Tumore alla prostata: spunta un nuovo farmaco diverso dai correnti

Il cancro alla prostata è la forma più comune di cancro negli uomini nei paesi occidentali. Ci sono circa 1 milione di nuovi casi in tutto il mondo all’anno, e circa 310.000 muoiono di questo tumore (fonte GLOBOCAN). Ci sono stati più di quattro volte l’incidenza del cancro alla prostata nel 2017 come negli anni ’50, ma allo stesso tempo, i trattamenti sono migliorati, molti altri vivono più a lungo e muoiono con, piuttosto che con, il cancro alla prostata. Tuttavia, sono urgentemente necessari trattamenti più efficaci. Il Professor Fahri Saatcioglu del Dipartimento di Bioscienze dell’Università di Oslo (IBV) dirige un gruppo di ricerca che studia come gli androgeni – gli ormoni sessuali maschili – influenzano il rischio di essere colpiti dal cancro alla prostata. I ricercatori hanno lavorato a lungo nello studio di quelle che sono chiamate vie di trasduzione del segnale nelle cellule del cancro alla prostata, e questa ricerca di base ha ora dato risultati promettenti. Una nuova piccola molecola chiamata MKC8866 ha un ottimo effetto sulla crescita delle cellule tumorali della prostata sia nella coltura cellulare che negli esperimenti sugli animali, e il team sta già pianificando studi clinici con esseri umani da effettuare in Scandinavia e nell’Europa occidentale.

Il farmaco MKC8866 è una piccola molecola appartenente ad un gruppo di sostanze chiamate idrossi-aril-aldeidi. È stato sviluppato dalla società di biotecnologie originariamente basata negli Stati Uniti MannKind Corporation, che ha esaminato un totale di circa 200.000 sostanze chimiche per trovare MKC8866. Il team di ricerca ha documentato che MKC8866 contrasta la crescita dei tumori del cancro alla prostata e ha dimostrato che interferisce con un tipo di reazione a catena – una via di segnalazione – che è associata alla risposta allo stress delle cellule. Tutte le cellule del corpo possono sperimentare di volta in volta diverse forme di stress, e le cellule tumorali sono sottoposte a stress supplementare perché devono crescere rapidamente mentre hanno difficoltà ad assumere abbastanza ossigeno e sostanze nutritive. Pertanto, le cellule tumorali “dirottano” i meccanismi di risposta allo stress delle cellule normali e li utilizzano a proprio vantaggio per sopravvivere. MKC8866 potrebbe bloccare questo “dirottamento” e quindi le cellule tumorali non possono più far fronte e come risultato muoiono. Il percorso di segnalazione intracellulare che è centrale per la nuova scoperta è collegato al reticolo endoplasmatico (ER) delle cellule.

Questo è un piccolo organello cellulare, che consiste in una rete di piccole membrane all’interno delle cellule. Molti dei processi biochimici della cellula avvengono in queste membrane. La maggior parte del lavoro in questi compartimenti è di piegare correttamente le proteine prima che si impegnino a svolgere il loro compito, dai recettori agli enzimi. Un complesso meccanismo di proteine nell’ER è responsabile di questo lavoro; gli scienziati hanno scoperto molto a riguardo, eppure alcuni meccanismi sono ancora oscuri. Una volta che una cellula riceve una forma di stress dall’ambiente (radiazioni, stress ossidativo, metalli pesanti, ecc.), ciò può influire sul ripiegamento delle proteine in diversi modi. Attraverso sensori specifici, l’ER viene avvisato di ciò che sta accadendo. Il professor Saatcioglu e un gruppo internazionale di partner di ricerca hanno dimostrato nel 2015 sia un percorso segnale attivato che un altro inibito nelle cellule del cancro alla prostata, così hanno iniziato a studiare il percorso del segnale attivato – con il termine IRE1. Non era precedentemente noto che questo segnale ha una funzione nello sviluppo del cancro alla prostata, ma i ricercatori hanno scoperto che è particolarmente importante per l’attivazione di un oncogene chiamato c-Myc, una proteina nucleare che ha un ruolo importante in molti cancri.

Il professor Saatcioglu afferma che ci sono diversi motivi per cui l’incidenza del cancro alla prostata in Norvegia e in altri paesi occidentali è aumentata notevolmente dagli anni ’50. Una delle ragioni importanti è che viviamo più a lungo, e il cancro alla prostata è principalmente una malattia che colpisce gli uomini più anziani. Quasi la metà di tutti i nuovi casi si verificano tra gli uomini di età superiore ai 74, secondo il Registro Norvegese dei Tumori. Sottolinea l’importanza di trasformare i dati di laboratorio in utilità clinica: “La ricerca di traduzione è un tipo di ricerca medica che mira a tradurre le conoscenze dalla ricerca di base in applicazioni pratiche nel trattamento dei pazienti. Questo progresso è il risultato di una ricerca di base e traslazionale che dura da circa dieci anni. C’è un sacco di sforzi da parte di molte persone a livello internazionale nel corso di molti anni che è alla base di questi risultati. Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare tutti gli studenti, i dipendenti e i partner che hanno partecipato a varie parti di questo e alle organizzazioni che ci hanno sostenuto finanziariamente. Se riusciamo negli studi clinici, penso che potremmo avere una nuova medicina sviluppata in circa cinque o sei anni”.

Gli interi risultati sono stati pubblicati giovedì nella prestigiosa rivista Nature Communications.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Winje IM et al. Acta Physiol (Oxf). 2018 Oct 16:e13204.

Jin Y et al. Oncotarget. 2017 Aug 2; 8(41):71317-71324.

Storm M et al. Oncotarget 2016 Aug 16; 7(33):54051-66.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1365 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it