venerdì, Giugno 21, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Sul buon sonno in tempi di lockdown: due studi fanno il resoconto dei vantaggi per la salute

Gli ordini di confinamento a casa e i “blocchi” legati alla pandemia di COVID-19 hanno avuto un impatto importante sulla vita quotidiana delle persone in tutto il mondo. Ciò ha incluso il modo in cui le persone dormono, come riportano due studi sulla rivista Current Biology. Entrambi gli studi dimostrano che programmi scolastici e di lavoro rilassati e più tempo trascorso a casa hanno portato le persone a dormire di più in media con meno “jetlag sociale”, come indicato da una riduzione del tempo e della durata del sonno nei giorni lavorativi rispetto ai giorni liberi. Ma, allo stesso tempo, uno degli studi rileva anche che la pandemia ha avuto un tributo quando si tratta di qualità del sonno auto-riferita. Nel loro studio, Blume e colleghi hanno esplorato gli effetti della fase più rigorosa del blocco COVID-19 sulla relazione tra ritmi sociali e biologici e sul sonno durante un periodo di sei settimane da metà marzo a fine aprile 2020 in Austria, Germania e Svizzera.

I loro dati hanno mostrato che il blocco ha ridotto la discrepanza tra i tempi di veglia del sonno sociale e biologico quando le persone hanno iniziato a lavorare da casa di più e a dormire ore più regolari di giorno in giorno. Le persone dormivano anche circa 15 minuti in più ogni notte. Tuttavia, i dati auto-segnalati indicavano una percezione chela qualità del sonno fosse diminuita. Christine Blume, ricercatrice del sonno e neuroscienziata del Centro per la Cronobiologia dell’Università di Basilea, ha spiegato: “Di solito, ci aspetteremmo che una riduzione del jetlag sociale sia associata a segnalazioni di una migliore qualità del sonno. Tuttavia, nel nostro campione, la qualità complessiva del sonno è diminuita. Riteniamo che l’onere percepito da sé, che è notevolmente aumentato durante questo blocco COVID-19 senza precedenti, potrebbe aver superato gli effetti altrimenti benefici di un ridotto jetlag sociale”.

Nell’altro studio, Kenneth Wright dell’Università del Colorado, Laboratorio di sonno e cronobiologia di Boulder e colleghi hanno posto domande simili confrontando il sonno prima e durante gli ordini di soggiorno a casa in 139 studenti universitari mentre passavano dal prendere lezioni di persona per prenderli da remoto. Come riportato dal team, la durata del sonno notturno è aumentata di circa 30 minuti nei giorni feriali e di 24 minuti nei fine settimana. Anche i tempi del sonno sono diventati più regolari di giorno in giorno e c’era meno jetlag sociale. Gli studenti sono rimasti svegli circa 50 minuti dopo mentre erano a casa durante i giorni feriali e circa 25 minuti più tardi nei fine settimana. Glistudenti che tendevano a dormire meno prima che gli effetti di COVID-19 prendessero piede hanno mostrato il maggiore aumento della quantità di sonno dopo aver smesso di frequentare le lezioni di persona.

Dopo l’entrata in vigore degli ordini Stay-at-Home, il 92% degli studenti ha ricevuto 7 o più ore di sonno a notte consigliate, rispetto all’84% precedente.  Molti potrebbero pensare che data l’assenza di impegni esterni, ci si sregoli di più approfittandone e facendo più spesso le “ore piccole”. Ma non è così. A parte lo scontento generale di aver veduto menomare la maggior parte delle proprie attività sociali, non tutti hanno reagito allo stesso modo. Le immagini alla TV ci hanno propinato persone comuni e VIP che, per trascorrere il tempo, si sono dati alla ginnastica e all’attività in cucina. C’è chi ha speso molto tempo con i figli, magari dopo molti mesi di lavoro oberante e trascuramento dei doveri familiari. Ma molti hanno reagito anche con noia, frustrazione o depressione dell’umore. E un antidoto biologico di queste condizioni è proprio il sonno.

Il Dr. Wright ha commentato: “La durata del sonno insufficiente, i tempi di sonno irregolare e tardivo e il jetlag sociale sono comuni nella società moderna. Tali comportamenti di salute del sonno poveri contribuiscono e peggiorano i principali problemi di salute e sicurezza, tra cui malattie cardiache e ictus, aumento di peso e obesità, diabete, disturbi dell’umore come depressione e ansia, abuso di sostanze e compromissione della salute immunitaria, nonché sonnolenza mattutina, compromissione cognitiva, riduzione della produttività lavorativa, scarse prestazioni scolastiche e rischio di incidenti / sonnolenza alla guida. Una migliore comprensione di quali fattori durante il lockdown hanno contribuito a modificare i comportamenti di salute del sonno può aiutare a sviluppare strategie di intervento sulla salute del sonno. Questa situazione senza precedenti della pandemia e il blocco hanno aumentati l’onere auto-percepito e ha avuto effetti negativi sulla qualità del sonno. Il rilassamento dei programmi sociali ha anche portato a un migliore allineamento tra fattori esterni o sociali che determinano i nostri tempi di veglia e i segnali biologici interni del nostro corpo. Questo è stato anche associato a un sonno più generale”.

Per quello che può valere come testimonianza, anche il sottoscritto è stato in contatto con amici e conoscenti che hanno sperimentato sonno sia diurno che notturno, come anche chi ha invertito le parti dormendo di giorno e rimanendo attivo di notte. Nel caso personale, è successo di andare a dormire più tardi per poi risvegliarsi ad ora di pranzo. Dal punto di vista della salute del sonno, tuttavia, l’aumento della durata del sonno e la regolarità sono cambiamenti positivi. Ed ha avuto altri impatti positivi più generali: mentre il “sistema” ci ha messi a dormire, la Natura ha recuperato le sue risorse, ha ripulito atmosfera ed oceani e si è ripresa alcuni suoi spazi.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Blume C et al. Current Biology 2020 June 10 in press.

Huckins JF et al. J Med Internet Res. 2020 June 9.

Jacobson NC et al. JMIR Ment Health 2020; 7(6):e19347.

Blume C et al. Eur J Neurol. 2019; 26(8):1051-1059.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Lo stigma dell’epilessia: i risvolti sociali, scolastici e lavorativi, tra difficoltà e possibilità

Nel 1968 il sociologo statunitense Erving Goffman definì lo stigma come un “fenomeno in base al quale una persona è screditata o respinta dalla società a...

L’uso del sarilumab per trattare la polimialgia reumatica: il biologico fa risparmiare steroidi ed effetti collaterali

La polimialgia reumatica (PMR) è una malattia infiammatoria cronica che colpisce il tessuto vascolare connettivo, caratterizzata da dolore accompagnato da rigidità mattutina, prevalentemente dei...

Bilirubina: il pigmento non indica solo ittero, protegge anche il cuore

La bilirubina è un pigmento e un antiossidante naturale. È un sottoprodotto naturale della scomposizione dei globuli rossi, che si verifica quando i globuli...

Questo si chiuderà in 20 secondi