venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Comparsa di disturbi mentali nei problemi riproduttivi: indagine estesa su cosa si cela sotto

Introduzione

I disturbi associati al benessere mentale femminile e al tratto riproduttivo comunemente coesistono; tuttavia, la causa precisa della co-occorrenza non è chiara. Le cause probabili includono fattori non intrinseci o di tipo esterno che interferiscono con il sistema riproduttivo, inclusi farmaci di tipo psicotropo, cause psicosociali come disturbi riproduttivi che influiscono sulle relazioni e sulla qualità della vita e stress che influisce sulle funzioni riproduttive e sul ciclo mestruale. Inoltre, la sovrapposizione potrebbe provenire da cause genetiche. E’ possibile che una certa interferenze si possa avere anche con i farmaci usati per trattare i disturbi comportamentali, che nel lungo raggio condizionino anche la qualità delle attività riproduttive, ma questo non è stato indagato. Nel caso della sindrome dell’ovaio policistico, essa colpisce dal 5% al 10% delle donne in età riproduttiva. Alcuni dei presunti motivi alla base dell’aumento del rischio di depressione e ansia nei pazienti con PCOS includono manifestazioni fisiche (ad es. infertilità, sindromi metaboliche, obesità, acne, irsutismo) e il loro impatto sulla soddisfazione corporea, effetti avversi dei farmaci usati per gestire la PCOS su umore (ad es. metformina e contraccettivi orali), il ruolo degli androgeni e/o i fattori genetici sottostanti condivisi.

Indigini di correlazione

In un recente studio pubblicato sulla rivista JAMA Network Open, i ricercatori hanno eseguito una meta-analisi per valutare la co-occorrenza di disturbi riproduttivi e psichiatrici tra le donne, determinando l’associazione tra funzioni riproduttive femminili e psichiatriche. Il database PubMed è stato cercato per studi di tipo osservazionale e sottoposti a revisione paritaria, comprese donne in età riproduttiva di età compresa tra 13 e 55 anni, pubblicati da gennaio 1980 a dicembre 2019, che valutavano la prevalenza di disturbi di salute mentale tra le donne con disfunzione del tratto genitale, e disturbi riproduttivi tra le donne con disfunzione mentale. Le misure e gli esiti dello studio primario erano i disturbi riproduttivi e psichiatrici tra le donne.

L’analisi dei dati è stata eseguita tra gennaio e dicembre 2022. La modellazione degli effetti casuali è stata eseguita per calcolare gli odds ratio. I disturbi psichiatrici includevano disturbi psicotici, disturbi affettivi, sindromi comportamentali, ansia, disturbi dello sviluppo nervoso e disturbi della personalità e quelli diagnosticati utilizzando i codici della Classificazione internazionale delle malattie, nona e decima revisione (ICD-9, -10), e i criteri del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Quarta e Quinta Edizione (DSM-IV, -V).  I disturbi riproduttivi includevano disturbi infiammatori e non infiammatori del tratto riproduttivo femminile, disfunzione ovarica e quelli diagnosticati utilizzando i criteri ICD.

I dati estratti includevano autori, dimensioni del campione, interventi, risultati e risultati degli studi inclusi. Il team ha escluso i disturbi della salute riproduttiva e mentale derivanti da eventi (come interventi chirurgici, traumi e infezioni) per tenere conto della probabile confusione. Inoltre, sono stati esclusi i disturbi di salute mentale derivanti da traumi fisici, uso di sostanze, disfunzioni sessuali, infertilità, parto e utilizzo di metodi di riproduzione non naturali. Allo stesso modo, i disturbi riproduttivi derivanti da fattori ambientali distintivi, come le infezioni a trasmissione sessuale, i farmaci o gli interventi chirurgici, sono stati esclusi dall’analisi.

