venerdì, Giugno 14, 2024

La via molecolare CTLA4-IL23: un dialogo insospettato che apre nuove possibilità contro cancro e autoimmunità

Il sistema immunitario ha molti percorsi per proteggere il...

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

La preoccupante marea dei casi di tumore in Europa: le previsioni dell’Università di Milano e le implicazioni politico-sociali

Il problema dei casi crescenti di tumori

Sovrappeso e obesità stanno contribuendo all’aumento dei tassi di mortalità per cancro intestinale tra le persone di età compresa tra 25 e 49 anni nell’Unione Europea (UE) e nel Regno Unito, sebbene i tassi di mortalità per questo tipo di cancro stiano diminuendo complessivamente in tutta Europa. Questi risultati provengono da un nuovo studio pubblicato sull’importante rivista oncologica Annals of Oncology, che prevede i tassi di mortalità per cancro nell’UE e nel Regno Unito per il 2024. È la prima volta che è stato previsto un aumento dei tassi di mortalità per cancro intestinale tra i giovani adulti nell’UE, e conferma una tendenza nel Regno Unito che i ricercatori avevano notato per la prima volta nel 2021. I ricercatori guidati da Carlo La Vecchia, professore di statistica medica ed epidemiologia all’Università di Milano, prevedono che il maggiore aumento dei tassi di morte per cancro intestinale tra i più giovani aumenteranno nel Regno Unito.

Nello specifico, aumenteranno del 26% negli uomini e di quasi il 39% nelle donne nel 2024 rispetto al 2018. Incrementi si registreranno anche in Italia (+1,5% negli uomini e +2,6% nelle donne), tra gli uomini spagnoli e polacchi (+5,5% e 5,9% rispettivamente) e tra le donne tedesche (+7,2%). I ricercatori hanno analizzato i tassi di mortalità per cancro nei 27 Stati membri dell’UE nel loro complesso e separatamente nel Regno Unito. Hanno esaminato i cinque paesi più popolosi dell’UE (Francia, Germania, Italia, Polonia e Spagna) e, individualmente, stomaco, intestino, pancreas, polmone, mammella, utero (compresa la cervice), ovaie, prostata, vescica e leucemie per gli uomini e donne. Il professor La Vecchia e i suoi colleghi hanno raccolto dati sui decessi dai database dell’OMS di Eurostat dal 1970 al 2018 per la maggior parte dell’UE-27 e del Regno Unito. Questo è il quattordicesimo anno consecutivo in cui i ricercatori pubblicano queste previsioni.

I dati per tutte le neoplasie

Nei paesi dell’UE, si prevede che ci sarà un calo del 6,5% nei tassi di mortalità standardizzati per età per tutti i tumori, da 132 per 100.000 nel 2018 a 123 per 100.000 nel 2024 per gli uomini, e un calo del 4% da 82,5 a 79 su 100.000 tra le donne. Un totale di circa 1.270.800 persone moriranno di cancro nell’UE. Tuttavia, a causa del crescente numero di anziani nella popolazione, il numero effettivo di decessi per cancro aumenterà da 675.265 nel 2018 a oltre 705.100 negli uomini nell’UE nel 2024, e da 535.291 a oltre 565.700 nelle donne. Nel Regno Unito, il numero di decessi aumenterà complessivamente di circa 172.900. Nel corso di 36 anni tra il 1989 e il 2024, i ricercatori hanno calcolato il numero di decessi per cancro evitati, assumendo che i tassi rimanessero costanti ai tassi del 1988. Si stima che nell’UE siano stati evitati un totale di 6.183.000 decessi per cancro (4.244.000 negli uomini e 1.939.000 nelle donne) e un totale di 1.325.000 nel Regno Unito (899.000 negli uomini e 426.000 nelle donne).

Tumori intestinali

Sia nell’UE che nel Regno Unito, il cancro intestinale è ora la seconda causa di morte dopo il cancro ai polmoni tra gli uomini, e la terza più grande causa di morte dopo il cancro al seno e ai polmoni nelle donne, sebbene i tassi di mortalità siano in calo, tranne che tra le donne del Regno Unito. Tra i non fumatori, è la principale causa di morte per cancro in entrambi i sessi combinati nell’UE e nel Regno Unito. Rispetto al 2018, si prevede che i tassi di mortalità complessivi per cancro intestinale nell’UE diminuiranno del 5% a 15 uomini su 100.000 nel 2024 e del 9% a 8 donne su 100.000. Nel Regno Unito, si prevede che diminuiranno del 3% a 14 uomini su 100.000, ma rimarranno stabili tra le donne a circa 10 su 100.000.

Carcinoma mammario

I tassi di mortalità continuano a migliorare in Europa e nel Regno Unito per il cancro al seno. Nel 2024, i ricercatori prevedono un calo del 6%, da 14 donne su 100.000 nell’UE nel 2018 a 13 su 100.000 nel 2024, e un calo dell’11% da 15 a 13 su 100.000 nel Regno Unito. I progressi nella diagnosi del cancro al seno contribuiscono a queste sostanziali diminuzioni dei tassi di mortalità, ma i miglioramenti nel trattamento e nella gestione della malattia sono la ragione principale per cui un numero maggiore di persone sopravvive.

Tumori polmonari

Anche se i tassi di mortalità per cancro al polmone stanno diminuendo tra gli uomini, esso rimane il cancro con i tassi più alti sia per gli uomini che per le donne sia nell’UE che nel Regno Unito. I ricercatori prevedono tassi di mortalità nel 2024 di 28 uomini e 13,6 donne ogni 100.000 abitanti nell’UE. Ciò rappresenta una riduzione del 15% tra gli uomini rispetto al 2018, ma nessuna riduzione tra le donne. Nel Regno Unito, i tassi di mortalità per cancro ai polmoni saranno di 19 uomini e 16 donne ogni 100.000, con una riduzione rispettivamente del 22% e del 17% tra uomini e donne.

Cancro del pancreas

Il cancro al pancreas, che è molto difficile da individuare o trattare con successo, è l’unico tumore grave per il quale non sono previsti miglioramenti nei tassi di mortalità per entrambi i sessi nell’UE. Rappresenta oltre il 3% delle nuove diagnosi di cancro in Europa, ma circa il 7% delle morti per cancro, ed è la quarta causa di morte per qualsiasi cancro. Il fumo è il principale fattore di rischio per il cancro al pancreas, ma spiega solo in parte l’aumento dei tassi di mortalità nel tempo. Anche il sovrappeso, l’obesità, il diabete e il consumo eccessivo di alcol possono avere un ruolo. Si prevede che i tassi di mortalità aumenteranno rispettivamente dell’1,6% e del 4% tra gli uomini e le donne nell’UE. Le tendenze sono migliori nel Regno Unito, dove si prevede che diminuiranno del 7% tra gli uomini e del 2% tra le donne.

Discussione con l’esperto

Il Prof. La Vecchia ha commentato ampiamente le previsioni: “I fattori chiave che contribuiscono all’aumento dei tassi di cancro intestinale tra i giovani includono sovrappeso, obesità e condizioni di salute correlate, come alti livelli di zucchero nel sangue e diabete. Ulteriori ragioni sono l’aumento del consumo eccessivo di alcol nel tempo nell’Europa centrale e settentrionale e nel Regno Unito e alla riduzione dell’attività fisica. Il consumo di alcol è stato collegato a un cancro intestinale a esordio precoce e i paesi in cui si è verificata una riduzione del consumo di alcol, come Francia e Italia, non hanno sperimentato tale marcato aumento dei tassi di mortalità per questo tumore. Il cancro intestinale a esordio precoce tende ad essere più aggressivo, con tassi di sopravvivenza inferiori, rispetto al cancro intestinale diagnosticato nelle persone anziane”.

“I governi dovrebbero prendere in considerazione il rafforzamento delle politiche per incoraggiare una maggiore attività fisica, una riduzione del numero di persone in sovrappeso o obese e una riduzione del consumo di alcol. In termini di prevenzione, i governi dovrebbero prendere in considerazione l’estensione dello screening per il cancro intestinale alle fasce di età più giovani, a partire dai 45 anni. I programmi di screening variano in tutta Europa, ma un aumento dell’incidenza del cancro intestinale tra i giovani negli Stati Uniti ha spinto la US Preventive Service Task Force a raccomandare di abbassare l’età in cui inizia lo screening a 45 anni. Queste previsioni sottolineano l’importanza di controllare e, in ultima analisi, eliminare l’uso del tabacco. Il tabacco rimane responsabile del 25% di tutte le morti per cancro tra gli uomini e del 15% tra le donne nell’Unione Europea”.

“Non solo è il principale fattore di rischio di morte per cancro ai polmoni, ma anche per molti altri tumori, compreso il cancro al pancreas. Un ulteriore problema è quello di controllare l’aumento del consumo eccessivo di alcol nell’Europa centrale e settentrionale. Le nostre previsioni evidenziano anche l’importanza di colmare il divario tra i paesi europei in relazione alla diagnosi e al trattamento del cancro. I tassi di mortalità continuano ad essere più alti in Polonia e in altri Paesi dell’Europa centrale e orientale, e ciò è dovuto in parte a programmi di screening inadeguati per individuare tumori come quelli al seno, alla cervice e al colon-retto, nonché alla mancanza di accesso alle terapie più moderne”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialist in Clinical Biochemistry.

Pubblicazioni scientifiche

Santucci C et al. Annals Oncol. 2024 Mar; 35(3):308.

Mignozzi S et al. Cancer Epidemiol. 2024 Feb; 88:102519. 

Santucci C et al. Cancer Epidemiol. 2023; 87:102486.

Wojtyła C et al. Eur J Cancer. 2023 Nov; 194:113350.

Latest

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Newsletter

Don't miss

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Quando un oncogene non lavora come dovrebbe: il caso di c-Jun nel cancro della prostata

Uno studio internazionale condotto dagli scienziati della MedUni Vienna...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Propoli rosso: il nemico giurato delle cellule tumorali

La propoli è una sostanza resinosa prodotta dalle gemme delle piante dalle api, e funge da barriera naturale per proteggere gli alveari dall'invasione di...

L’importanza della febbre nella protezione dal cancro: 50 anni di studi

Il fatto che la febbre sia stata mantenuta durante l’evoluzione dei vertebrati sostiene fortemente che le temperature febbrili conferiscono un vantaggio in termini di...

Cancer stem cells: an “old glory” works unexpectedly great against

Cancer stem cells (CSCs), also known as cancer-causing cells, are a hot topic among researchers. These cells are resistant to current treatments and play...

Questo si chiuderà in 20 secondi