mercoledì, Febbraio 28, 2024

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

Artrite e artrosi: come sonno e alcolici si intrecciano per compromettere la qualità di vita

L’artrite è una malattia delle articolazioni, caratterizzata più comunemente da gonfiore, rigidità e dolore articolari. Sebbene diversi studi suggeriscano che bere alcolici sia associato a una minore probabilità di sviluppare l’artrite reumatoide (RA), ci sono anche numerosi studi che dimostrano che bere alcolici è dannoso per quelli con malattie articolari. Ci sono studi che affermano che bere alcolici con moderazione può ridurre il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide. L’alcol a basso livello è stato associato a livelli più bassi di alcune citochine infiammatorie, come la proteina C-reattiva, il fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α) e l’interleuchina-6 (IL-6). Sebbene sia stato dimostrato che i pazienti con AR che bevono piccole quantità di alcol hanno migliorato la qualità della vita, ciò può effettivamente riflettere il fatto che le persone che si sentono male (ad esempio a causa di malattie croniche) possono avere meno probabilità di bere alcolici.

Uno studio recente ha dimostrato che una minore gravità della malattia potrebbe non essere dovuta agli effetti benefici dell’alcol, poiché i pazienti con maggiore intensità della malattia, comorbidità, disabilità e scarsa qualità della vita hanno maggiori probabilità dismettere di bere e meno probabilità di iniziare il suo uso. È stato anche scoperto che bere vino rosso con moderazione può ridurre il rischio di osteoartrosi del ginocchio. Uno degli ingredienti del vino rosso, un polifenolo chiamato resveratrolo, è noto per avere effetti anti-infiammatori ed è benefico per l’artrite. Anche gli altri polifenoli del vino possono contribuire potenzialmente e parzialmente. Tuttavia, per una persona che ha già l’artrite, il consumo di alcol può essere dannoso. Eventuali piccoli benefici dell’alcol che possono verificarsi non sono motivo sufficiente per un non bevitore per iniziare a consumare alcolici.

Secondo l’American College of Rheumatology, le persone con AR che assumono antimetaboliti (immunosoppressori che interferiscono con il metabolismo, es. il methotrexate) dovrebbero limitare rigorosamente il consumo di alcol per evitare possibili danni al fegato. Tuttavia, alcuni studi recenti indicano che bere alcolici meno di un’oncia al giorno (14 unità di alcol / settimana) non è associato ad un aumentato rischio di danno epatico. Sono necessari ulteriori studi per vedere se questi risultati sono coerenti tra i gruppi di pazienti. Nella letteratura scientifica non vi sono indicazioni dirette sugli effetti benefici o dannosi dell’alcol sull’artrite. Secondo gli esperti, gli effetti dell’alcool dipendono in gran parte dai medicinali usati per il trattamento dell’artrite, nonché dalla quantità e dalla frequenza del bere e dalla pre-esistenza di determinati fattori di rischio. Gli effetti dannosi dell’alcol sono particolarmente evidenti nei pazienti con gotta, un tipo di infiammazione associata ad alti livelli di acido urico nel sangue.

Gli alimenti o le bevande che sono ricchi di purina (un composto organico aromatico), come birra, liquore distillato e vino, sono noti per scatenare attacchi di gotta. Inoltre, è noto che l’alcol a base di cereali, come la birra, che contiene glutine, provoca dolori articolari e riacutizza i sintomi dell’AR. Pertanto, è chiaro che le persone con gotta non dovrebbero bere alcolici. Molti dei medicinali usati per trattare l’artrite non vanno bene con l’alcol. Le avversità dell’alcool nei pazienti con artrite dipendono in gran parte da esso. Ad esempio, i medicinali antinfiammatori non steroidei aumentano il rischio di sanguinamento dello stomaco e ulcera nei pazienti con artrite che bevono alcolici. Allo stesso modo, gli antimetaboliti, se consumati insieme all’alcol, mettono i pazienti a maggior rischio di danni al fegato, come la fibrosi epatica. Il motivo principale alla base del danno epatico è che sia gli alcolici che i farmaci sono metabolizzati principalmente nel fegato.

