sabato, Aprile 13, 2024

Gli inibitori SGLT2 per la gestione innovativa delle patologie cardiovascolari e non solo

In una meta-analisi a livello di studio pubblicata sulla...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: non-solo-diabete-e-cardiovasculopatie

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

Dipendenza da alcolici e sistema oppioide: spostare l’interesse verso i recettori kappa può essere la chiave?

Gli scienziati di Scripps Research del Dipartimento di Medicina...

Medicina di genere (8): spuntano le differenze anche per i vaccini contro influenza e COVID

Medicina di genere in immunologia

L’età e il sesso sono stati identificati come indicatori importanti dell’immunità alle malattie infettive e delle vaccinazioni per tutta la vita di un individuo. Secondo alcuni rapporti, il sistema immunitario delle donne è più forte di quello degli uomini. Un livello più elevato di infiammazione è stato riportato negli individui più anziani a causa della ridotta funzione immunitaria. L’impatto delle interazioni tra sesso ed età può essere osservato attraverso le manifestazioni cliniche e l’epidemiologia delle infezioni respiratorie come il COVID-19 e l’influenza. Entrambe le condizioni comprendono la più grande popolazione di malattie che possono essere prevenute con i vaccini. Tuttavia, nonostante l’elevata copertura vaccinale contro l’influenza stagionale, circa 4 milioni di casi si verificano ogni anno negli anziani negli Stati Uniti, portando al 90% dei decessi correlati all’influenza. Inoltre, è stato segnalato a livello globale che i maschi hanno un rischio maggiore di infezione da influenza, ospedalizzazione e mortalità con la vecchiaia. Un’osservazione simile è stata fatta nel caso del COVID-19, dove i maschi in media soffrivano di una grave malattia con la vecchiaia.

I vaccini aiutano a prevenire la mortalità e la morbilità associate all’influenza e al COVID-19 negli anziani. Tuttavia, l’impatto dell’età e del sesso sulle risposte al vaccino non è analizzato a fondo. Un’ultima revisione pubblicata su Frontiers in Aging ha analizzato le differenze di sesso nella sicurezza, nell’efficacia e nell’immunogenicità dei vaccini contro l’influenza e il COVID-19 negli individui più anziani. Ha anche analizzato il modo in cui il sesso determina la modifica dell’impatto dei fattori legati all’età sulla vaccinazione. Precedenti studi hanno evidenziato che le femmine anziane vaccinate con diversi tipi di vaccini antinfluenzali inattivati (IIV) hanno linfociti B di memoria specifici per l’influenza, titoli anticorpali post-vaccinazione, linfociti B di memoria specifici, tassi di sieroconversione, aumento dei titoli e tassi di sieropositività. Inoltre, per l’IIV ad alte dosi che contiene quattro volte l’antigene rispetto alla dose standard, le femmine più anziane hanno mostrato un tasso più elevato di sieroconversione e titoli post-vaccinazione rispetto ai maschi più anziani. Differenze di sesso per quanto riguarda l’efficacia del vaccino (VE) sono state osservate anche negli individui più anziani.

Ricerche precedenti hanno riportato che la VE è più alta tra le donne anziane rispetto ai maschi più anziani in sette stagioni influenzali. Inoltre, è stato riscontrato che le donne più anziane riportano più eventi avversi rispetto ai maschi più anziani per dosi di vaccino sia elevate che standard. Per i vaccini mRNA COVID-19, le donne residenti in strutture di assistenza a lungo termine (LTCFR) hanno riportato anticorpi funzionali e titoli IgG più significativi rispetto ai maschi dopo la prima dose di vaccino ma non dopo la seconda dose. Tra l’LTCFR recuperato, sono stati osservati livelli di anticorpi più elevati nelle femmine rispetto ai maschi. Tuttavia, le differenze di sesso riguardanti l’immunogenicità e l’efficacia del vaccino, tra gli individui più anziani che hanno ricevuto i vaccini mRNA, non sono ancora del tutto evidenti. Pochi studi sulla sicurezza del vaccino COVID-19 hanno riportato che gli eventi avversi sistemici, locali e assistiti da un medico sono più comuni tra le donne anziane, rispetto ai maschi più anziani. È stato anche riscontrato che gliindividui più anziani segnalano eventi avversi inferiori rispetto agli individui più giovani.

