HomeBIOMEDICINA & SALUTELuce arancione: l'antidoto per la mente disturbata e stabilizzare i normali ritmi...

Luce arancione: l’antidoto per la mente disturbata e stabilizzare i normali ritmi giornalieri

Fino all’invenzione della luce elettrica, il sole era l’unica fonte di luce per gli esseri umani. La sera la gente era semplicemente al buio, a parte forse la luce di una candela tremolante o di un camino. Oggigiorno, la vista dallo spazio mostra che ampie parti della Terra sono illuminate. E va bene, possiamo leggere più a lungo, lavorare più a lungo e stare più a lungo. Ma potremmo anche pagare un prezzo per tutta la luce artificiale. E può influenzare alcune persone più fortemente di altri. Troppa luce nell’ora del giorno sbagliata può danneggiare il ritmo circadiano del corpo – in pratica l’orologio interno del tuo corpo. Un ritmo circadiano perturbato può renderci fisicamente e mentalmente malati. Ma la luce non è solo luce. Ha diverse lunghezze d’onda di rosso, giallo e blu. La luce del giorno normale ha molte sfumature di blu. E quando il sole sta per scendere sotto l’orizzonte, il colore della luce che percepiamo cambia. Pensa a un bel tramonto. È per lo più rosa e arancione, senza molto blu.

Il Dr. Håvard Kallestad, ricercatore presso il Dipartimento di Salute Mentale dell’Università della Scienza e della Tecnologia della Norvegia (NTNU), ha spiegato: “Le lunghezze d’onda blu alla luce del giorno fanno diventare il cervello energico e sveglio. La luce blu invia un segnale forte al cervello che l’ormone melatonina dovrebbe spegnersi, e poi ci svegliamo. Ecco perché un trattamento di luce intensa al mattino può aiutare le persone a respingere la depressione invernale e la sensazione di impotenza. E anche il contrario è vero. Se ci circondiamo di molta luce blu la sera, allora il naturale induttore del sonno, l’ormone melatonina, non entrerà in azione. Potrebbe essere notte, ma ti senti stanco? No. Il corpo pensa che sia ancora di giorno. La terapia con luce arancione può aiutare le persone con gravi disturbi mentali? L’assistenza psichiatrica d’urgenza non ha visto molte nuove idee sugli approcci terapeutici, stiamo cercando di fare qualcosa al riguardo”.

Fa parte di una squadra che sta integrando uno speciale trattamento della luce nel nuovo centro psichiatrico d’emergenza dell’Ospedale St. Olavs di Trondheim. Questo è il primo centro in Norvegia, uno dei pochi in tutto il mondo. L’obiettivo è di vedere se il trattamento della luce può contribuire a ridurre i farmaci, anche per i pazienti gravemente malati di mente. Il ricercatore ha continuato: “Un sacco di elettronica come schermi televisivi, luci a LED, lampade, tablet e cellulari contengono luce blu. Se guardiamo la televisione la sera o ci sediamo sul divano con il nostro tablet, ragioni puramente biologiche ci terranno svegli molto più a lungo che se fossimo in una cabina a lume di candela. In effetti, alcuni ricercatori americani hanno preso un gruppo di soggetti di ricerca in un campeggio di tre giorni: non avevano un’illuminazione artificiale lì, solo molta luce diurna durante il giorno e oscurità durante la notte, più in sintonia con il ritmo del sole”.

Un gruppo di ricercatori italiani ha condotto un altro esperimento in cui i pazienti maniaci sono rimasti al buio dalle sei di sera fino alle otto del mattino, eliminando in pratica la luce blu. I loro risultati sono stati notevoli. I pazienti sono diventati significativamente meno maniacali di quelli che sono rimasti in normali condizioni di illuminazione per tutto il pomeriggio e la sera. Knut Langsrud, caposezione del centro di emergenza dell’Ospedale St. Olavs a Trondheim, ha anche scoperto che i pazienti i cui ritmi circadiani erano i più numerosi avevano anche le degenze ospedaliere più lunghe. Ma dover tenere le persone che lottano con questo nelle stanze buie per così tante ore al giorno potrebbe chiedere troppo. Qualche anno fa, La Dr.ssa Tone Elise Gjøtterud Henriksen, una psichiatra del Valen Hospital nella contea di Hordaland, iniziò a sperimentare come gli occhiali dai colori arancioni potessero aiutare le persone con disturbo bipolare.

I pazienti con episodi maniacali hanno indossato occhiali arancioni durante le ore di veglia dalle sei di sera alle otto di mattina per una settimana. Un gruppo di controllo portava occhiali trasparenti. Tutti hanno continuato a ricevere i loro trattamenti regolari pure. Dopo soli tre giorni, i pazienti con gli occhiali arancioni erano significativamente migliori. Gli occhiali arancioni bloccano la luce blu, e il cervello ha pensato che fosse buio. Ora i ricercatori vogliono scoprire da soli se la terapia della luce può influire positivamente sui malati di mente. D’ora in poi, i pazienti nel nuovo centro di emergenza saranno divisi in gruppi situati in due unità fisicamente separate. Un’unità ha un’illuminazione regolare paragonabile ad altri edifici pubblici. L’altra unità è equipaggiata per un trattamento leggero. Due lunghe file di potenti luci sono disponibili per l’uso ogni mattina. Ogni sera dalle 6:30 pm alle 6:30 del mattino la luce blu si trova alla luce del giorno e l’illuminazione interna viene commutata alla luce della sera.

Un filtro arancione viene abbassato davanti alle finestre e le luci nel corridoio e le stanze dei pazienti diventano arancioni. Dalle 6:30 in poi, la luce naturale risplende attraverso le finestre. E le luci regolari vengono riaccese. In questo modo, i pazienti ricevono molta luce del mattino e oscurità artificiale di sera. La speranza è che questo supporterà un miglior ritmo circadiano – e un miglioramento della salute – per i pazienti. Si pone la domanda che cosa dovrebbero fare le persone che hanno appena sostituito le loro vecchie lampadine con le LED. Il Dr. Kallestad conferma che i LED potrebbero potenzialmente avere un effetto dannoso sul nostro ritmo circadiano, perchè producono più luce blu rispetto alle lampadine vecchio stile; sono sicuramente meno dannosi dei vecchi neon, ma a quanto pare l’efficienza energetica rischia di avere il suo pedaggio su altri aspetti della salute. Quando si tratta di smartphones e tablets, molti di loro hanno un’app che filtra la luce blu che si può accendere di sera.

Oppure potete spegnere completamente le luci e accendere invece una candela, stile filosofo del medioevo o più romantico, a secondo degli interessi.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Esaki Y et al. Bipolar Disord. 2020 Nov; 22(7):739-748.

Gold AK, Kinrys G. Curr Psychiatry Rep. 2019; 21(3):14. 

Solheim B, Olsen A et al. J Sleep Res. 2018 Aug 13:e12730. 

Krane-Gartiser K et al. J Affect Disord. 2016; 202:23-31.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI