lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Virus oncolitico + immunoterapia in missione contro il cancro cerebrale: il nuovo trial clinico

Il glioblastoma è un tumore cerebrale primario notoriamente difficile da trattare. Nonostante il trattamento aggressivo, che in genere comporta la rimozione chirurgica del tumore e più farmaci chemioterapici, il cancro spesso ritorna, a quel punto le opzioni di trattamento sono limitate. Gli inibitori del checkpoint immunitario (ICI) sono trattamenti efficaci per una varietà di tumori, ma hanno avuto un successo limitato nel trattamento del glioblastoma ricorrente. Questa nuova terapia prevede la combinazione di un virus oncolitico e l’inibizione del checkpoint immunitario, utilizzando un anticorpo anti-PD-1 come immunoterapia mirata. Il dottor Zadeh, capo senior dell’indagine, e colleghi hanno valutato la terapia innovativa in 49 pazienti con malattia ricorrente, provenienti da 15 siti ospedalieri in tutto il Nord America.

UHN, che è il più grande ospedale di ricerca e insegnamento in Canada e l’unica istituzione canadese coinvolta nello studio, ha curato la maggior parte dei pazienti arruolati nello studio. In primo luogo, il team ha somministrato il virus localizzando accuratamente il tumore utilizzando tecniche stereotassiche e iniettando il virus attraverso un piccolo foro e un catetere appositamente costruito. Quindi, i pazienti hanno ricevuto un anticorpo anti-PD-1 per via endovenosa, ogni tre settimane, a partire da una settimana dopo l’intervento chirurgico. Questi farmaci agiscono prevenendo la capacità del cancro di eludere la risposta immunitaria naturale del corpo, quindi hanno pochi benefici quando il tumore è immunologicamente inattivo, come nel caso del glioblastoma. I virus oncolitici possono superare questa limitazione creando un microambiente tumorale più favorevole, che aiuta quindi a potenziare le risposte immunitarie antitumorali.

La combinazione virus oncolitico-inibizione ICI provoca un “doppio colpo” ai tumori: il virus causa direttamente la morte delle cellule tumorali, ma stimola anche l’attività immunitaria locale causando infiammazione, lasciando le cellule tumorali più vulnerabili all’immunoterapia mirata. I risultati, pubblicati sulla rivista specialistica Nature Medicine, mostrano che questa terapia combinata è sicura, ben tollerata e prolunga la sopravvivenza del paziente. La terapia non ha avuto effetti avversi inaspettati importanti e ha prodotto una sopravvivenza mediana di 12,5 mesi, notevolmente più lunga rispetto ai sei-otto mesi tipicamente osservati con le terapie esistenti. Di tutti i soggetti della coorte clinica, tre pazienti sono rimasti in vita a 45, 48 e 60 mesi dall’inizio della sperimentazione clinica e non ci sono stati apparenti effetti collaterali.

Considerando che i farmaci di base per questo tumore (temozolomide, carboplatino, lomustina) danno grossi effetti collaterali nel tempo, è indubbio che questa innovazione merita ulteriori indagini. I prossimi passi per il gruppo di ricerca sono testare l’efficacia della terapia di combinazione rispetto ad altri trattamenti in uno studio clinico randomizzato.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Nassiri F, Patil V, Yefet LS et al. Nature Med. 2023 May 15.

Wang JZ et al. Clin Transl Radiat Oncol. 2023; 41:100631.

Wu Z, Abdullaev Z et al. Neuro Oncol. 2022; 24(4):571-81.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Neuropatia da glutine: la dieta gluten-free è la soluzione di partenza

Il glutine è una famiglia di proteine ​​che costituiscono circa dall'85-87% della composizione proteica presente nel grano, nell'orzo, nella segale e in altri cereali....

Regolare il glucosio con le frequenze di luce: la biofotomodulazione al vaglio della scienza

I mitocondri sono gli organelli che effettuano la respirazione cellulare, utilizzando glucosio e ossigeno per produrre adenosina trifosfato o ATP, la valuta energetica. La...

Morbo di Crohn: i batteri intervengono ma anche i geni

L'artrite reumatoide (AR) è una malattia infiammatoria che colpisce più di 1 milione di adulti negli Stati Uniti, la maggior parte dei quali sono donne....

Questo si chiuderà in 20 secondi