L’intersezione di età e sesso

Si osserva che i cambiamenti nell’immunità legati all’età sono accompagnati da cambiamenti nell’ambiente ormonale sia per le femmine che per i maschi, portando così a un impatto specifico del sesso sull’invecchiamento. Inoltre, una diminuzione dell’attività dei linfociti T naïve insieme a un aumento della funzione dei monociti con l’età è stata osservata in modo più esteso nei maschi rispetto alle femmine. Ciò è ulteriormente associato auna diminuzione specifica del maschio nell’attività trascrizionale delle cellule B. Inoltre, è stato segnalato che le femmine più anziane entrano in ogni stagione dell’influenza con una maggiore immunità rispetto ai maschi più anziani con IIV ad alte dosi. Tuttavia, per il vaccino pH1N1, è stata osservata una diminuzione dell’immunogenicità con l’età nelle femmine più anziane, ma non nei maschi più anziani. Per i vaccini COVID-19, studi sull’efficacia del vaccino e sulla risposta anticorpale hanno indicato la vecchiaia come fattore di rischio, ma non sono stati analizzati gli effetti specifici del sesso dell’invecchiamento.

L’intersezione tra fragilità e sesso

La fragilità può essere definita come una diminuzione della funzione fisiologica che porta ad un aumento della vulnerabilità. È anche associato alla disregolazione immunitaria, che quindi influenza le risposte al vaccino in modo specifico per sesso. È stato osservato che la prevalenza della fragilità è maggiore nelle femmine anziane rispetto ai maschi più anziani. Ricerche precedenti hanno indicato che la fragilità non è associata né ai titoli di HAI pre-o post-vaccinazione né alle risposte anticorpali sia nei maschi che nelle femmine per l’influenza. Inoltre, le informazioni sull’impatto della fragilità sull’influenza VE sono risultate contrastanti. Per COVID-19, la fragilità è stata analizzata senza considerare il sesso biologico. Non è stato riscontrato che la fragilità influisca sulle risposte anticorpali indotte dal vaccino contro il vaccino Pfizer. Tuttavia, l’efficacia del vaccino negli individui fragili è risultata inferiore e si è ridotta più rapidamente.

Sebbene le differenze di sesso negli esiti del vaccino contro l’influenza e il COVID-19 siano state identificate negli individui più anziani, esiste un divario significativo nella letteratura per quanto riguarda l’impatto degli effetti specifici del sesso sui fattori legati all’età. Sebbene l’attuale revisione si concentri sui vaccini contro l’influenza e il COVID-19, la sua conclusione può essere implementata per altri vaccini somministrati a individui più anziani. Pertanto, è necessaria una tabella di marcia efficace per comprendere l’impatto della vaccinologia sensibile al sesso negli anziani. L’attuazione della tabella di marcia richiede il coinvolgimento di agenzie di regolamentazione, finanziatori, istituzioni accademiche e produttori di vaccini. Sono necessarie ulteriori ricerche in relazione al sesso per comprendere l’eterogeneità delle popolazioni più anziane e per fornire una protezione ottimale contro le malattie che le vaccinazioni possono prevenire.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Shapiro JR, Morgan R et al. Front Aging 2022; 3:836642.

Shapiro JR et al. Clin Infect Dis. 2022 May 24:ciac397.

Kuo H, Shapiro JR et al. Vaccine. 2022; 40(11):1634.

Shapiro JR, Li H et al. NPJ Vaccines. 2021; 6(1):147.

Latest

Gli inibitori SGLT2 per la gestione innovativa delle patologie cardiovascolari e non solo

In una meta-analisi a livello di studio pubblicata sulla...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: non-solo-diabete-e-cardiovasculopatie

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

Cardiovasculars, kidney disease, diabetes & Co.: the ultraprocessed-food issue and the necessities for public health

Background Research has highlighted the global spread of Western dietary...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Ormoni, alcol e fame: la ricompensa è la molla comune

Gli ormoni che segnalano lo stato di fame e pienezza del corpo potrebbero essere la chiave per nuovi trattamenti per la dipendenza da droghe...

Menina (MEN1): il gene della sindrome endocrina che controlla l’invecchamento dal cervello

L'invecchiamento è caratterizzato dal progressivo deterioramento delle funzioni fisiologiche, che porta alla fine della vita di un organismo. L'ipotalamo è un regolatore centrale critico...

Stress ossidativo, osteoporosi e sordità: ci sono collegamenti terapeutici da sfruttare?

Secondo una dichiarazione dell’OMS nel 2019, circa il 50% dei giovani di età compresa tra 12 e 35 anni (1,1 miliardi di persone) rischia...