domenica, Giugno 23, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Dietro al COVID lungo e le reazioni ai vaccini c’è davvero l’autoimmunità? Lo spiegano due esperti

Negli ultimi mesi, un numero crescente di persone in tutto il mondo afferma che dopo aver sviluppato COVID-19, sta vivendo uno stato prolungato di cattiva salute che le persone ora chiamano COVID lungo. Le persone con COVID lungo spesso avvertono sintomi, come febbre, affaticamento o mal di testa, che si accendono e si spengono per mesi dopo che la malattia iniziale dovrebbe essersi attenuata. Le prove esistenti indicano che i sintomi diCOVID-19 dovrebbero scomparire circa 2 settimane dopo l’insorgenza dei sintomi. Le ragioni per cui così tante persone continuano a manifestare sintomi dirompenti rimangono poco chiare. Tuttavia, ricercatori e medici stanno ora iniziando a esaminare possibili meccanismi e i modi migliori per supportare le persone con COVID lungo. Quando il nostro corpo è esposto a un virus, o a qualsiasi infezione, riconosce come antigene le proteine e altre molecole presenti sul virus invasore. Quindi aumentiamo il nostro sistema immunitario per attaccare quell’antigene. Pertanto, cerchiamo di neutralizzare gli invasori infettivi, come il virus SARS-CoV2.

Una volta che usiamo i nostri anticorpi per attaccare la proteina virale invasiva, parti di questi complessi antigene-anticorpo neutralizzanti possono anche essere viste come “non noi” dai nostri corpi. Possiamo anche formare anticorpi secondari, chiamati anticorpi anti-idiotipi. Qual è lo scopo degli anticorpi anti-idiotipi? Dopo i benefici iniziali dell’immunità di prima linea, il nostro corpo ha processi naturali per cercare di appiattire la nostra risposta alle sfide. Questi processi sono noti come downregulation. La produzione di anticorpi anti-idiotipi è uno dei metodi del nostro corpo per ottenere la downregulation. Tuttavia, la presenza di anticorpi anti-idiotipi può avere effetti negativi inaspettati. In primo luogo, possono neutralizzare i nostri anticorpi di primo intervento che combattono le infezioni, quindi interferiscono con la capacità del nostro corpo di combattere l’infezione se persiste. Insecondo luogo, possono imitare l’organismo invasore originale e legarsi alle nostre cellule allo stesso modo. Questo provoca gli stessi sintomi dell’infezione o provoca un attacco delle cellule immunitarie alle nostre cellule sane.

Un gruppo di ricercatori ha recentemente ipotizzato che complesse risposte immunitarie al coronavirus potrebbero spiegare gli effetti a lungo termine del COVID-19. Suggeriscono anche che questi meccanismi immunologici possono contribuire ai rari e gravi effetti collaterali del vaccino COVID-19. I dottori Murphy e Longo riferiscono che questo comportamento di imitazione da parte degli anticorpi anti-idiotipi è già stato dimostrato in modelli, come la diarrea virale nei bovini. In un articolo del New England Journal of Medicine, spiegano come l’autoimmunità possa essere il meccanismo che causa queste due distinte complicanze del SARS-CoV2. Hanno spiegato come questo concetto di anticorpi anti-idiotipiche mediano gli effetti e ne limitano l’efficacia, potrebbe avere un profondo impatto sulla comprensione di come aumentare l’efficacia e la durata delle risposte anticorpali protettive. In base alle loro risposte anti-idiotipiche, potrebbe anche aiutare i medici a determinare se i pazienti sono a rischio, o consentire lo sviluppo di interventi terapeutici.

La proteina spike SARS-CoV2 sulla superficie del virus si lega ai recettori ACE2 sulle nostre cellule. I recettori ACE2 sono presenti su molte cellule in tutto il corpo, inclusi polmoni, cuore, reni, nervi e cervello. Quindi, qualsiasi proteina, inclusa una proteina virale, che leghi questi recettori può influenzare profondamente la nostra salute. Indipendentemente dal fatto che produciamo anticorpi di prima linea dal vaccino o da un’infezione da SARS-CoV2, gli anticorpi anti-idiotipo hanno il potenziale per produrre gli stessi sintomi ed effetti collaterali dell’infezione da SARS-CoV2. Raggiungono ciò legandosi al recettore ACE2. Questo permette l’entrata del virus dentro le cellule dove inizia il suo ciclo infettivo e replicativo. Normalmente uno o due cicli virali sono sopportati dalle cellule e non inducono la lisi cellulare, anche se ci sono eccezioni e ci sono virus che con un singolo ciclo replicativo invadono la cellula ospite e la forzano inevitabilmente verso la rottura e la morte.

E’ con la lisi cellulare non programmata che gli auto-antigeni interni diventano così esposti al sistema immunitario. Una prova di questo detto è un report di poco postumo al lavoro pubblicato dai Drs. Longo e Murphy. Un team francese dell’Università di Marsiglia ha pubblicato un rapporto clinico che dichiara come una caratteristica dei pazienti con la sindrome da COVID lungo sia la presenza nel sangue di anticorpi anti-cardiolipina (aCL). Questo succede anche in altre sindromi autoimmuni, come il lupus eritematoso sistemico. Nel caso sotto studio, sono state evidenziate complicanze neurologiche che non possono essere spiegate da alcuna causa diversa dal COVID lungo. Oltre a un processo infiammatorio di basso grado, sono state notate la persistenza della positività delle IgG aCL, e della bassa conta di globuli bianchi eosinofili 1 anno dopo l’infezione acuta da COVID, ed entrambi sono stati definiti in precedenza come fattori indipendenti associati alla gravità della malattia. In quanto tali, potrebbero essere predittori biologici di del COVID lungo.

Al momento, la prevalenza di IgG aCL nei pazienti post-COVID e il meccanismo fisiopatologico coinvolto nel COVID lungo rimangono sconosciuti, ma sono state avanzate le seguenti ipotesi: (1) persistenza del virus nel sistema nervoso; (2) una reazione infiammatoria o autoimmune post-infettiva; o (3) un coinvolgimento della microglia, lacomponente immunitaria del cervello. Il dott. Murphy ha infine spiegato: “La stragrande maggioranza della ricerca sia sulle risposte all’infezione da SARS-CoV2 che sui vaccini si concentra esclusivamente sull’anticorpo protettivo e sulle risposte delle cellule T. Occorre investire molto di più nella ricerca di base sui percorsi immunoregolatori che possono limitare le risposte e la durata, ma anche sulla loro capacità di mediare gli effetti fuori bersaglio. Data la forte dipendenza dallapopolazione per i vaccini e la necessità di potenziamento, insieme all’emergere di varianti virali, è imperativo che più ricerca sia diretta alla comprensione dei meccanismi coinvolti utilizzando modelli preclinici che. per dirla nel modo più semplice, non sono stati fatti adeguatamente”.

Nonostante sia stato proposto dal Dr. Niels Jerne, Premio Nobel nel 1974, come mezzo per la regolazione degli anticorpi, la ricerca in quest’area degli anticorpi anti-idiotipi si è notevolmente ridotta e di solito non è nel discorso delle risposte anticorpali. Questi risultati potrebbero fornire molti benefici, in particolare nella comprensione di come aumentare l’efficacia e la durata delle risposte anticorpali protettive, nonché consentire mezzi per determinare se i pazienti sono a rischio in base alla loro risposta anti-idiotipica”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Murphy WJ, Longo DL. New Engl J Med. 2021 Nov 24.

Bertin D et al. Int J Infect Dis 2021 Dec; 113:23-25.

Müller-Calleja N et al. Science. 2021; 371:eabc0956.

Bertin D et al. Arthritis Rheumatol. 2020; 72:1953–55.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Come risente il microbiota della integrazione di alcune vitamine: implicazioni per le coliti infiammatorie

Background Un numero crescente di prove indica che il microbioma intestinale svolge un ruolo significativo nella salute umana e nello sviluppo di varie malattie. La...

Sale a tavola e salute: sempre più prove dicono che danneggia il sistema immunitario

Una dieta ricca di sale non è solo dannosa per la pressione sanguigna, ma anche per il sistema immunitario. Questa è la conclusione di...

Virus oncolitico + immunoterapia in missione contro il cancro cerebrale: il nuovo trial clinico

Il glioblastoma è un tumore cerebrale primario notoriamente difficile da trattare. Nonostante il trattamento aggressivo, che in genere comporta la rimozione chirurgica del tumore...

Questo si chiuderà in 20 secondi