Campi magnetici: possono aumentare il rischio per forme di SLA?

La sclerosi laterale amiotrofica (SLA) – a volte indicata come la malattia di Lou Gehrig – è una malattia rara che uccide progressivamente e irreversibilmente i neuroni responsabili del movimento. A poco a poco, i pazienti con SLA diventano incapaci di masticare, camminare o persino respirare. L’Associazione ALS stima che oltre 5.600 persone ricevano una diagnosi di SLA ogni anno e circa 30.000 persone negli Stati Uniti vivono con la malattia. La maggior parte delle persone con SLA di solito muore per insufficienza respiratoria entro 3 o 5 anni dopo lo sviluppo dei sintomi iniziali. Tuttavia, circa il 20% dei pazienti vive per più di 5 anni e il 10% sopravvive per 10 anni o più. Sebbene i ricercatori medici non sappiano ancora quale sia la causa della malattia, sono state avanzate diverse ipotesi. Alcuni studi hanno suggerito che l’esposizione ambientale può essere responsabile della malattia, e altri hanno proposto una serie di fattori di rischio tra cui il fumo, l’attività fisica e il livello di istruzione.

La ricerca precedente ha indicato una varietà dicii esposizioni professionali che possono guidare la malattia. Alcuni di questi includono campi magnetici a frequenza ultra-bassa (ELF-MF), scosse elettriche, metalli e sostanze tossiche come solventi e pesticidi. Le correlazioni trovate in questi studi, tuttavia, sono state messe in discussione a causa di difetti metodologici nell’analisi. Un nuovo studio si propone di riuscire laddove la precedente ricerca non è andata a buon fine, esaminando le prove esistenti e analizzando gli effetti delle suddette esposizioni professionali sulla mortalità della SLA. La ricerca è stata condotta da scienziati dell’Università di Utrecht, dell’Università di Maastricht e del Centro Medico Universitario di Utrecht – tutti in Olanda – ei risultati sono stati pubblicati sulla rivista Occupational & Environmental Medicine. I calcoli sono stati accumulati per genere. Inoltre, i ricercatori hanno tenuto conto di variabili come fumo, livello di istruzione, indice di massa corporea (BMI) e modelli di attività fisica.

Nel complesso, lo studio ha rivelato che l’esposizione professionale a campi magnetici di intesità ultra-bassa (ELF-MFs )ha aumentato il rischio di sviluppare la SLA negli uomini. Gli uomini che erano professionalmente esposti ad alti livelli di ELF-MF avevano una probabilità 2,3 volte maggiore di sviluppare la SLA rispetto a quelli che non erano mai stati esposti a loro. Inoltre, quelli nel terzile superiore (o il 30% superiore) dell’esposizione cumulativa erano quasi il doppio delle probabilità di sviluppare la SLA. Lo studio non ha trovato un legame proporzionale tra il rischio di SLA e la quantità di esposizione. Gli autori concludono che il loro studio “rafforza le prove” e fornisce “ulteriore supporto per un’associazione tra esposizione professionale a ELF-MF e un aumento del rischio di mortalità da SLA”. Tuttavia, notano anche la natura osservativa dello studio, il che significa che non può spiegare la causalità. Un’ulteriore limitazione dello studio è che alcune delle morti considerate nella ricerca potrebbero essere erroneamente attribuite alla SLA.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Koeman T et al. Occup Environ Med. 2017 Aug; 74(8):578-585.

Huss A et al. Amyotroph Lateral Scler FTD. 2015 Mar;16(1-2):80-85. 

Zhou H, Chen G et al. PLoS One 2012; 7(11):e48354.

Håkansson N et al. Epidemiology 2003 Jul; 14(4):420-28.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it