giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Caduta dei capelli (II): quando è colpa del ferro basso

Introduzione

I medici stanno ancora definendo la relazione tra anemia da carenza di ferro e perdita di capelli. Questo perché la caduta di capelli può avere più fattori che contribuiscono tra cui la genetica, che fra l’altro non è ancora stata esplorata in questo senso. I sintomi dell’anemia sideropenica comprendono: pelle pallida, mancanza di energia, battito cardiaco accelerato, fiato corto e mal di lingua. Mentre la perdita dei capelli non è un tipico sintomo dell’anemia da carenza di ferro, alcune persone potrebbero sperimentarlo. Se una persona sospetta che i suoi livelli di ferro potrebbero essere bassi, dovrebbe visitare un medico per eseguire esami del sangue e determinare il grado di anemia. Tuttavia, i medici sanno che la carenza di ferro può avere un ruolo perché molte persone, che soffrono di perdita di capelli, hanno depositi di ferro inferiori a coloro che non li perdono.

Meccanismi

Idealmente, aumentando le riserve di ferro, si può vedere un miglioramento nella crescita dei capelli così come qualsiasi sintomo di anemia da carenza di ferro. I medici non sono sicuri del motivo per cui alcune persone che soffrono di perdita di capelli hanno poche riserve di ferro. Sanno, tuttavia, che il ferro è un componente essenziale in un enzima chiamato ribonucleotide reduttasi (RDPR). Questo enzima aiuta la crescita cellulare costruendo basi nucleotidiche necessarie per la sintesi del DNA. Secondo alcune ricerche, le cellule del follicolo pilifero possono essere particolarmente sensibili ai livelli decrescenti di ferro e potrebbero non essere in grado di coltivare nuove cellule altrettanto efficacemente quando le riserve di ferro sono basse. Il ferro svolge un ruolo cruciale nel produrre l’emoglobina, un composto che trasporta l’ossigeno alle cellule. È anche possibile che meno apporto di sangue attraverso i capillari dei follicoli piliferi, indebolisce i follicoli stessi fino al punto di far cadere il capello.

Carenza di ferro e perdita di capelli

La maggior parte degli studi relativi all’anemia da carenza di ferro e alla perdita di capelli analizzano la perdita di capelli nelle donne. La perdita dei capelli di tipo femminile, nota anche come alopecia androgenetica, è il tipo di perdita di capelli più comune nelle donne. La perdita dei capelli di tipo femminile di solito si riferisce al diradamento dei capelli nella parte centrale del cuoio capelluto. Le persone con questo schema di perdita di capelli possono anche avere i capelli sfoltire o sfuggente sull’attaccatura dei capelli lungo la fronte. La ricerca ha determinato che non ci sono prove sufficienti, per dire con certezza che l’anemia da carenza di ferro può causare la perdita di capelli negli uomini o nelle donne. Mentre alcuni studi hanno scoperto che le persone che soffrono di perdita di capelli erano carenti di ferro, ci sono poche prove che suggeriscano che una carenza di ferro sia la causa reale. Tuttavia, la ricerca suggerisce che la perdita di capelli da carenza di ferro, sembra essere correlata alla perdita di capelli che non cicatrizza i follicoli piliferi. Questo è promettente per la ricrescita, perché significa che i follicoli non sono gravemente danneggiati e potrebbero essere in grado di far crescere di nuovo i capelli.

Trattare la perdita di capelli

Indipendentemente dalla carenza di ferro, i medici possono consigliare molti trattamenti alle persone che soffrono di perdita di capelli, tra cui:

Minoxidil: questo farmaco è disponibile come soluzione topica. Questo farmaco è un vasodilatatore, allargando i capillari del cuoio capelluto e implementando l’apporto di sangue. Gli scienziati pensano che questo farmaco permetta ai capelli di rimanere nella fase di crescita più a lungo.

Inibitori della 5-alfa-reduttasi: farmaci come la finasteride (Proscar) sono inibitori della 5-alfa-riduttasi. Questo enzima sopprime la crescita dei capelli, perché attiva il testosterone nella sua forma biologica attiva (DHT). L’ormone, quindi, è responsabile della soppressione della crescita delle cellule follicolari.

Tecniche chirurgiche: se altri trattamenti non funzionano, la chirurgia, come il trapianto di capelli, può aiutare a ripristinare i capelli di una persona.

