venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Finalmente si cambia strategia: lo sviluppo di vaccini contro la Omicron invece della quarta dose

Quando SARS-CoV-2 è emerso per la prima volta, molti governi in tutto il mondo sono stati costretti ad adottare misure costose e restrittive per ridurne la trasmissione. Poiché sono stati sviluppati diversi vaccini e sono state avviate campagne di vaccinazione di massa, molte nazioni sviluppate hanno iniziato a ridurre la gravità delle loro restrizioni COVID-19. Tuttavia, continuano ad emergere nuove varianti di SARS-CoV2, molte delle quali sono in grado di eludere l’immunità sia naturale che indotta dal vaccino. Ecco perché la comunità scientifica, dopo la terza dose di richiamo (booster) ha reputato che è inutile continuare con le stesse tipologie di vaccino, che non hanno variazioni molecolari rivolte verso nuove varianti del virus. In un recente studio preliminare i ricercatori della Yale University School of Medicine hanno sviluppato un nuovo vaccino candidato specificamente mirato contro la variante Omicron. Nel loro studio, i ricercatori hanno sviluppato il loro vaccino candidato per essere specifico di Omicron basandolo sulla sequenza di picchi della variante.

Nella sequenza sono state introdotte sei mutazioni note, per migliorare la stabilità e lo stato di pre-fusione, mentre il sito di scissione della furina è stato sostituito con una sequenza per mantenere l’integrità delle due subunità. Gli scienziati hanno iniziato con le proprietà biofisiche del loro prodotto e hanno dimostrato che nelle cellule HEK293T, l’mRNA virale Omicron potrebbe produrre la proteina spike Omicron come esamero, in grado di legarsi al recettore ACE2 umano. In seguito, i ricercatori si sono mossi per caratterizzare l’immunogenicità in vivo vaccinando e testando i topi. Il sangue è stato raccolto prima dell’immunizzazione nei giorni 0, 13 e 21 e poi una settimana dopo la seconda dose di richiamo. Il plasma è stato isolato nel sangue e ha utilizzato un test ELISA immuno- e neutralizzante. I risultati hanno mostrato aumenti significativi dei titoli anticorpali contro il dominio di legame del recettore della punta di Omicron (RBD) nei test ELISA dopo la vaccinazione iniziale e di richiamo. Infine, il team è passato allo studio dell’effetto nel tempo contro la variante Omicron, così come i ceppi Wuhan-1 e Delta.

I titoli anticorpali leganti suscitati da WA-1 mRNA-LNP erano significativamente più deboli contro Omicron rispetto a Delta o Wuhan-1 ed erano rispettivamente 20 volte e 11 volte inferiori nei giorni 35 e 127, rispetto a WA-1. Entro il giorno 127, i titoli sono scesi a un livello vicino al basale. In confronto, il booster Omicron LNP-mRNA ha avuto molto successo, poiché ha aumentato con successo i titoli anticorpali di oltre 2.000 volte rispetto algiorno prima del booster. Inoltre, l’LNP-mRNA di Omicron ha aumentato i titoli anticorpali neutralizzanti anche contro la proteina spike dei ceppi Wuhan-1 e Delta, sebbene non agli stessi livelli drastici. Gli autori del presente studio hanno generato con successo un candidato vaccino specificamente progettato per dimostrarsi efficace contro la variante SARS-CoV2 Omicron. Sebbene siano necessari ulteriori studi, questo vaccino potrebbe essere un potente strumento per ridurre la diffusione della variante Omicron e aiutare a proteggere gli individui vulnerabili.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Fang Z, Peng L et al. bioRxiv 2022 Feb 14:480449.

Hall V, Foulkes S et al. New Engl J Med 2022 Feb 16.

Khan A et al. Int J Biol Macromol. 2022; 200:438-448.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Inflammosoma: il bersaglio delle infiammazioni sterili ha le ore contate

I ricercatori hanno identificato un enzima che svolge un ruolo chiave in un meccanismo biologico comune a molti disturbi infiammatori cronici. L'enzima è chiamato...

Le bevande Fervida: l’ennesimo esempio dell’impatto dei prodotti fermentati sulla salute umana

Prodotti fermentati e salute imana I prodotti fermentati più conosciuti al mondo sono sicuramente lo yogurt ed il kefir della tradizione caucasica. Ma ogni regione...

Carnitina: effetti sul metabolismo ed il suo uso nello sport

La carnitina è una sostanza vitamino-simile la cui fama è legata all’essere un trasportatore degli acidi grassi, il che consente ai mitocondri di utilizzarli...