Pertanto, il consumo simultaneo di entrambe le sostanze può esercitare una pressione aggiuntiva sul fegato e accelerare la possibilità di tossicità epatica. L’alcol può anche esercitare effetti negativi interferendo con la qualità e la quantità del sonno. È noto che la RA è associata a disturbi del sonno e che la privazione del sonno dovuta all’uso di alcol può aumentare il dolore articolare, esacerbare la depressione e ridurre l’attività fisica nei pazienti con AR. La mancanza di sonno può comportare conseguenze negative significative per un individuo. L’insonnia, una condizione caratterizzata da difficoltà a dormire, colpisce circa il 15% della popolazione. L’insonnia può presentarsi come difficoltà ad addormentarsi o difficoltà a rimanere addormentato per un tempo desiderato. I sintomi successivi di insonnia includono stanchezza, irritabilità e sonnolenza durante il giorno. Condizioni come depressione, ansia, disturbo post traumatico da stress, Alzheimer, morbo di Parkinson, disturbi cronici del dolore, condizioni respiratorie, disturbi gastrointestinali e ictus possono portare all’insonnia.

L’artrite può portare a disturbi del sonno e insonnia a causa del dolore cronico alle articolazioni di cui soffrono molti pazienti. Ciò influisce sulla qualità della vita del paziente. L’artrite reumatoide porta a sonno frammentato, frequenti risvegli durante la notte e scarsa qualità del sonno. La mancanza di sonno può peggiorare i sintomi dell’artrite. Ciò può portare a un ciclo di feedback positivo in cui il sonno ridotto di un paziente peggiora il dolore correlato all’artrite, che a sua volta porta a un sonno ancora peggiore. La ricerca ha dimostrato che la mancanza di sonno riduce la soglia del dolore e la tolleranza al dolore di un individuo. Come è anche vero che bere alcolici la sera, con l’assunto che possano conciliare l’addormentamento, non corrisponde in tutti i casi alla verità. Bere alcolici a basse dosi può in certi casi esercitare effetto opposto, interferire ovvero con la chimica cerebrale che si sta preparando per la notte. L’effetto è più evidente con i superalcolici, mentre con vino rosso questo fenomeno è meno evidente.

Se proprio non si può fare a meno di qualche gusto collegato all’alcol a cena, allora, è meglio un buon mezzo bicchiere di vino rosso o nero, che fa bene anche alla salute vascolare piuttosto che un bicchierino di liquore o un “grappino”. Non si rischia di incorrere nell’effetto di rimbalzo, ritrovandosi così a passare una notte “in bianco” che compromette la soglia del dolore, mette potenzialmente di malumore e amplifica le sensazioni dolorifiche in caso di artrosi o un attacco di artrite acuta. Fra artrosi, alcol e sonno, si deve pensare non ad un cane che si morde la coda, ma a due cani che a vicenda mordono quella dell’altro, in un girotondo vizioso in cui nessuno dei due molla per primo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Zielinski MR et al. Front Immunol. 2019 Aug 6; 10:1827.

Olfson M et al. J Clin Psychiatry. 2018 Sep 11; 79(5).

Katz P. Curr Opin Rheumatol. 2017 May; 29(3):269-276.

Latest

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

Niacin paradox on the heart shows off: catabolism reveals potential threats on cardiovascular risk

Cardiovascular disease (CVD) is a worldwide health problem, with...

Newsletter

Don't miss

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

Niacin paradox on the heart shows off: catabolism reveals potential threats on cardiovascular risk

Cardiovascular disease (CVD) is a worldwide health problem, with...

Medicina rigenerativa per il rene: la possibilità che si apre capendo tutti gli stadi molecolari del danno

Come si forma il rene nell’embriogenesi? Il rene dei mammiferi,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Regolazione del sonno: l’onda arriva sul canale giusto, ma solo via redox

I ricercatori dell'Università di Oxford hanno scoperto un processo cerebrale comune al sonno e all'invecchiamento, nella ricerca che potrebbe aprire la strada a nuovi...

Gli estrogeni oltre la riproduzione: il controllo cerebrale nella donna

Gli ormoni femminili (estrogeni) hanno una potente azione biologica a livello del sistema nervoso centrale. Per esercitare i loro effetti non agiscono come tali,...

I pericoli dell’ipertensione che continuano ad essere sottovalutati: l’ennesimo appello preventivo dell’OMS

L'ipertensione è un disturbo frequente e fatale che può provocare diversi problemi di salute, come infarto, ictus, insufficienza cardiaca e danno renale; e la...