giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Nuovo farmaco per malattie tropicali dalle bacche di goji

Anche se non molto conosciuta, la schistosomiasi è la malattia parassitaria umana più devastante dopo la malaria, con circa 600 milioni di persone attualmente colpite e che causa circa 300.000 morti all’anno. Allo stesso modo, 17 milioni di persone sono attualmente infette da fascioliasi, con cifre destinate ad aumentare. La schistosomiasi è causata da un parassita trasportato dall’acqua, mentre la fascioliasi è causata da un parassita di origine alimentare. Entrambe queste malattie trascurate sono trattate con un singolo farmaco, che è ampiamente somministrato alla popolazione in cui queste malattie sono più prevalenti. Tuttavia, questo tipo di trattamento singolo spesso porta alla resistenza ai farmaci, che ora è il caso per molte persone a rischio di contrarre queste malattie. Questa parassitosi è caratterizzata dall’essere inizialmente asintomatica, ma è in grado di evolvere in forme cliniche più gravi, potenzialmente causa di morte. A livello globale, oltre 200 milioni di persone sono infette da una delle tre specie di Schistosome, tra cui circa 40 milioni di donne in età riproduttiva. Ad esempio, in Brasile, circa 12 milioni di bambini richiedono chemioterapia preventiva con antielmintici. Tuttavia, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), solo il 14% dei bambini a rischio riceve un trattamento regolare.

Il trattamento della schistosomiasi giova di un solo farmaco approvato dalla FDA, il praziquantel, mentre la fasciolasi (passera epatica) beneficia unicamente del triclabendazolo. Di conseguenza, un gruppo di ricercatori dell’università di Cardiff ha unito le forze con l’Istituto di Scienze Biologiche, Ambientali e Rurali dell’Università di Aberystwyth, guidato dal professor Karl Hoffmann, in una collaborazione per trovare un nuovo trattamento farmacologico. Derivato dalla natura, un potenziale nuovo farmaco per curare queste due malattie tropicali potenzialmente letali è stato scoperto come risultato della collaborazione tra queste due università gallesi. Il team di ricercatori, guidato dal professor Andrew Westwell dell’Università di Cardiff, ha creato con successo un composto farmaceutico dalla pianta di bacca di goji (Licium chinense), che è attivo contro i parassiti che causano la schistosomiasi e la fascioliasi. Sono partiti dalla sostanza chimica chiamata 7-keto-sempervirolo per sintetizzare 30 analoghi; uno di questi (7d) ha mostrato attività vermicida per entrambe le larve di shistosoma e fasciola in un buon intervallo di dosi micromolari.

Dato che il composto ha azione su entrambi i tipi di parassiti ed è efficace a concentrazioni più basse dei farmaci correnti, il team spera che possa facilmente trovare approvazione da parte della FDA per test clinici preliminari.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Crusco A et al. Eur J Med Chem. 2018 May 25; 152:87-100.

Siqueira LDP et al. Acta Trop. 2017 Dec; 176:179-187. 

Edwards J et al. PLoS Negl Trop Dis. 2015 Mar 13; 9(3).

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Mielodisplasia: cosa è, come si complica e quali sono le cure da fare

Introduzione La sindrome mielodisplastica (MDS) viene anche definito "disturbo da insufficienza del midollo osseo" ed è un tipo di tumore del sangue. LA MDS danneggia...

Zucchine e meloni: una vasta famiglia con proprietà nutrienti e bioattive per la salute

Le piante della famiglia delle Cucurbitacee, come zucca, zucchino, anguria e melone sono conosciute e coltivate sin dai tempi antichi. Troviamo in questa famiglia...

CDK6: once removed, the mutant gets JAcK 2 order

Myeloproliferative neoplasms (MPNs) are a group of rare, malignant diseases of the bone marrow involving the production of an excess of red blood cells,...

Questo si chiuderà in 20 secondi