I medici sono continuamente alla ricerca di nuove tecniche per ripristinare la crescita dei capelli. Un’ultima novità è il trattamento con plasma ricco di piastrine (PRP). Ciò comporta la separazione delle piastrine da un campione del sangue di una persona utilizzando un separatore computerizzato, quindi l’iniezione di queste piastrine in aree del cuoio capelluto interessate dalla caduta dei capelli. I medici ritengono che le piastrine contengano una quantità significativa di fattori di crescita, che possono aiutare a stimolare la crescita dei capelli. La ricerca in uno studio ha rilevato che le donne che hanno ricevuto iniezioni di PRP hanno visto aumentare la densità e lo spessore dei loro capelli dopo 6 mesi. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per dimostrare l’efficacia della PRP.

Trattamento della carenza di ferro

La ricerca afferma che non ci sono prove sufficienti a suggerire che l’assunzione di supplementi di ferro aiuterà una persona con la perdita di capelli a crescere nuovi capelli se ha l’anemia da carenza di ferro. Tuttavia, ci sono molti altri trattamenti di ricrescita dei capelli disponibili. Le persone con la perdita dei capelli dovrebbero parlare con il loro medico sulle opzioni di trattamento. Se una persona ha bassi depositi di ferro, aumentando il consumo di ferro probabilmente li aiuterà a sentirsi meglio nel complesso. Integratori a base di ferro possono essere raccomandati come trattamento per l’anemia da carenza di ferro. I trattamenti per l’anemia da carenza di ferro includono:

Integratori con ferro: un medico può consigliare a una persona di prendere integratori di ferro ogni giorno per aiutare il proprio corpo a ripristinare il ferro nel tempo. Una persona dovrebbe sempre parlare con il proprio medico prima di assumere integratori di ferro perché possono causare gravi effetti collaterali. Una persona potrebbe dover assumere integratori di ferro almeno per 2-3 mesi, prima che i depositi di ferro raggiungano livelli normali.

Iniezioni a base di ferro: un medico può raccomandare iniezioni di ferro per aumentare i livelli di ferro più velocemente. Le persone che sono gravemente anemiche possono anche richiedere il trattamento con ferro per via endovenosa. Anche le persone che non sono in grado di assorbire il ferro in modo appropriato, come quelli affetti dal morbo di Crohn o celiachia, possono trarre beneficio dalle iniezioni.

Variazioni nella dieta: consumare più ferro nella dieta può anche aiutare ad aumentare i livelli. Gli alimenti più ricchi di ferro includono carne rossa, pollo e le frattaglie. Fra queste il fegato sicuramente sta in cima. Il cacao amaro è estremamente ricco di questo elemento (14mg/100g). I legumi come ceci e lenticchie hanno nel complesso un buon contenuto di ferro. Da evitare, invece, alimenti che contengono sostanze che sequestrano il ferro, rendendolo insolubile. Fra questi i pomodori, ricchi di acido ossalico, ed il thè che con le sue catechine rende il gli ioni ferro inassorbibili a livello delle mucose intestinali.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Patel D et al. Curr Treat Options Gastroenterol. 2018 Mar;16(1):112.

De Franceschi L et al. Eur J Intern Med. 2017 Jul; 42:16-23.

DeLoughery TG. Med Clin North Am. 2017 Mar; 101(2):319-332.

Grzywacz A et al. Acta Pol Pharm. 2017; 74(1):13-24. Review.

Rushton DH et al. J Am Acad Dermatol. 2011 Jul; 65(1):203-204.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

La dipendenza da alcolici mostra somiglianza con l’emicrania: focus sul peptide PACAP

L’alcol è la sostanza che crea dipendenza più diffusa al mondo. Il disturbo da consumo di alcol, un problema altamente diffuso, cronico e recidivante,...

Metformina: per il diabete o per i chili di troppo?

Generalità ed uso La metformina è un farmaco che i medici usano per curare le persone con diabete di tipo 2. Funziona insieme ad altri...

Nutrire il microbiota con lo stile dietetico giusto: così il sistema immunitario non va verso la sclerosi multipla

Un ampio numero di prove ha dimostrato che la dieta modella il microbioma intestinale, che può influenzare il sistema immunitario e la salute generale....