venerdì, Settembre 29, 2023

Neuroblastoma pediatrico: l’interruttore che fa partire il tumore si chiama IGF2BP1

I neuroblastomi sono tumori del sistema nervoso sia centrale...

Sulle malattie infiammatorie intestinali: soffire di mal di testa può aumentarne il rischio?

L'emicrania è un disturbo neurologico remittente che colpisce la...

Il ruolo dei grassi nel sistema immunitario: chi ha detto che servono solo all’energia?

Quando si parla di grassi, li si associa convenzionalmente...

Campi magnetici: possono aumentare il rischio per forme di SLA?

La sclerosi laterale amiotrofica (SLA) – a volte indicata come la malattia di Lou Gehrig – è una malattia rara che uccide progressivamente e irreversibilmente i neuroni responsabili del movimento. A poco a poco, i pazienti con SLA diventano incapaci di masticare, camminare o persino respirare. L’Associazione ALS stima che oltre 5.600 persone ricevano una diagnosi di SLA ogni anno e circa 30.000 persone negli Stati Uniti vivono con la malattia. La maggior parte delle persone con SLA di solito muore per insufficienza respiratoria entro 3 o 5 anni dopo lo sviluppo dei sintomi iniziali. Tuttavia, circa il 20% dei pazienti vive per più di 5 anni e il 10% sopravvive per 10 anni o più. Sebbene i ricercatori medici non sappiano ancora quale sia la causa della malattia, sono state avanzate diverse ipotesi. Alcuni studi hanno suggerito che l’esposizione ambientale può essere responsabile della malattia, e altri hanno proposto una serie di fattori di rischio tra cui il fumo, l’attività fisica e il livello di istruzione.

La ricerca precedente ha indicato una varietà dicii esposizioni professionali che possono guidare la malattia. Alcuni di questi includono campi magnetici a frequenza ultra-bassa (ELF-MF), scosse elettriche, metalli e sostanze tossiche come solventi e pesticidi. Le correlazioni trovate in questi studi, tuttavia, sono state messe in discussione a causa di difetti metodologici nell’analisi. Un nuovo studio si propone di riuscire laddove la precedente ricerca non è andata a buon fine, esaminando le prove esistenti e analizzando gli effetti delle suddette esposizioni professionali sulla mortalità della SLA. La ricerca è stata condotta da scienziati dell’Università di Utrecht, dell’Università di Maastricht e del Centro Medico Universitario di Utrecht – tutti in Olanda – ei risultati sono stati pubblicati sulla rivista Occupational & Environmental Medicine. I calcoli sono stati accumulati per genere. Inoltre, i ricercatori hanno tenuto conto di variabili come fumo, livello di istruzione, indice di massa corporea (BMI) e modelli di attività fisica.

Nel complesso, lo studio ha rivelato che l’esposizione professionale a campi magnetici di intesità ultra-bassa (ELF-MFs )ha aumentato il rischio di sviluppare la SLA negli uomini. Gli uomini che erano professionalmente esposti ad alti livelli di ELF-MF avevano una probabilità 2,3 volte maggiore di sviluppare la SLA rispetto a quelli che non erano mai stati esposti a loro. Inoltre, quelli nel terzile superiore (o il 30% superiore) dell’esposizione cumulativa erano quasi il doppio delle probabilità di sviluppare la SLA. Lo studio non ha trovato un legame proporzionale tra il rischio di SLA e la quantità di esposizione. Gli autori concludono che il loro studio “rafforza le prove” e fornisce “ulteriore supporto per un’associazione tra esposizione professionale a ELF-MF e un aumento del rischio di mortalità da SLA”. Tuttavia, notano anche la natura osservativa dello studio, il che significa che non può spiegare la causalità. Un’ulteriore limitazione dello studio è che alcune delle morti considerate nella ricerca potrebbero essere erroneamente attribuite alla SLA.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Koeman T et al. Occup Environ Med. 2017 Aug; 74(8):578-585.

Huss A et al. Amyotroph Lateral Scler FTD. 2015 Mar;16(1-2):80-85. 

Zhou H, Chen G et al. PLoS One 2012; 7(11):e48354.

Håkansson N et al. Epidemiology 2003 Jul; 14(4):420-28.

Latest

Neuroblastoma pediatrico: l’interruttore che fa partire il tumore si chiama IGF2BP1

I neuroblastomi sono tumori del sistema nervoso sia centrale...

Sulle malattie infiammatorie intestinali: soffire di mal di testa può aumentarne il rischio?

L'emicrania è un disturbo neurologico remittente che colpisce la...

Il ruolo dei grassi nel sistema immunitario: chi ha detto che servono solo all’energia?

Quando si parla di grassi, li si associa convenzionalmente...

How does tea protect lung health? Science facts to date

Chronic obstructive pulmonary disease (COPD) is characterized by chronic...

Newsletter

Don't miss

Neuroblastoma pediatrico: l’interruttore che fa partire il tumore si chiama IGF2BP1

I neuroblastomi sono tumori del sistema nervoso sia centrale...

Sulle malattie infiammatorie intestinali: soffire di mal di testa può aumentarne il rischio?

L'emicrania è un disturbo neurologico remittente che colpisce la...

Il ruolo dei grassi nel sistema immunitario: chi ha detto che servono solo all’energia?

Quando si parla di grassi, li si associa convenzionalmente...

How does tea protect lung health? Science facts to date

Chronic obstructive pulmonary disease (COPD) is characterized by chronic...

Semi di chia: un concentrato di proteine, omega-3 e altri bioattivi per la salute umana

Cosa sono i semi di chia? La chia appartiene alla...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Dietro al COVID lungo e le reazioni ai vaccini c’è davvero l’autoimmunità? Lo spiegano due esperti

Negli ultimi mesi, un numero crescente di persone in tutto il mondo afferma che dopo aver sviluppato COVID-19, sta vivendo uno stato prolungato di...

C-section vs. natural delivery: is it a true need or a cultural issue?

The increase in cesarean sections is on the verge of a global epidemic. Though WHO recommends an optimal C-section rate of 10-15%, the United...

Alimentazione su base vegetale: per il carico sanitario cardiologico e mentale ma anche per l’ambiente

La maggior parte del colesterolo non è basata sulla dieta: il corpo produce circa l'80% del suo colesterolo e il resto viene ingerito col...