lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Le antiglutammine contro il cancro tornano in campo: e da naturalmente tossiche adesso non lo sono più

Le cellule tumorali hanno sempre fame di due cose: glucosio e glutammina. Con questa ci possono fare proteine e basi del DNA per potersi replicare. Le cellule tumorali in rapida crescita utilizzano un’enorme quantità di glutammina, un fenomeno chiamato “dipendenza da glutammina”, ma anche altre cellule sane con un rapido ricambio, come quelle che rivestono l’intestino o nel midollo osseo, fanno affidamento sulla glutammina. Anche le cellule cerebrali necessitano di tanta glutammina, sebbene non debbano dividersi: nel loro caso, ci fabbricano le basi del DNA per ripararlo ed il glutatione (GSH) cellulare per proteggersi dallo stress ossidativo. Sfruttando la “dipendenza” da questo aminoacido, trattare i tumori dovrebbe essere semplice, molti penseranno, ma non è così. Ma un nuovo profarmaco scoperto da scienziati della Johns Hopkins, chiamato DRP-104 (sirpiglenastat), è in fase iniziale di studi clinici su persone con tumori solidi avanzati.

La ricerca sui topi mostra che il farmaco potenziato elimina preferenzialmente le cellule tumorali, ma non danneggia le cellule sane. DRP-104 è un profarmaco mirato al tumore, derivato da un vecchio farmaco che imita la glutammina, chiamato DON (6-Diazo-5-Oxo-L-norleucina), che inibisce molteplici enzimi che utilizzano la glutammina nelle cellule tumorali. Ancora prima di questo, i clinici hanno utilizzato un antibiotico naturale prodotto da muffe, chiamato azaserina, che era usato contro i sarcomi. Ma era troppo tossico e fu abbandonato dopo pochi anni. Molti dei primi studi sul DON hanno dimostrato che era estremamente efficace negli esseri umani e nei topi, ma il suo sviluppo è stato interrotto a causa della sua tossicità per i tessuti normali, in particolare l’intestino. Questo perché la glutammina serve al rinnovo delle cellule ad elevato ricambio tissutale e fra queste ci sono quelle delle mucose interne (tratto gastrointestinale) e della pelle.

Lo sviluppo di questa promettente classe di farmaci non riprese fino a quando i Drs. Slusher, Rais e il loro team, che lavoravano presso il Johns Hopkins Kimmel Cancer Center e il suo Bloomberg~Kimmel Institute for Cancer Immunotherapy, hanno deciso di apportare modifiche chimiche al DON. Hanno aggiunto gruppi chimici, chiamati “pro-moieties”, al DON che lo hanno reso inattivo nel corpo finché non ha raggiunto il tumore, dove le promoieties sono state tagliate da enzimi che sono abbondanti nel tumore ma non nell’intestino. Questo specifico profarmaco ha reso il DON mirato alla destinazione prevista (tumore) e ha un impatto minore sulle cellule sane altrove. Per il nuovo studio, i ricercatori hanno somministrato il farmaco DON originale e il farmaco DRP-104 “truccato” a topi a cui erano stati impiantati tumori. Nei topi che hanno ricevuto DRP-104, i ricercatori hanno trovato 11 volte più farmaco attivo nel tumore rispetto all’intestino.

Entrambi i farmaci hanno completamente eliminato il tumore, ma il DON ha causato ovviamente una maggiore tossicità intestinale nei topi rispetto al DRP-104. Slusher e i coautori dello studio Rana Rais, Pavel Majer e Jonathan Powell hanno co-fondato una società di biotecnologie, Dracen Pharmaceuticals Inc., che ha concesso in licenza questo nuovo profarmaco per lo sviluppo clinico. DRP-104 è in fase di sperimentazione clinica di fase I/II in centri negli Stati Uniti, incluso il Johns Hopkins Kimmel Cancer Center, per persone con tumori solidi in stadio avanzato. Slusher afferma che il suo laboratorio Johns Hopkins Drug Discovery è anche attivamente alla ricerca di altri farmaci che hanno fallito gli studi clinici a causa di problemi di tossicità. Sperano di applicare questo stesso progetto di profarmaco a farmaci per altre condizioni.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

AOH1996: il killer di nuova generazione per tutti i tumori? (02/08/2023)

Ricerca flash: antitumorali atossici che diventano tossici trattandoli con ultrasuoni (06/04/2023)

Innovazione anticancro: la vitamina C diventa efficace se si toglie il grosso delle calorie (15/05/2020)

Colite e tumore del colon: come si combattono con gli amminoacidi (02/06/2018)

Glutammina: amminoacido non essenziale ma tutto-fare per la salute (08/11/2017)

Pubblicazioni scientifiche

Rais R, Lemberg KM et al. Sci Advances 2022; 8(46):eabq5925.

Gao RD et al. Bioorg Med Chem Lett. 2021 Oct 15; 50:128321.

Hanaford AR et al. Transl Oncol. 2019 Oct; 12(10):1314-1322.

Tenora L, Alt J et al. J Med Chem. 2019 Apr; 62(7):3524-3538.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

La scienza aggiorna sulle potenzialità della dieta chetogenica: la famosa Keto-diet serve solo per dimagrire?

La dieta chetogenica (KED), che consiste nel consumo di carboidrati in quantità molto basse e in un consumo vario di calorie, proteine e grassi,...

Sindromi pre-leucemiche: il metabolismo dell’ossigeno è il prossimo bersaglio

Gli scienziati potrebbero essere sulla strada per risolvere il mistero di un gruppo di malattie del sangue per lo più incurabili chiamate sindromi mielodisplastiche...

Disperati per la calvizie? Il capello “indossa il sandalo” e mette fine al “calvario”

Una sostanza chimica che imita l’odore del legno di sandalo sembra avere la capacità di stimolare la crescita dei capelli negli esseri umani. Questo...

Questo si chiuderà in 20 secondi