giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Perchè la stitichezza cronica dovrebbe correlarsi a problemi di memoria e rischio di demenza senile?

La prevalenza della stitichezza è alta tra la popolazione anziana a causa di fattori associati all’invecchiamento come diete carenti di fibre, inattività fisica e uso di farmaci costipanti per il trattamento di disturbi medici. La costipazione cronica, che è descritta come il verificarsi di movimenti intestinali ogni tre giorni o più, è collegata a conseguenze sulla salute come squilibrio ormonale, infiammazione, depressione e ansia. Il rischio di malattia di Alzheimer (AD) è legato al microbioma intestinale, con la disbiosi che contribuisce a disturbi neurologici come l’AD. Tuttavia, la relazione tra salute del cervello e dell’intestino, disbiosi intestinale e cambiamenti cognitivi è poco studiata. Il trapianto di microbiota fecale (FMt) può ridurre le placche amiloidi nei modelli AD. Anche la frequenza dei movimenti intestinali può influire sul rischio di demenza.

In una nuova indagine, i ricercatori hanno analizzato i dati di tre studi, inclusi oltre 110.000 individui nell’Health Professionals Follow-up Study (HPFS), così come nell’Infermieristico Health Study (NHS)-I e II, per determinare l’associazione tra la salute dell’apparato digerente e cognizione. Hanno anche valutato il contributo dei microbi intestinali alle associazioni sulla base dei dati di 515 partecipanti HPFS e NHS-II. I dati sono stati ottenuti sulla frequenza dei movimenti intestinali tra i partecipanti tra il 2012 e il 2013 e le funzioni cognitive valutate soggettivamente tra il 2014 e il 2017. La cognitività è stata misurata tra 12.696 individui utilizzando oggettivamente batterie neuropsicologiche dal 2014 al 2018. Il microbiota intestinale è stato profilato utilizzando l’analisi metagenomica shotgun.

Una minore frequenza di movimenti intestinali era correlata a funzioni cognitive peggiori. Rispetto agli individui con un movimento intestinale al giorno, gli individui stitici hanno mostrato prestazioni cognitive significativamente inferiori, equivalenti a tre anni in più di età cognitiva. Il movimento intestinale una volta ogni tre giorni o più era correlato al 73% in più di probabilità di decadimento cognitivo auto-riferito. I batteri produttori di butirrato e la digestione delle fibre alimentari erano esauriti tra gli individui con frequenze più basse di movimento intestinale e funzioni cognitive più povere. L’aumento del numero di specie batteriche pro-infiammatorie associate alla disbiosi era correlato a movimenti intestinali due o più volte al giorno e funzioni cognitive più scadenti. Questi risultati sottolineano la necessità per gli operatori sanitari di discutere la stitichezza con i pazienti geriatrici.

I ricercatori hanno valutato la relazione tra l’accumulo di Aβ-amiloide nell’AD e il microbioma intestinale utilizzando campioni di feci e valutazioni neuropatologiche cognitive di 140 individui di mezza età cognitivamente non compromessi con un’età media di 56 anni, il 54% dei quali erano donne all’interno del Framingham Heart Study (FHS). La PET è stata eseguita per valutare la deposizione di proteine Aβ e tau nelle regioni corticali del cervello. I microbi intestinali sono stati quantificati utilizzando il sequenziamento dell’RNA ribosomiale (rRNA). Sono state eseguite analisi di abbondanza differenziale, aggiustando per fattori confondenti come l’indice di massa corporea (BMI). Aumenti dei depositi di tau e Aβ sono stati osservati nel cervello di individui con una minore abbondanza di batteri neuroprotettivi produttori di butirrato, come Ruminococcus e Butyricicoccus.

Al contrario, sono stati osservati conteggi elevati di Cytophaga e Alistipes. I risultati hanno evidenziato il legame tra l’intestino e l’AD. Poiché la salute dell’intestino e il cervello sono interconnessi attraverso l’asse intestino-cervello, i ricercatori hanno valutato la relazione tra i punteggi cognitivi globali (GCS) e il microbiota intestinale tra 1.014 partecipanti FHS di mezza età con un’età media di 52 anni, il 55% dei quali era femmina e non aveva una storia di ictus o demenza. Sono stati ottenuti i campioni di feci di questi pazienti, oltre ai loro punteggi dei test cognitivi. Il GCS si basava su valutazioni della funzione esecutiva, la velocità di elaborazione, il linguaggio e la memoria. Gli individui con scarsa cognitività hanno mostrato una minore abbondanza di Clostridium e Ruminococcus, ma una maggiore abbondanza di Alistipes e Pseudobutyrivibrio.

Questi risultati indicano che il microbioma intestinale potrebbe avere un impatto sulla capacità cognitiva degli adulti di mezza età e più anziani. Molti pensano che se la stipsi dipenda dalla quantità di acqua giornaliera assunta. In parte è vero, ma bisogna ricordarsi dei fattori stressogeni che possono alterare la motilità dell’intestino. Non ci si dimentichi, per esempio, di chi soffre di colite psicosomatica che alterna lunghi periodi di stipsi con scariche diarroiche ravvicinate di compenso. Negli anziani, la scarsa idratazione orale, l’allettamento, la minore attività fisica e la “batteria” di farmaci che spesso assumono per trattare i loro “malanni dell’età”, contribuiscono sicuramente al problema.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Come fa lo stress cronico a far spuntare la colite? I risultati di un lavoro ultraspecialistico (31/05/2023)

Igiene orale: mantenerla fa evitare la comparsa di malattie cardiache, diabete ed autoimmunità (20/04/2023)

Alla ricerca delle radici del Parkinson nell’intestino: il microbiota come punto di partenza e di bioterapia (16/07/2022)

Pubblicazioni scientifiche

Takeuchi S et al. Geriatr Gerontol Int. 2023 Jul; 23(7):573-74.

Naito T et al. Am J Gastroenterol. 2023 Mar; 118(3):531-538.

Wan Y et al. Aging (Albany NY). 2021 Feb; 13(5):6702-6711.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Dal caffè un componente che potrebbe giovare al diabete

La dieta e l'esercizio fisico possono ritardare o prevenire lo sviluppo del diabete mellito di tipo 2 (T2D) e l'elevato consumo abituale di caffè...

Gruppo sanguigno e rischio patologie (I): quanto incide sul diabete?

Dall’inizio del 1900, grazie al biologo e patologo austriaco Karl Landsteiner, conosciamo i 4 gruppi sanguigni umani: A, B, AB e 0. Ognuna di...

Cartilagine: un tessuto delicato che va protetto, e ancor di più in chi fa sport

Cartiliagini, stile di vita e necessità nutrizionali I condrociti sono le cellule che costituiscono la cartilagine. Nella struttura chiusa della capsula articolare, le sollecitazioni quotidiane...

Questo si chiuderà in 20 secondi