Home PSICHE & SALUTE Schizofrenia: un additivo alimentare sensibilizza i casi resistenti alla terapia

Schizofrenia: un additivo alimentare sensibilizza i casi resistenti alla terapia

Il benzoato di sodio, comune ed innocuo conservante alimentare (E212), migliora i sintomi nei pazienti con schizofrenia resistenti alla clozapina, secondo un nuovo studio pubblicato in Biological Psychiatry. Lo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo condotto da Hsien-Yuan Lane, MD, PhD, della China Medical University, Taiwan, ha dimostrato che l’aggiunta di sodio benzoato alla clozapina antipsicotica migliorava i sintomi nei pazienti che non vedevano risultati con altri farmaci, offrendo una nuova opzione per i pazienti più difficili da trattare. La clozapina è considerata l’agente antipsicotico di ultima linea per i pazienti con schizofrenia refrattaria, specialmente per i pazienti i cui sintomi non rispondono agli antipsicotici disponibili. Ma si stima che il 40-70% dei pazienti con schizofrenia refrattaria non riesca a migliorare anche con la clozapina, indicata come “resistente alla clozapina”, esaurendo tutte le potenziali opzioni terapeutiche.

I 60 pazienti con schizofrenia inclusi nello studio stavano assumendo clozapina e hanno ricevuto un placebo o benzoato di sodio come terapia aggiuntiva per sei settimane. Il primo autore Chieh-Hsin Lin, MD, Ph.D., del College of Medicine dell’Università di Chang Gung, Taiwan, e colleghi hanno testato due diverse dosi di benzoato di sodio (1 o 2 grammi al giorno) per trovare quale ha offerto il maggiore impatto sui sintomi con effetti collaterali minimi. Rispetto al placebo, il benzoato di sodio ha migliorato i sintomi negativi, come la mancanza di emozioni e motivazioni, che hanno una maggiore influenza sull’esito funzionale del paziente rispetto ai più importanti sintomi psicotici. La dose più alta di benzoato di sodio ha anche migliorato la valutazione dei sintomi generali e della qualità della vita. Sebbene il benzoato di sodio abbia migliorato la funzione cognitiva se combinato con altri antipsicotici in studi precedenti, il trattamento aggiuntivo non ha avuto influenza sulla funzione cognitiva in questo studio.

Il benzoato di sodio agisce impedendo la demolizione della D-serina, un amminoacido che svolge un ruolo importante nella segnalazione che viene distrutta nel cervello delle persone con schizofrenia. In questo caso è il recettore N-metil-D-aspartato (NMDAR), che ha un sito di legame per la D-serina. NMDAR è anche un tipo di recettore per il glutammato, il principale neurotrasmettitore nella corteccia cerebrale. I recettori per la D-serina sono obiettivi a lungo termine per lo sviluppo di farmaci nella schizofrenia e il benzoato di sodio è probabilmente il primo strumento significativo per influenzare questo obiettivo. Il team suggerisce che per questi effetti potrebbe essere necessaria una dose maggiore o una durata più lunga del trattamento. Il nuovo studio è il primo a dimostrare che il benzoato di sodio, che ha dimostrato di migliorare altri farmaci antipsicotici, funziona in pazienti resistenti alla clozapina. È importante sottolineare che i pazienti che assumono il benzoato di sodio non hanno avuto effetti collaterali, confermando che il trattamento è sicuro da usare alle dosi testate.

Sebbene siano necessari ulteriori studi per imparare come il benzoato di sodio migliora il trattamento con clozapina in questi pazienti, questo studio sottolinea l’importanza per il trattamento della schizofrenia della comprensione degli interruttori molecolari che possono essere attivati ​​per normalizzare la funzione del circuito cerebrale.

A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in BIochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lin CH et al., Lane HY. Biol. Psychiatry 2017; Dec 26.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com

ARTICOLI PIU' LETTI