Dermatite atopica: l’ospite abituale diventa allergene ma non si sa come

La dermatite atopica (AD) è una malattia infiammatoria cutanea recidivante cronica frequente. È caratterizzato da un intenso prurito dell’eczema cutaneo ed è frequentemente associato a rinocongiuntivite allergica e asma allergico. La prevalenza di AD nei paesi industrializzati è triplicata negli ultimi 30 anni, interessando il 15% -30% dei bambini e fino al 10% degli adulti. Sembra essere in parti geneticamente determinate e diversi fattori sembrano contribuire allo sviluppo dell’AD. Ad esempio, la pelle dei pazienti con AD è caratterizzata da una compromissione della funzione di barriera cutanea con aumento della perdita di acqua trans-epidermica, aumento del pH superficiale e riduzione dell’idratazione. In secondo luogo, il sistema immunitario cutaneo nei pazienti con AD è alterato rispetto agli individui sani. Ad esempio, i pazienti con AD hanno livelli aumentati delle citochine interleuchina (IL) -4, IL-10 e IL-13 nella loro pelle rispetto ai controlli sani. Si può ipotizzare che la compromissione della funzione di barriera cutanea e il sistema immunitario cutaneo alterato possano svolgere ruoli intrecciati e contribuire alla colonizzazione e alla crescita di microrganismi sulla pelle dei pazienti con AD. La colonizzazione alterata della pelle con microrganismi nei pazienti con AD rispetto a individui sani è stata ampiamente studiata per i batteri, in particolare lo Staphylococcus aureus.

Negli ultimi anni, la ricerca di AD si è focalizzata anche sulla possibile correlazione patogenetica tra eczema e fungo commensale della pelle Malassezia spp. perché i pazienti con AD sono spesso sensibilizzati a Malassezia spp.; e i pazienti con AD possono beneficiare di una terapia antifungina efficace contro queste specie. I ricercatori dell’Università di Zurigo hanno dimostrato che le stesse cellule immunitarie che ci proteggono dai funghi della pelle incoraggiano anche i sintomi infiammatori della dermatite atopica. Una terapia con anticorpi potrebbe alleviare questa infiammazione cronica della pelle. Si sospetta che una piccola specie di lievito chiamata Malassezia, che oltre a batteri e virus fa parte della microflora della pelle sana, rafforza le difese dell’organismo e prepara il sistema immunitario contro pericolosi agenti patogeni – proprio come fanno alcuni batteri. A differenza dei batteri, tuttavia, finora si sa poco dei processi fisiologici che controllano il fungo ubiquitario. Gli immunologi dell’Università di Zurigo hanno dimostrato che il nostro sistema immunitario è responsabile del mantenimento dell’equilibrio sulla nostra pelle. I ricercatori sono stati in grado di dimostrare che, nei topi e negli esseri umani, i funghi Malassezia stimolano il sistema immunitario a produrre la citochina interleuchina-17.

Nella dermatite atopica il sistema immunitario reagisce in modo esagerato agli antigeni dell’ambiente, ad esempio gli acari della polvere domestica. Questo può portare all’eczema, che è caratterizzato da lesioni cutanee secche, infiammate e pruriginose. L’attuale studio conferma che la produzione di IL-17 da parte di alcune cellule immunitarie, che normalmente forniscono protezione contro la crescita incontrollata di funghi sulla pelle, contribuisce anche allo sviluppo di sintomi caratteristici della dermatite atopica. Il fungo diventa un allergene sulla pelle e scatena una reazione eccessiva del sistema immunitario. Questo risultato è supportato da esperimenti con cellule di dermatite atopica condotte in collaborazione con l’Ospedale universitario di Zurigo e l’ETH di Zurigo. Salomé Leibund Gut-Landmann, professoressa di Immunologia, ha spiegato: “I risultati del nostro studio suggeriscono che gli anticorpi monoclonali che neutralizzano l’effetto dell’interleuchina-17 potrebbero essere un trattamento efficace per la dermatite atopica. Questi anticorpi esistono già e vengono usati per trattare la psoriasi con grande successo. Tuttavia, resta da studiare perché la risposta immunitaria contro la Malassezia può diventare patologica e perché i meccanismi normalmente protettivi si alterano nei pazienti con dermatite atopica”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Sparber F et al. Cell Host Microbe. 2019 Mar 13; 25(3):389-403.

Limon JJ et al. Cell Host Microbe. 2019 Mar 13; 25(3):377-388.

Dawson TL Jr. Cell Host Microbe. 2019 Mar 13; 25(3):345-347.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1365 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

Commenta per primo