domenica, Giugno 23, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Sonno nei bambini e diabete: un rischio da non prendere “sotto braccio”

Il ciclo del sonno è diviso in due parti: a) sonno Non-rapid eye movement (NREM) diviso in tre fasi con gli stadi 1 e 2 che sono leggeri e lo stadio 3 è profondo; sonno rapido dei movimenti oculari (REM) – i sogni si verificano durante questo stadio. Ogni ciclo dura circa 1 ora e mezza e tutte le fasi devono essere vissute per svegliarsi riposati. Una buona notte di sonno significa cinque o sei di questi cicli. Un adulto medio ha bisogno di 7-8 ore di sonno per notte, ma questo può variare da persona a persona. Gli adulti più anziani tendono a dormire meno. I bambini appena nati dormono per 18-21 ore al giorno mentre i bambini e i 3-5 anni dormono per 11-13 ore al giorno. I bambini tra i 6 e i 12 anni hanno bisogno di 11 ore di sonno mentre gli adolescenti hanno bisogno di 9-11 ore di sonno. Ci sono prove sufficienti che l’obesità e l’aumento di zucchero nel sangue sono collegati allo sviluppo del diabete di tipo 2. In questo tipo di diabete il corpo non può regolare lo zucchero nel sangue utilizzando l’insulina. Lo zucchero nel sangue non riesce a essere controllato e questo provoca una miriade di complicazioni. Il diabete di tipo 2, che era più di una malattia della mezza età solo un decennio fa, ora è anche una minaccia per i bambini con i crescenti tassi di obesità infantile. Ciò è dovuto principalmente alla mancanza di esercizio fisico tra i bambini e all’aumento dell’apporto di grassi e zuccheri nella dieta.

Un recente studio del Regno Unito ha rilevato che la carenza di sonno adeguato nei bambini potrebbe essere legata al rischio di sviluppare il diabete più tardi nella vita. Lo studio rileva che ogni ora in più di sonno che un bambino ottiene per notte è associata ad un peso corporeo inferiore e ad un aumento della massa muscolare magra e meno zucchero nel sangue. Lo studio è stato pubblicato questa settimana sulla rivista Pediatrics. In questo studio il team di ricercatori ha esaminato i dati sulle abitudini del sonno e le relazioni di laboratorio che indicavano il rischio di diabete per 4.525 bambini di 9 o 10 anni nel Regno Unito. Hanno scoperto che i bambini di questa fascia d’età dormivano in media per 10,5 ore nelle notti di scuola con un intervallo da 8 a 12 ore per il gruppo di studio. Mentre collegavano i modelli di sonno al rischio di diabete, hanno scoperto che i bambini che stavano dormendo meno erano quelli con maggiori probabilità di avere fattori di rischio per il diabete. In particolare hanno avuto quella che viene chiamata insulino-resistenza. La resistenza all’insulina è uno stato in cui il pancreas potrebbe secernere quantità adeguate di insulina, ma il corpo non riesce a utilizzare questo ormone in modo adeguato per convertire gli zuccheri nella dieta in energia. Questo porta ad un accumulo di zuccheri e porta allo sviluppo del diabete.

La presenza di markers di resistenza all’insulina è un chiaro indicatore del rischio futuro di sviluppo del diabete. Lo studio ha rivelato che i bambini che dormivano meno erano quelli che erano estremamente sovrappeso o obesi e avevano più grasso corporeo rispetto a quelli che dormivano adeguatamente. Secondo le raccomandazioni dell’American Academy of Pediatrics, i bambini di età compresa tra i 6 e i 12 anni dovrebbero ricevere da 9 a 12 ore di sonno a notte. La mancanza di sonno adeguato è legata all’ipertensione, alla depressione, all’obesità e anche al maggior rischio di lesioni. Alcuni dei limiti di questo studio erano il fatto che non si trattava di un esperimento controllato e che i dati dei bambini sulle loro abitudini di sonno erano principalmente sulla base del richiamo. Questo potrebbe non essere un’immagine precisa di quanto sonno abbiano effettivamente. Christopher G. Owen, caporicerca e professore di Epidemiologia presso la St. George’s, University di Londra, ha spiegato che ci sono state prove di questo legame in passato: “Questo studio è stato uno sguardo quantificato all’associazione tra la mancanza di sonno e rischio di diabete tra i bambini. Questo studio porta anche il fatto che sempre più bambini non ricevono un sonno adeguato, ha aggiunto. Il messaggio da portare a casa da questo studio è che i bambini dovrebbero essere incoraggiati ad avere sane abitudini di sonno sin dalla tenera età. Questo potrebbe rappresentare un intervento semplice e privo di costi, che potrebbe proteggere il bambino dal diabete più avanti nella vita”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Rudnicka AR et al., Owen CG. Pediatrics. 2017 Sep; 140(3).

Graf A et al. Diabetes Technol Ther. 2017 Jul; 19(7):438-439. 

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Parkinson: da una malattia genetica uno spunto di terapia

La malattia di Parkinson è una condizione progressiva che nasce dalla morte delle cellule in una regione del cervello nota come substantia nigra. Le...

Vismodegib: l’inibitore tumorale per lo xeroderma pigmentoso?

Il vismodegib è un farmaco per il trattamento dei tumori che è commercializzato col nome di Erivedge. È indicato per il trattamento di pazienti adulti affetti da carcinoma...

Il ruolo delle vitamine liposolubili nelle sindromi neuropsichiatriche

Introduzione La salute mentale è una componente integrale ed essenziale della salute umana e uno stile di vita non sano può essere associato a una...

Questo si chiuderà in 20 secondi