Home PREVENZIONE & SALUTE Ritiro vaccini scolastici: ping-pong, tira-e-molla o cosa?

Ritiro vaccini scolastici: ping-pong, tira-e-molla o cosa?

Il governo italiano ha rimosso la necessità per tutti i bambini di essere vaccinati contro 10 importanti malattie infettive prima di poter frequentare la scuola o l’asilo. Ciò ha scioccato e fatto arrabbiare la comunità medica e scientifica. C’è una legge in vigore che impone ai genitori di fornire una prova che tutti i bambini sono vaccinati contro 10 importanti malattie infettive quando iscrivono i loro bambini nelle scuole materne e asili. La legge è sospesa per un anno nell’ambito di questa nuova “governance”. L’emendamento è stato approvato dalla Camera del Parlamento italiano venerdì scorso. La mozione raccolse da 148 a 110 voti. Ha ancora bisogno di passare la camera bassa prima che possa essere adottata dalla nazione. Ci sono stati 5004 casi di morbillo segnalati nel 2017. Questi numeri si sono posizionati al secondo posto dopo la Romania in Europa, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). Il morbillo è un’infezione virale prevenibile con la vaccinazioneCirca il 34% di tutti i casi di morbillo nell’area economica europea sono stati segnalati dall’Italia. 

Nel luglio 2017, il Partito Democratico come risposta a questo focolaio ha introdotto questa legge che ha costretto tutti i genitori a vaccinare i propri figli prima che potessero iscriversi nelle scuole. Questa strategia di vaccinazione obbligatoria è stata contrastata dal movimento Cinque Stelle italiano e dalla sua coalizione, la Lega di estrema destra. Hanno detto che ciò scoraggerebbe l’inclusione scolastica. Secondo il leader della Lega e ministro degli Interni Matteo Salvini, nel giugno di quest’anno queste 10 vaccinazioni sono “inutili e in molti casi pericolose, se non addirittura dannose”. Ha detto: “Confermando l’impegno di permettere a tutti i bambini di andare a scuola. La priorità è che non vengano espulsi dalle classi”. Il ministro della Salute Giulia Grillo, un membro Cinque Stelle, ha dichiarato di voler modificare queste regole perché voleva “stimolare l’inclusione scolastica e semplificare le regole per i genitori”. Naturalmente queste politiche di anti-vaccinazione hanno scioccato e fatto arrabbiare la comunità medica. Hanno avvertito che la nazione stava appena iniziando a vedere una tendenza positiva nell’epidemiologia di queste importanti infezioni prevenibili da vaccino e tutti i progressi potrebbero essere venerati ora.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda una copertura del 95% per tutta la popolazione per assicurare “l’immunità della mandria” e proteggere l’intera comunità. La copertura vaccinale per la prima dose di morbillo è stata dell’85% nel 2015 e dell’83% per la seconda dose in Italia, afferma l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Mentre i genitori rinunciano alla vaccinazione per principio o per incuria, spiegano, la comunità diventa nuovamente vulnerabile. I bambini troppo piccoli per essere vaccinati e quelli con una immunità soppressa che non possono essere vaccinati sono protetti quando gli altri bambini sono vaccinati, spiegano gli esperti nel campo. Quando la copertura di massa si abbassa, questi bambini diventano sensibili a queste infezioni che possono trasformarsi in mortali per loro. I gruppi anti-vaccinazione hanno basato le loro teorie sulle associazioni di vaccino contro il morbillo e l’autismo, c’è stata una sentenza nella corte riminese che collega l’autismo con il vaccino trivalente morbillo, parotite e rosolia. Da allora, la sentenza è stata annullata per mancanza di prove scientifiche da tre anni. Tuttavia, l’impatto negativo sulle menti della popolazione generale rimane.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.
Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI