lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Ropinirolo: la nuova speranza sotto indagine per curare la SLA

La sclerosi laterale amiotrofica (SLA) è una malattia neurodegenerativa che provoca insufficienza respiratoria e morte. Esistono attualmente tre farmaci approvati dalla FDA per la SLA, il più conosciuto dei quali è probabilmente il riluzolo, ma forniscono solo benefici limitati e rimane la necessità di terapie efficaci. Ora gli scienziati della Keio University of Medicine, in Giappone, in un’analisi di screening sui farmaci hanno scoperto che il ropinirolo, un agonista del recettore D2 della dopamina e usato comunemente per il morbo di Parkinson, può essere un candidato terapeutico per la SLA. Hanno pubblicato i risultati dello studio di fattibilità di fase 1/2a a centro singolo, randomizzato, controllato con placebo, “Ropinirolo cloridrato per la SLA” (ROPALS), che ha valutato la sicurezza, la tollerabilità e l’efficacia del farmaco.

Per le analisi di sicurezza, gli eventi avversi (AE) e gli eventi avversi previsti sono stati segnalati per tutti i 20 partecipanti nel periodo in doppio cieco e 17 nel periodo di estensione in aperto. Durante il periodo in doppio cieco, si è verificato un decesso nel gruppo placebo (cardiopatia ischemica idiopatica il giorno 157), attribuito dai ricercatori alla progressione della malattia. Nessun partecipante ha interrotto il trattamento a causa di esperienze avverse in entrambi i gruppi di trattamento. Complessivamente, il 92,3% (12/13) e l’85,7% (6/7) dei partecipanti hanno manifestato almeno un evento avverso rispettivamente nei gruppi ropinirolo e placebo. Gli eventi avversi che si sono verificati in R10% dei partecipanti in entrambi i gruppi di trattamento includevano disturbi gastrointestinali e infezioni.

Gli eventi avversi correlati al ropinirolo che si sono verificati in R20% dei partecipanti includevano stipsi (61,5%), nausea (38,5%), sonnolenza (30,8%) e mal di testa (23,1%). Nessuno dei partecipanti ha avuto effetti collaterali gravi, gravissimi o letali legati alla somministrazione. La concentrazione stimata di ropinirolo nel plasma e nel liquido cerebrospinale a 2 e 16 mg di Requip CR è rispettivamente di 5 e 50 nmol/L.5 L’efficacia del ropinirolo era dose-dipendente a 1 nmol/L e 10 mmol/L, indicando che 2 mg di Requip CR (formulazione commerciale a lento rilascio) è efficace. È auspicabile la somministrazione fino a 16 mg e la concentrazione di ropinirolo nel liquido cerebrospinale ha raggiunto circa 18 nmol/L dopo la somministrazione.

L’entità stimata dell’effetto del ropinirolo sul punteggio ALSFRS-R nell’arco di 48 settimane era compresa tra 1,46 e 9,86 punti, determinando un tasso di declino funzionale più lento dal 21% al 60%, che è considerato clinicamente significativo. Per quanto riguarda il meccanismo anti-SLA dipendente dalla dopamina D2R del ropinirolo, abbiamo confermato l’espressione proteica della dopamina D2R sulle cellule delle corna anteriori in un midollo spinale umano sano e in motoneuroni laterali derivati da iPSC umane. D2R si accoppia con le proteine ​​Gi per inibire l’adenilato ciclasi, con conseguente diminuzione dei livelli di AMP ciclico cellulare e soppressione dell’ipereccitabilità dei motoneuroni derivati da cellule staminali pluripotenti umane.

Gli scienziati ammettono che i risultati sono insufficienti per il limitato numero di partecipanti e che quindi c’è bisogno di molta più significatività statistica. Ma i risultati preliminari sono incoraggianti e proseguiranno le ricerche, confortati già dal fatto che il farmaco risulta abbastanza ben tollerato.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Morimoto S et al. Cell Stem Cell 2023; 30:766-80.

Sun Y et al. Expert Rev Neurother 2023; 23:1-7.

Okano et al. Trends Pharmacol Sci. 2020; 41:99.

Morimoto S et al. Regen Ther 2019; 11:143–166.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Benessere sul lavoro sanitario: un intreccio di soddisfazioni fra le due parti. Anche in pandemia

Richieste di lavoro intensificate creano gravi rischi per il benessere dei dipendenti. In sanità, il benessere dei dipendenti si riflette anche nella soddisfazione dei...

STING: la proteina che rivoluzionerà la terapia delle infiammazioni

Il sistema immunitario innato è la prima linea di difesa, con cellule che identificano rapidamente i motivi "estranei" da virus e batteri e organizzano...

Dieta DASH: al di là della pressione alta, farebbe bene alla depressione

La dieta DASH (Diet Approach to Stop Hypertension; approccio dietetico per fermare l'ipertensione) è stata popolare per ridurre il rischio di ipertensione. Un nuovo...

Questo si chiuderà in 20 secondi