giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

La fatica “mentale” post-COVID che non va via: l’ultima recensione aggiornata sui fatti

La ricerca sugli effetti a breve e lungo termine della malattia COVID-19 è in corso. Fino ad ora, gli scienziati hanno scoperto che il SARS-CoV-2 colpisce il cervello causando perdita dell’olfatto e del gusto, vertigini, dolori muscolari, affaticamento e altri disturbi cognitivi. Tuttavia, è rimasto sconosciuto il motivo per cui alcune persone hanno sviluppato sintomi neurologici mentre altre no. Un team internazionale di ricercatori ha condotto la più ampiare visione sistemica e meta-analisi dei casi precedenti di COVID-19 che coinvolgevano qualsiasi tipo di complicanze neurologiche. Hanno scoperto che un terzo dei pazienti con infezione da COVID-19 ha manifestato almeno una manifestazione neurologica. Un paziente su cinquanta ha avuto un ictus. Anche l’età gioca un rischio con le persone di età superiore ai 60 anni che sviluppano sintomi neurologici associati ad un aumento della mortalità. Il team ha condotto una ricerca in letteratura esaminando i casi di COVID-19 dal 31 dicembre 2019 al 15 dicembre 2020.

Gli studi sono stati inclusi nella revisione se presentavano pazienti con diagnosi positiva di COVID-19 e presentavano uno o più sintomi neurologici temporaneamente associati a infezione. I sintomi neurologici non dovevano essere spiegati da un motivo di salute alternativo. Il team ha incluso anche casi che avrebbero potuto essere potenzialmente casi di infezione da SARS-CoV2, ma mancavano i test diagnostici. La meta-analisi includeva 350 studi da 55 paesi. Un totale di 20 studi comprendenti pazienti con COVID-19 di età inferiore a 18 anni e 14 studi includevano solo pazienti di età superiore a60 anni. Nell’analisi sono stati inclusi 145.634 pazienti con infezione da coronavirus. Circa il 54% dei pazienti era di sesso maschile e l’89% dei pazienti ha richiesto il ricovero in ospedale. Alcuni pazienti con sintomi neurologici avevano condizioni preesistenti, con l’ipertensione (26%), seguita dal diabete (14%). I sintomi neurologici più comuni includevano fatica (32%), dolore muscolare (20%), dolore o affaticamento muscolare (31%), vertigini (7%), perdita dell’olfatto (19%), perdita del gusto (21%) e mal di testa (13%).

Circa l’11% dei pazienti ha avuto brevi episodi di confusione / delirio, il 7% ha avuto una ridotta coscienza e il 45% ha avuto agitazione. In 33 studi, c’erano circa 17 diverse diagnosi neurologiche in pazienti con COVID-19, indicando un ampio spettro di manifestazioni neurologiche. Di questi, il 2% dei pazienti ha avuto un ictus. I ricercatori hanno anche riscontrato una prevalenza del 24% per i disturbi neuropsichiatrici e un rischio del 5% di lesioni muscolari. I pazienti con grave malattia COVID-19 erano associati a lesioni o danni ai muscoli scheletrici, alterazione della coscienza e affaticamento. Tuttavia, i pazienti con infezione grave avevano meno probabilità rispetto ai pazienti con infezione lieve di avere cambiamenti nell’olfatto o nel gusto. I risultati hanno mostrato che circa la metà dei pazienti che non hanno richiesto il ricovero ha avuto una perdita dell’olfatto, con il 44% che ha riferito una perdita del gusto. Altri sintomi comuni includevano mal di testa e dolori muscolari.

La revisione sistemica del team ha incluso 3,176 pazienti più anziani con una gamma di dieci diversi sintomi neurologici. Gli anziani avevano maggiori probabilità di provare confusione acuta o delirio, affaticamento, dolori muscolari, vertigini e mal di testa. I pazienti adolescenti con infezione da SARS-CoV-2 avevano maggiori probabilità di riferire affaticamento o dolore muscolare, perdita dell’olfatto o del gusto, mal di testa, affaticamento e convulsioni. Circa il 27% dei pazienti con malattia COVID-19 e sintomi neurologici è deceduto. Le persone di età superiore ai 60 anni erano significativamente collegate a un aumento del rischio di morire a causa della malattia. Il team spera che i loro risultati possano aiutare con la pratica clinica e la ricerca futura per comprendere la gravità e la mortalità dell’infezione da COVID-19. Potrebbe potenzialmente aiutare i medici a trattare le manifestazioni neurologiche durante le infezioni e quelle che persistono nel COVID lungo.

Gli autori hanno scritto nella conclusione: “La nostra revisione mostra che le condizioni neurologiche preesistenti sono una comorbidità comune associata al COVID. Dopo l’ipertensione e il diabete, la comorbilità combinata di malattie cardiovascolari / cerebrovascolari è stata la terza comorbilità più comunemente riportata associata a COVID-19”. Questa recensione aggiunge prove al sempre crescente numero di casi di persone che lamentano quella “fatica cronica” e difficoltà mentali che non si sanno spiegare. L’ultimo è il caso clinico della donna che dopo 6 mesi guarita dal COVID è ancora nella “trappola della nebbia mentale”, come pubblicato su La Repubblica, sezione Salute, qualche giorno fa.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Misra S et al. medRxiv 2021 Apr 23 preprint.

Ellul MA et al. Lancet Neurol 2020; 19:767–83.

Favas TT et al. Neurol Sci 2020; 41:3437–70.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Microbiota: come l’esercizio fisico modella l’intestino

È noto che ciò che mangiamo condiziona i microbi che vivono nel nostro intestino, noto collettivamente come il microbiota intestinale. Secondo due nuovi studi,...

Targeting cholesterol metabolism to fight tuberculosis: are we on the right track?

“The greatest and most dangerous disease and the one that proved fatal to the greatest number, is consumption” (Hyppocrates) Tuberculosis (TB) is one of the...

Ischemia cerebrale: prevenire con gli antiossidanti è utile?

Quando il flusso sanguigno cerebrale trova un ostacolo, il cervello non riceve abbastanza ossigeno e nutrienti. Se tale ostruzione non si risolve in tempi...

Questo si chiuderà in 20 secondi