HomeBENESSERE & SALUTEI bambini ed il COVID: i dati su ammissioni ospedaliere, gravità ed...

I bambini ed il COVID: i dati su ammissioni ospedaliere, gravità ed eventuali complicanze

I bambini con infezione da SARS-CoV2 mostrano un’ampia gamma di presentazioni cliniche, da quelle asintomatiche a quelle critiche o fatali. Nella maggior parte dei casi, sono tipici sintomi respiratori, febbre e, in alcuni casi, diarrea, febbre e perdita dell’olfatto. Alcuni bambini sviluppano gravi sequele infiammatorie che coinvolgono più sistemi di organi, chiamate sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS-C). La MIS-C di solito si verifica da 2 a 6 settimane dopo l’infezione da SARS-CoV2 e il sintomo più comune in tutti i bambini affetti è la febbre persistente, mentre altre caratteristiche cliniche come dolore addominale acuto, dolore muscolare, diarrea o vomito, mal di testa e l’affaticamento varia. Iperemia ed esantema, una “lingua a fragola” e mani e piedi gonfi simili alla malattia di Kawasaki sono stati osservati in un’alta percentuale di pazienti MIS-C. Sono stati osservati regolarmente anche problemi cardiovascolari come disfunzione miocardica, ipotensione arteriosa o shock sistemico, mentre possono svilupparsi anche miocardite, pericardite e coinvolgimento di valvole e arterie coronarie.

Le analisi di laboratorio mostrano un’infiammazione intensa con livelli elevati di proteina C-reattiva sierica, ferritina, procalcitonina, troponina e marker di coagulopatia e anomalie ematologiche. La maggior parte dei bambini affetti da PIMS avrà bisogno di cure in terapia intensiva a causa di insufficienza multiorgano e shock. Gli studi hanno discusso un possibile coinvolgimento di autoanticorpi patogeneticamente rilevanti in MIS-C. Gli scienziati hanno recentemente scoperto autoanticorpi neutralizzanti contro l’antagonista del recettore IL-1 (IL-1-Ra) e gli antagonisti del recettore antinfiammatorio progranulina in pazienti adulti con COVID-19 grave. Mentre i fattori di rischio per l’ospedalizzazione e gli esiti negativi sono ben documentati negli adulti, si sa meno sui fattori clinici associati alla gravità della malattia COVID nei bambini. Nel tentativo di aiutare le strategie di mitigazione per i bambini ad alto rischio di sviluppare una grave malattia COVID, un gruppo di medici del Monroe Carell Jr. Children’s Hospital di Vanderbilt ha studiato i dati di 45 ospedali pediatrici in tutto il paese; complessivamente sono stati inclusi 20.000 pazienti.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Hospital Medicine, ha determinato i fattori associati a malattie gravi e scarsi risultati di salute tra i bambini che si presentano in ospedale con COVID. Questi includevano l’età avanzata e comorbilità croniche come obesità, diabete e condizioni neurologiche, tra le altre. Lo studio di coorte retrospettivo ha rilevato che circa 1 bambino su 4 ricoverato in ospedale con COVID ha sviluppato una malattia grave e ha richiesto cure in terapia intensiva nei mesi di aprile e settembre 2020. Poiché la maggior parte delle segnalazioni sull’infezione da SARS-CoV2 nei bambini si basa su coorti di bambini ospedalizzati, portando all’intero spettro della malattia che è sfuggito alla descrizione. Il presente rapporto si concentra sulle caratteristiche sociali e demografiche della popolazione pediatrica, insieme ai fenotipi clinici, alla durata dei sintomi e ai risultati in questa popolazione. Il periodo iniziale della pandemia non ha colpito seriamente i bambini in parte a causa del loro relativo isolamento dalle fonti di infezione attraverso la chiusura delle scuole.

Tuttavia, la variante delta di SARS-CoV2 che si sta attualmente diffondendo ha colpito i bambini più di quel periodo iniziale. Ecco perché una ricerca sulla rivista BMC Pediatrics descrive i fenotipi clinici e gli esiti in un migliaio di bambini che hanno sviluppato COVID-19. Ciò ha portato all’identificazione dei fattori di rischio per l’ospedalizzazione. Lo studio si è svolto in un grande ospedale pediatrico nel sud-est degli Stati Uniti. I ricercatori hanno scoperto che i primi mille pazienti pediatrici con infezione da SARS-CoV-2 sono stati arruolati nei registri ospedalieri tra il 13 marzo e il 28 settembre 2020. Quasi due terzi di questi bambini hanno avuto uno stretto contatto con un individuo infetto noto. Circa uno su cinque aveva un’altra condizione medica. Mentre l’80% dei test era in ambito ambulatoriale, il resto proveniva dal pronto soccorso, con una piccola frazione restituita dopo il ricovero. Il periodo mediano dall’insorgenza dei sintomi al test è stato di due giorni. Più della metà dei bambini presentava tosse, mentre il 43% aveva mal di testa. Poco più di uno su tre aveva mal di gola, con una proporzione simile di febbre.

I bambini più piccoli hanno avuto più spesso febbre ed eruzioni cutanee, ma i bambini più grandi hanno riportato più spesso mal di gola e dolori muscolari. In questo gruppo, il 75% dei bambini ha avuto uno o più sintomi legati al sistema respiratorio, due terzi ha avuto un sintomo generale e poco più di un quarto ha avuto sintomi intestinali. I sintomi respiratori includevano tosse, naso che cola, mal di gola o difficoltà di respirazione. Nei due terzi del gruppo con sintomi respiratori, questi erano accompagnati da uno o più sintomi generali come mal di testa, dolori muscolari, anosmia, affaticamento o eruzione cutanea. Un quarto aveva sintomi respiratori e un sintomo correlato all’intestino come nausea/vomito, diarrea e dolore addominale. Circa il 4% dei pazienti ha richiesto il ricovero in ospedale, i due terzi dei bambini ricoverati avevano un’altra condizione medica. Meno dell’1% (otto bambini) ha avuto bisogno del ricovero in unità di terapia intensiva (ICU) e due bambini hanno avuto bisogno di ventilazione meccanica. Solo un bambino in seguito ha sviluppato MIS-C e c’è stata una morte nell’intero gruppo, probabilmente a causa dell’infezione.

Circa il 45% dei bambini ha riportato una guarigione completa a una mediana di due giorni dalla diagnosi. I bambini più grandi avevano maggiori probabilità di avere sintomi persistenti in questo momento. La maggior parte dei bambini (94%) si è ripresa dai sintomi entro un mese. A 30 giorni, c’erano 28 pazienti con sintomi come stanchezza, affaticamento e ridotta sensazione di olfatto. Non ci sono stati casi di lungo COVID-19 in questa coorte. Secondo la loro analisi, la presenza di un’altra condizione medica ha aumentato il rischio di ospedalizzazione di quasi otto volte, mentre la mancanza di respiro lo ha aumentato di sette volte. La presenza di vomito ha aumentato il rischio di cinque volte. L’origine nera o ispanica è stata associata a un aumento di tre volte. Gli studi hanno dimostrato che la maggior parte dei bambini con infezione da SARS-CoV2 ha avuto esiti favorevoli, non ha richiesto il ricovero in ospedale e spesso si è ripresa entro due giorni dalla diagnosi. La ragione di questa differenza di gravità tra adulti e bambini è sconosciuta. L’aumentata espressione del cofattore ospite TMPRSS2 nelle cellule polmonari con l’età può essere una spiegazione.

Nonostante la minore suscettibilità alle infezioni e alle malattie gravi, resta vero che finora negli Stati Uniti sono stati infettati tre milioni di bambini. I bambini ispanici e quelli con fratelli infetti sono a maggior rischio. Tali considerazioni possono guidare strategie di mitigazione. La mitezza dell’infezione in questa fascia di età significa che la misura in cui i bambini guidano la trasmissione domestica non è stata ancora stabilita. L’impatto della chiusura delle scuole sulla diffusione virale dai bambini agli adulti potrebbe quindi non essere così efficace come previsto. I fattori di rischio per l’ospedalizzazione differiscono tra bambini e adulti. In quest’ultimo, essere maschi, anziani e obesi aumenta il rischio di grave COVID-19. Tuttavia, l’obesità e il sesso maschile non sono risultati fattori di rischio per l’ospedalizzazione nei bambini. L’etnia ispanica o nera, il vomito, un’altra condizione medica o la presentazione di dispnea predicevano un rischio più elevato di malattia grave. Nel complesso, i dati disponibili indicano che il COVID pediatrico non raggiunge la gravità clinica come negli adulti.

A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Nallasamy K et al. Indian J Pediatr. 2021; 88(10):979.

Howard L et al. BMC Pediatrics 2021; 21(1):403.

Pfeider J et al. medRxiv 2021 Sept 8; 21263027.

Antoon JW et al. J Hosp Med 2021; 16(5):294-97.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI