giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Il collegamento fra il consumo di sale a tavola ed il rischio di diabete: una nuova indagine

Il sodio è essenziale per mantenere l’equilibrio fluido-elettrolitico del corpo, facilitare l’assorbimento di numerosi nutrienti e mantenere attivi i processi cellulari. Tuttavia, un eccesso di sodio nella dieta è un fattore di rischio per lo sviluppo dell’ipertensione. Strettamente associato all’ipertensione è il diabete di tipo 2 (T2DM) a causa di molti fattori di rischio comuni come uno stile di vita sedentario, sovrappeso o obesità e una dieta di scarsa qualità. L’assenza di una misura affidabile del sodio alimentare ha ostacolato la stima accurata di un’associazione tra l’assunzione di sodio e il rischio di T2DM. Uno studio finlandese ha dimostrato che il rischio di T2DM aumenta con livelli di assunzione di sodio molto bassi o molto elevati. Questo studio si è basato sull’escrezione urinaria di sodio nelle 24 ore, che non è affidabile nel fornire una stima del consumo medio di sodio.

Una nuova indagine ha invece esplorato la possibile interazione del sale aggiunto negli alimenti con il tasso di nuovo diabete mellito di tipo 2 (T2DM) per comprendere il contributo dell’assunzione di sodio a lungo termine all’incidenza del diabete. Lo studio attuale si basa sul fatto riportato che esiste un legame forte e affidabile tra la frequenza dell’aggiunta di sale al cibo e l’assunzione di sale libero, nonché l’assunzione di sodio a lungo termine, almeno con una dieta occidentale. Gli autori hanno precedentemente dimostrato che la frequenza dell’aggiunta di sale è correlata all’escrezione di sodio nelle 24 ore e alle probabilità di morte prematura e malattie cardiovascolari. Pertanto, questa caratteristica potrebbe essere un utile indicatore surrogato dell’assunzione di sodio a lungo termine. Il presente studio lo utilizza per identificare prospetticamente le associazioni con il rischio di T2DM.

Inoltre, esamina il ruolo potenziale della massa grassa corporea e dell’infiammazione nel mediare tale associazione. Entrambi sono fattori di rischio per il T2DM ed entrambi possono essere indotti da un’elevata assunzione di sodio. I ricercatori hanno esaminato l’indice di massa corporea (BMI), il rapporto vita-fianchi (WHR) e i livelli di proteina C-reattiva (PCR), i primi due in relazione alla massa corporea e l’ultimo come stima dell’infiammazione. Per la ricerca attuale, i ricercatori hanno incluso oltre 400.000 partecipanti a cui non era stato diagnosticato diabete, malattia renale cronica (IRC), cancro o malattie cardiovascolari (CVD) quando è iniziato lo studio. In ciascun caso erano disponibili anche dati su come e con quale frequenza veniva aggiunto sale al cibo. I partecipanti sono stati seguiti per una media di 12 anni.

La frequenza dell’aggiunta di sale al cibo era correlata con una maggiore escrezione di sodio nelle 24 ore, variando da 3,19 a 3,3, rispettivamente dal gruppo “mai/raramente” a “sempre”. Durante il periodo di studio sono state effettuate oltre 13.000 nuove diagnosi di diabete “della pillola”. È stato riscontrato un piccolo aumento dell’incidenza del T2DM correlato all’aumento della frequenza di aggiunta di sale al cibo. Gli uomini erano più propensi ad aggiungere sale più frequentemente, così come i non bianchi, quelli di livello socioeconomico più basso, i fumatori e le persone più sedentarie. Sia il BMI che la PCR erano probabilmente più alti nelle categorie che consumavano più sale che avevano, tuttavia, un rischio minore di colesterolo alto e ipertensione. Erano anche meno propensi a seguire una dieta per ridurre l’ipertensione.

Rispetto a coloro che aggiungevano sale raramente o mai, coloro che lo facevano occasionalmente avevano una probabilità maggiore di circa il 10% di sviluppare diabetedopo aver aggiustato per altri potenziali fattori confondenti. Le probabilità sono aumentate di circa il 20% e di circa il 30% in più rispetto al gruppo di riferimento tra coloro che aggiungevano abitualmente e sempre sale. È interessante notare che l’aggiunta di sale non era correlata alla prevalenza basale dell’ipertensione o di altre variabili quando si trattava di influenzare l’incidenza del T2DM. Alcuni fattori probabilmente responsabili, almeno in parte, dell’associazione tra il nuovo diabete e l’aggiunta di sale includevano una massa corporea più elevata, come dimostrato dai dati su indice di massa corporea (BMI), dal rapporto vita-fianchi (WHR) e dai valori della PCR.

I primi due, che rappresentavano rispettivamente il 34% e il 40% dell’associazione, guidano l’associazione a causa dell’effetto dell’aumento della massa grassa corporea sul rischio di T2DM. Nonostante il loro effetto di mediazione, l’assunzione aggiuntiva di sale ha comunque avuto un effetto indipendente sul rischio di T2DM. Questo è rimasto significativo anche dopo aver compensato la dieta anti-ipertensione, l’apporto energetico totale o i livelli di emoglobina glicata (che riflettono l’iperglicemia a lungo termine). Questi risultati sono corroborati da ricerche trasversali che mostrano che i pazienti con diabete tendono ad aggiungere sale al cibo più spesso rispetto agli individui non diabetici. Inoltre, il sodio spot nelle urine riflette anche il progressivo aumento del rischio di diabete, anche se denota un’assunzione di sodio a breve termine.

E’ inoltre soggetto a vari altri fattori regolatori sul diabete, come il sistema renina-angiotensina-aldosterone, gli estrogeni e la vitamina D. Nel complesso, lo studio indica la potenziale utilità di interventi mirati al comportamento di aggiunta di sale per prevenire il diabete “della pillola”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Sale a tavola e salute: sempre più prove dicono che danneggia il sistema immunitario (30/03/2020)

Troppo sale a tavola: attenti al rischio autoimmunità, le prove ci sono (15/05/2019)

Allergie: connessioni con sclerosi multipla e sale da cucina (27/02/2019)

Pubblicazioni scientifiche

Wang X et al. Mayo Clinic Proc. 2023 Oct; in press.

Zhao Y et al. J Clin Endocr Metab. 2023 Sep 27:dgad544.

Shen Y, Shi Y et al. Nutr Res Pract. 2023; 17(3):387-396.

Sinha S, Haque M. Cureus. 2022 Sep 4 14(9):e28762.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Mexican cuisine on the spotlights: are its polyphenols good for the general health?

Traditional Mexican cuisine is characterized by polyphenol-rich grains, legumes, tubers, spices, and vegetables. However, the Mexican diet has evolved over the past few decades,...

Digiuno: la scelta è unica, verso la giovinezza o la salute?

La ricerca dell'eterna giovinezza ha preoccupato l'immaginazione umana fin dai tempi della Grecia antica. In effetti, uno sguardo veloce alla mitologia greca mostra che...

Globuli rossi: gli spettatori innocenti dei pasti grassi

Tutti sono familiari con qualche abbuffata di roba appetitosa, anche se non estremamente salutare, come patatine fritte, arrosti di carne, formaggi stagionati e simili....

Questo si chiuderà in 20 secondi