HomeATTUALITA' & SALUTEFinalmente si cambia strategia: lo sviluppo di vaccini contro la Omicron invece...

Finalmente si cambia strategia: lo sviluppo di vaccini contro la Omicron invece della quarta dose

Quando SARS-CoV-2 è emerso per la prima volta, molti governi in tutto il mondo sono stati costretti ad adottare misure costose e restrittive per ridurne la trasmissione. Poiché sono stati sviluppati diversi vaccini e sono state avviate campagne di vaccinazione di massa, molte nazioni sviluppate hanno iniziato a ridurre la gravità delle loro restrizioni COVID-19. Tuttavia, continuano ad emergere nuove varianti di SARS-CoV2, molte delle quali sono in grado di eludere l’immunità sia naturale che indotta dal vaccino. Ecco perché la comunità scientifica, dopo la terza dose di richiamo (booster) ha reputato che è inutile continuare con le stesse tipologie di vaccino, che non hanno variazioni molecolari rivolte verso nuove varianti del virus. In un recente studio preliminare i ricercatori della Yale University School of Medicine hanno sviluppato un nuovo vaccino candidato specificamente mirato contro la variante Omicron. Nel loro studio, i ricercatori hanno sviluppato il loro vaccino candidato per essere specifico di Omicron basandolo sulla sequenza di picchi della variante.

Nella sequenza sono state introdotte sei mutazioni note, per migliorare la stabilità e lo stato di prefusione, mentre il sito di scissione della furina è stato sostituito con una sequenza per mantenere l’integrità delle due subunità. Gli scienziati hanno iniziato con le proprietà biofisiche del loro prodotto e hanno dimostrato che nelle cellule HEK293T, l’mRNA virale Omicron potrebbe produrre la proteina spike Omicron come esamero, in grado di legarsi al recettore ACE2 umano. In seguito, i ricercatori si sono mossi per caratterizzare l’immunogenicità in vivo vaccinando e testando i topi. Il sangue è stato raccolto prima dell’immunizzazione nei giorni 0, 13 e 21 e poi una settimana dopo la seconda dose di richiamo. Il plasma è stato isolato nel sangue e ha utilizzato un test ELISA immuno- e neutralizzante. I risultati hanno mostrato aumenti significativi dei titoli anticorpali contro il dominio di legame del recettore della punta di Omicron (RBD) nei test ELISA dopo la vaccinazione iniziale e di richiamo. Infine, il team è passato allo studio dell’effetto nel tempo contro la variante Omicron, così come i ceppi Wuhan-1 e Delta.

I titoli anticorpali leganti suscitati da WA-1 mRNA-LNP erano significativamente più deboli contro Omicron rispetto a Delta o Wuhan-1 ed erano rispettivamente 20 volte e 11 volte inferiori nei giorni 35 e 127, rispetto a WA-1. Entro il giorno 127, i titoli sono scesi a un livello vicino al basale. In confronto, il booster Omicron LNP-mRNA ha avuto molto successo, poiché ha aumentato con successo i titoli anticorpali di oltre 2.000 volte rispetto al giorno prima del booster. Inoltre, l’LNP-mRNA di Omicron ha aumentato i titoli anticorpali neutralizzanti anche contro la proteina spike dei ceppi Wuhan-1 e Delta, sebbene non agli stessi livelli drastici. Gli autori del presente studio hanno generato con successo un candidato vaccino specificamente progettato per dimostrarsi efficace contro la variante SARS-CoV2 Omicron. Sebbene siano necessari ulteriori studi, questo vaccino potrebbe essere un potente strumento per ridurre la diffusione della variante Omicron e aiutare a proteggere gli individui vulnerabili.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Fang Z, Peng L et al. bioRxiv 2022 Feb 14:480449.

Hall V, Foulkes S et al. New Engl J Med 2022 Feb 16.

Khan A et al. Int J Biol Macromol. 2022; 200:438-448.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI