oral, MD, direttore del MEND Obesity and Metabolic Disorder Program presso l’Università del Michigan, insieme agli scienziati dell’Istituto Salk per le scienze biologiche, ha identificato una firma molecolare nei pazienti che hanno risposto all’amlexanox, un farmaco antinfiammatorio e antiallergico utilizzato per il trattamento dell’asma sviluppato negli anni ’80 in Giappone. La scoperta non è pronta per la clinica, ma rivela un potenziale nuovo approccio terapeutico per il trattamento del diabete di tipo 2. Amlexanox è un inibitore di due enzimi, IKKɛ e TBK1, coinvolti nella segnalazione infiammatoria. Ha un bersaglio aggiuntivo, la proteina S100A13, il cui legame blocca le risposte allergiche. 

Negli studi precedenti, Saltiel e il team avevano scoperto che questi due enzimi sono indotti in topi obesi, causando un calo del dispendio energetico o una riduzione delle calorie bruciate. Ciò li ha spinti a cercare inibitori di questi enzimi mediante lo screening di una libreria di 150.000 sostanze chimiche. Hanno trovato l’amexanox. Dando ai topi obesi l’inibitore li ha fatti perdere peso, mentre la loro sensibilità all’insulina aumentava, migliorando il loro diabete e la malattia del fegato grasso. La sperimentazione umana ha rivelato che i cambiamenti genetici che si sono verificati nel modello del topo si sono verificati anche nel gruppo dei risponditori umani. La glicemia nei pazienti in prova clinica è diminuita con la modifica dei geni coinvolti nel dispendio energetico. Il concetto di prova è iniziato con una prova di sicurezza in chiaro di sei pazienti. È stato seguito da uno studio controllato di 42 pazienti obesi con diabete di tipo 2. La metà dei pazienti è stata randomizzata a un gruppo placebo mentre l’altra metà ha ricevuto Amlexanox per tre mesi. Sono stati misurati la glicemia, la sensibilità all’insulina, il peso e il grasso del fegato. Una biopsia di cellule adipose dalla parte mediana di ciascun paziente è stata presa prima e dopo lo studio per misurare i cambiamenti nell’espressione genica.

Un terzo dei partecipanti allo studio in cieco ha risposto. Tra i responder con steatosi epatica non alcolica, è stato anche osservato un miglioramento. Il dott. Saltiel sta pianificando un nuovo trial clinico sull’uomo con i colleghi del Michigan e spiega: “Quando abbiamo esaminato il gruppo trattato con il farmaco, abbiamo visto una distribuzione bimodale, cioè ci sono stati alcuni responder e alcuni non-responders. capire perché, così abbiamo fatto un’analisi molecolare da biopsie di cellule adipose che abbiamo preso da pazienti all’inizio e alla fine dello studio. Nel gruppo di risposta, il livello di infiammazione nel grasso era più alto rispetto al gruppo non-responder all’inizio dello studio, indicando che c’è qualcosa sull’infiammazione che predispone una persona a rispondere e, ciò che è stato davvero sorprendente è stato che ci sono stati oltre 1.100 cambiamenti genetici che si sono verificati esclusivamente nei responder. La parte più eccitante di questo è che abbiamo un farmaco che non è mai stato studiato per tale applicazione. È un nuovo meccanismo per un farmaco per il diabete e il fegato grasso. È promettente, ma ci sono molte domande che devono ancora essere risolte. tantissimo da indirizzare? Qual è il giusto dosaggio di droga? A che ora del giorno dovrebbe essere somministrato? Quante volte i pazienti dovrebbero assumere il farmaco? Quali altre combinazioni di farmaci possono essere utilizzate con Amlexanox? La percentuale di responder può essere aumentata? Gli effetti benefici del farmaco saranno sostenuti per un tempo più lungo?”

Saltiel ha detto che il suo laboratorio presso la UC San Diego School of Medicine prevede di immergersi più a fondo nelle variazioni genetiche per capire meglio quali sono le più importanti, che influiscono sul grasso del fegato, che si traducono in cambiamenti nei livelli di zucchero nel sangue e altro ancora. Sta progettando un nuovo trial clinico per valutare come stratificare i pazienti che probabilmente risponderanno in base al grado di infiammazione sottostante.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Oral EA et al., Saltiel AR. Cell Metab. 2017 Jul 5; 26(1):157-170.

Reilly SM et al., Saltiel AR. Nat Commun. 2015 Jan 12; 6:6047. 

Mowers J, Uhm M et al., Saltiel AR. Elife. 2013 Dec; 2:e01119.

Reilly SM et al., Saltiel AR. Nature Med. 2013 Mar; 19(3):313-21.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Le proprietà nutrienti dei fichi: quali sono i benefici per la salute di questi frutti simbolo di benessere?

I fichi, scientificamente conosciuti come Ficus carica, sono alberi o arbusti decidui che appartengono alla famiglia delle Moraceae. Sono originari dell'Asia sudoccidentale e del...

Stili alimentari e rischio di osteoporosi: le ossa si fanno più forti variando dieta e nutrizione

L’invecchiamento ha un impatto sulla salute delle ossa e sui livelli ormonali, che potrebbero ridurre la densità minerale ossea (BMD). L’osteoporosi, una malattia ossea...

Eccipienti “inerti” dei farmaci: ma così tanto inerti non sembrano affatto

A parte i princìpi attivi, pillole o altre forme di medicinale contengono ingredienti definiti inattivi. Alcuni di questi, però, possono essere responsabili di effetti...

Questo si chiuderà in 20 secondi