giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Emicrania? Colpa di troppo sodio nel midollo spinale

I malati di emicrania hanno concentrazioni di sodio significativamente più elevate nel loro liquido cerebrospinale rispetto alle persone senza la condizione, secondo il primo studio di utilizzare una tecnica chiamata risonanza magnetica del sodio per guardare i pazienti con emicrania. I risultati sono stati presentati oggi all’incontro Annuale della Radiological Society of North America (RSNA). L’emicrania, un tipo di cefalea caratterizzata da forti dolori alla testa e talvolta nausea e vomito, è uno dei più comuni disturbi di cefalea, che colpisce circa il 18% delle donne e il 6% degli uomini. Alcune emicranie sono accompagnate da cambiamenti visivi o strane sensazioni nel corpo noto come aure. La diagnosi è impegnativa, poiché le caratteristiche delle emicranie e dei tipi di attacco variano ampiamente tra i pazienti. Di conseguenza, molti pazienti con emicrania non diagnosticati e non trattati. Altri pazienti, al contrario, sono trattati con farmaci per l’emicrania, anche se soffrono di un diverso tipo di mal di testa, come la più comune varietà di cefalea muscolo-tensiva.

Il dott. Meyer e colleghi hanno esplorato una tecnica di risonanza magnetica chiamata MRI del sodio cerebrale come possibile mezzo per aiutare nella diagnosi e comprensione dell’emicrania. Mentre la MRI si basa molto spesso sui protoni per generare un’immagine, il sodio può essere visualizzato anche. La ricerca ha dimostrato che il sodio svolge un ruolo importante nella chimica del cervello. I ricercatori hanno reclutato 12 donne, di età media 34 anni, che erano state clinicamente valutate per l’emicrania. Le donne hanno compilato un questionario riguardante la lunghezza, l’intensità e la frequenza dei loro attacchi di emicrania e di aure accompagnanti. I ricercatori hanno anche portato 12 donne sane di età simile a servire come gruppo di controllo. Entrambi i gruppi sono stati sottoposti a risonanza magnetica cerebrale di sodio. Le concentrazioni di sodio di pazienti con emicrania e controlli sani sono stati confrontati e statisticamente analizzati.

I ricercatori non hanno trovato differenze statistiche tra i due gruppi per le concentrazioni di sodio nella materia grigia e bianca, nel tronco cerebrale e nel cervelletto. Tuttavia, sono emerse differenze significative quando i ricercatori hanno esaminato le concentrazioni di sodio nel liquido cerebrospinale, il fluido che circonda il cervello e il midollo spinale, fornendo stabilità chimica per una corretta funzione cerebrale. Complessivamente, le concentrazioni di sodio erano significativamente più elevate nel liquido cerebrospinale nei pazienti con emicrania rispetto al gruppo di controllo sano. Si sa molto bene che gli ioni sodio svolgono un ruolo centrale, isnoanzaione del cervello chiamata “grigio peri-acqueduttale”. I neuroni di questa zona sono ricchi di serotonina, lo stesso mediatore che è coinvolto negli attacchi di emicrania.

Questi risultati potrebbero spiegare l’eccessiva sensibilità di certi soggetti agli stimoli specifici e facilitare la diagnosi di emicrania. Il team spera di saperne di più sulla connessione tra emicrania e sodio, negli studi futuri che sono già in fase di pianificazione.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Prakash S et al. BMJ Case Rep. 2017 Aug 7;2017.

Taheri S. Nutr Health. 2017 Mar; 23(1):47-50.

Truong ML et al. J Magn Reson. 2014 Oct; 247:88-95.

Harrington MG et al. Cephalalgia 2011; 31(12):1254.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Succo di arancia rossa: ottimo tal quale ed anche fermentato

L'obesità è un problema in costante crescita a causa dei sempre peggiori stili alimentari che stanno prendendo piede. La recente scoperta che l'arancia rossa potrebbe contrastare questo fenomeno,...

Sintomi depressivi dopo comparsa di più condizioni morbose: studi e prospettive

Il calo dei tassi di mortalità e l'invecchiamento della popolazione hanno portato ad un aumento del numero di persone che vivono con due o...

Carcinoma mammario: scoperto un trucco metabolico comune alla leucemia

Il carcinoma mammario triplo negativo è una delle forme più aggressive di cancro al seno ed è in grado di diffondersi rapidamente. È tipicamente...