martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Canagliflozin diventa “immune”: il nuovo farmaco per il diabete curerà anche le patologie autoimmuni?

La ricerca esistente ha riportato che prendere di mira il metabolismo delle cellule T nell’autoimmunità può risultare vantaggioso dal punto di vista terapeutico. I linfociti T sono una cellula del sangue centrale che aiuta il corpo a combattere infezioni e malattie, ma nelle malattie autoimmuni si rivolgono contro i tessuti normali per causare malattie. Come tutte le cellule, anche essi usano sia glucosio e acidi grassi come fonte di energia, a secondo delle necessità. I ricercatori della Swansea University hanno scoperto che un farmaco comunemente usato per trattare il diabete di tipo 2 può essere potenzialmente utilizzato nel trattamento delle malattie autoimmuni. Gli accademici della Facoltà di Medicina, Salute e Scienze biologiche dell’Università hanno scoperto che il farmaco, canagliflozin (nome commerciale Invokana), potrebbe essere usato per trattare disturbi autoimmuni come l’artrite reumatoide e il lupus eritematoso sistemico poiché colpisce le cellule T, che formano un componente essenziale del sistema immunitario.

Canagliflozin è un farmaco che controlla i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete di tipo 2. Tuttavia i ricercatori hanno trovato un ruolo inaspettato per il farmaco che coinvolge il sistema immunitario umano. Il nuovo studio, finanziato dal Medical Research Council, ha scoperto che canagliflozin riduce l’attivazione delle cellule T, suggerendo che il farmaco potrebbe essere riproposto come trattamento per l’autoimmunità. Sono stati condotti esperimenti di laboratorio per esplorare i potenziali meccanismi molecolari alla base di questa nuova scoperta. Canagliflozin inibisce la segnalazione del recettore delle cellule T (TCR), con un impatto sull’attività delle vie di segnalazione di ERK e mTORC1, associata a una paralleal riduzione della funzione della proteina nucleare c-Myc. La compromissione di c-Myc è dipesa un mancato coinvolgimento della conversione mRNA-proteina (traduzione ribosomiale) con conseguente compromissione della produzione di proteine ed enzimi metabolici e trasportatori di membrana, tra i bersagli molecolari identificati.

È importante sottolineare che le cellule T trattate con canagliflozin derivate da pazienti con malattie autoimmuni hanno compromesso la loro funzione effettrice. I ricercatori sperano che il farmaco entri presto in una sperimentazione clinica per il trattamento di alcune malattie autoimmuni in futuro. Il Dr. Nick Jones, autore senior e leader dello studio, ha spiegato: “I nostri risultati sono significativi in quanto forniscono le basi per lo sviluppo clinico di canagliflozin per il trattamento di alcune malattie autoimmuni. Poiché il farmaco è già ampiamente utilizzato e ha un noto profilo di sicurezza negli esseri umani, potrebbe potenzialmente raggiungere la clinica più rapidamente di qualsiasi nuovo farmaco sviluppato e portare benefici più rapidamente ai pazienti con malattie autoimmuni. L’identificazione di nuovi ruoli per i farmaci attualmente utilizzati in altri contesti patologici è un’entusiasmante area di ricerca. Dato che la nostra ricerca si rivolge principalmente al metabolismo delle cellule immunitarie, speriamo che i potenziali benefici terapeutici delle nostre scoperte siano applicabili a un’ampia gamma di condizioni”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Jenkins BJ, Blagih J et al. Cell Metab 2023 May 17.

Kraus FV, Keck S et al. Arthr Rheumatol. 2023 Jan 27.

Lou W, Gong C et al. Lipids Health Dis. 2022; 21(1):94.

Wik JA et al. Biochem J. 2022 Jun; 479(11):1221-1235.

Hochrein SM et al. Cell Metab. 2022; 34(4):516-532.

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Esercizio e longevità: qual’è meglio, intensivo, di resistenza o di forza?

Allenamento di resistenza, allenamento di resistenza o allenamento ad intervalli ad alta intensità - che tipo di esercizio fisico aiuterà il tuo corpo a...

Frutta e verdura: per la salute dell’intestino e del metabolismo

Un maggiore apporto di vitamina C è cruciale per i pazienti con sindrome metabolica che cercano di fermare un ciclo potenzialmente mortale di perturbazione...

Cyberbullismo: prevenzione del rischio di suicidio nelle scuole

Il bullismo è un atto aggressivo, intenzionale, compiuto da un gruppo o da un individuo ripetutamente e nel tempo contro una vittima che non...

Questo si chiuderà in 20 secondi