Risultati dell’indagine

Inizialmente, sono stati selezionati 1.197 studi pertinenti, di cui 941 record sono stati esclusi e 256 record sono stati valutati per l’ammissibilità full-text. Successivamente, il team ha escluso 206 record, che includevano 72 abstract off-topic, 20 record pubblicati in lingue straniere ed altri studi che valutavano esiti irrilevanti. Di conseguenza, 50 e 31 record hanno soddisfatto i criteri di ammissibilità rispettivamente per la valutazione qualitativa (revisione sistematica) e quantitativa (meta-analisi). La diagnosi di disturbi riproduttivi era correlata a un aumento da 2 a 3 volte della probabilità di avere disturbi psichiatrici (valori OR limite inferiore e limite superiore di 2 e 2,9, rispettivamente). La sindrome dell’ovaio policistico era correlata a una maggiore probabilità di depressione, con valori OR di 1,7 e 2,6 rispettivamente per gli studi a livello di popolazione e gli studi di tipo clinico.

Risultati simili sono stati ottenuti per l’ansia, con valori OR di 1,7 e 2,9 rispettivamente per i tipi di studio corrispondenti. Inoltre, il dolore pelvico di tipo cronico (CPP) era correlato all’ansia e alla depressione, con valori OR rispettivamente di 2,3 e 3,9. Solo pochi studi hanno esaminato i rischi per altri tipi di disturbi del tratto riproduttivo tra le donne con problemi di salute mentale o in relazioni inverse. La sintomatologia della PCOS comprende squilibri ormonali, infertilità, irsutismo e l’uso di farmaci, che a loro volta possono deteriorare il benessere mentale; tuttavia, possono essere coinvolti anche fattori genetici. Precedenti studi hanno riportato che tutti i tipi di dolore cronico possono dare origine a sintomi depressivi; tuttavia, la distinta associazione tra CPP e depressione non è stata ben caratterizzata.

Conclusioni

Nel complesso, i risultati dello studio hanno mostrato una probabilità da due a tre volte più significativa di disturbi psichiatrici tra le donne con disfunzione riproduttiva. Inoltre, nelle coppie di disturbi che sono state ben rappresentate nella letteratura scientifica, la probabilità di disturbi psichiatrici di tipo affettivo tra le donne con CPP e PCOS era da due a quattro volte maggiore rispetto a quella delle donne senza tali disturbi. Tuttavia, le informazioni su molte altre coppie di disturbi erano scarse. I risultati dello studio devono essere interpretati con cautela a causa del compromesso delle prove causato da un alto grado di eterogeneità negli studi inclusi, disegni di studio, decisioni analitiche, problemi metodologici e non uniformità nei meccanismi sottostanti delle diverse condizioni di comorbidità. Le relazioni tra la salute mentale femminile e il sistema riproduttivo rimangono in gran parte poco chiare, giustificando ulteriori ricerche.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Zaks N, Batuure A et al. JAMA Netw Open. 2023; 6(4):e238685.

Chen M, Wang G et al. J Affect Disord. 2023 Mar; 324:403-409.

Çetinkaya Altuntaş S et al. Gynecol Endocrinol. 2022; 38(10):849.

Hasan M, Sultana S et al. PLoS One. 2022 Jun; 17(6):e0270102.

Douglas KM et al. Arch Womens Ment Health. 2022; 25(1):9-19.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Memory plots: an hidden broker, and an hormone beyond suspicion

The problem of memory loss motivates researchers to try to better understand how the brain works, how memories are consolidated and how and why...

Malattia di Huntington: la terapia con antiossidanti sotto il mirino

Tra le poche opzioni terapeutiche disponibili per il trattamento della malattia di Huntington (HD), la tetrabenazina è stata un farmaco approvato dalla Food and...

Leucemia: da un vecchio farmaco, la nuova speranza non tossica ed effettiva

La leucemia mieloide acuta (LMA) è una neoplasia ematologica aggressiva caratterizzata dall'accumulo clonale di progenitori mieloidi immaturi, che porta a perdita cellulare con esito...