mercoledì, Luglio 24, 2024

L’immunità che dialoga costantemente col cervello: il ruolo segreto di C1q nel cervello che matura ed invecchia

Uno studio innovativo condotto presso il laboratorio di Beth...

L’orologio biologico ed il metabolismo: una bilancia che rischia di saltare con certe tipologie di lavoro

Le routine quotidiane della vita sono legate ai modelli...

The risk for cognitive impairment among breast cancer survivors: drug types vs. plausible mechanisms

Breast cancer is the most commonly diagnosed cancer among...

Gli effetti di internet sulla salute mentale: come la scienza può usare la tecnologia per studiare il benessere psicologico

La rapida crescita delle tecnologie Internet negli ultimi due decenni ha sollevato preoccupazioni circa l’impatto sul benessere psicologico e sulla salute mentale. Esistono inoltre timori circa la diffusa popolarità delle tecnologie abilitate a Internet come i social media, gli smartphone e i giochi online tra gli adolescenti e i loro effetti dannosi sulla loro salute mentale. La risposta iniziale di alcuni governi a tali preoccupazioni è stata quella di regolamentare l’accesso di specifici gruppi di età a queste tecnologie. Tuttavia, studi successivi che hanno coinvolto metodologie come meta-analisi e osservazioni longitudinali hanno messo in discussione le opinioni iniziali secondo cui le diffuse tecnologie Internet sono state dannose per il benessere psicologico degli utenti. I primi studi mancavano anche di metodi per misurazioni accurate del coinvolgimento della tecnologia Internet e di un campionamento affidabile.

Il lancio delle piattaforme di social media come Myspace e Facebook nel 2003 e nel 2004, rispettivamente, ha alimentato una crescita di piattaforme online progettate per aumentare l’interconnettività sociale.14 Twitter, Instagram e Snapchat, tra gli altri, sono seguiti a breve e sono diventati una via per la vita quotidiana. consumo e diffusione delle informazioni. Nel 2022, è stato riferito che il 62% dei bambini di età compresa tra 8 e 17 anni aveva uno o più profili su app o siti online, e l’utilizzo di piattaforme di condivisione video come YouTube o TikTok era l’attività online più popolare in questa fascia d’età. Un numero crescente di studi utilizza metodi di reclutamento online ed è in fase di studio la fattibilità di tali strategie. Facebook, in particolare, ha dimostrato di essere uno strumento di reclutamento di successo per popolazioni che potrebbero non rispondere alle strategie di reclutamento tradizionali, come gli adolescenti.

Inoltre, poiché non sono stati condotti altri test completi per determinare l’associazione tra l’aumento dell’utilizzo di Internet e la salute mentale, non è chiaro se un aumento nell’adozione di tecnologie basate su Internet abbia avuto un impatto significativamente negativo sulla salute mentale. In un’ultima indagine, sono stati condotti due studi per comprendere i cambiamenti nella salute mentale e nel benessere globale dovuti all’adozione diffusa di tecnologie basate su Internet. Il primo studio ha esaminato tre aspetti del benessere psicologico e li ha confrontati con i dati di 16 anni provenienti da 168 paesi sugli abbonamenti pro capite alla banda larga mobile e sugli utenti Internet. Inoltre, hanno valutato 19 anni di dati provenienti da 202 paesi su tre principali risultati di salute mentale, vale a dire autolesionismo, disturbi depressivi e disturbi d’ansia.

I loro obiettivi principali erano capire come la proliferazione delle tecnologie rese possibili da Internet negli ultimi due anni abbia cambiato la salute mentale e il benessere a livello globale, se gli abbonamenti pro capite alla banda larga mobile e gli utenti Internet in un paese possano prevedere il salute mentale e benessere del paese e se le associazioni tra salute mentale e uso della tecnologia basata su Internet variano a seconda del sesso e dell’età, con indicazioni di popolazioni vulnerabili. Gli indicatori di benessere psicologico utilizzati per il primo studio erano esperienze negative auto-riferite, esperienze positive e soddisfazione di vita. I dati sulla salute mentale di oltre due milioni di individui di età compresa tra 15 e 89 anni, raccolti tra il 2005 e il 2022 in 168 paesi, sono stati confrontati con il numero di utenti di banda larga mobile e Internet in questi paesi per determinare l’associazione tra utilizzo di Internet e benessere psicologico.

Nel secondo studio, i ricercatori hanno utilizzato dati di meta-analisi provenienti da 202 paesi sugli esiti di salute mentale, come i tassi di disturbi depressivi, autolesionismo e disturbi d’ansia tra il 2000 e il 2019, per comprendere l’impatto dell’adozione diffusa di internet. tecnologie basate sulla salute mentale. I risultati del primo studio hanno riportato che in 16 anni, i tre indici di benessere psicologico non hanno mostrato cambiamenti associati all’uso prolifico delle tecnologie basate su Internet in nessuno dei 168 paesi. Inoltre, l’aumento delle esperienze positive e negative è stato quasi trascurabile e piccolo a sufficienza da non essere considerato significativo. Quando sono state esaminate le variazioni nelle associazioni tra il maggiore utilizzo di Internet e gli indicatori di benessere psicologico nei vari paesi, i risultati hanno mostrato che non è stato possibile osservare alcuna connessione coerente tra i cambiamenti nel benessere e l’adozione della tecnologia basata su Internet.

Inoltre, le associazioni non hanno mostrato variazioni nemmeno tra i gruppi demografici e gli individui più giovani o le donne più giovani, in particolare, non sono risultati particolarmente vulnerabili. I risultati del secondo studio, tuttavia, hanno mostrato risultati contrastanti. Rispetto all’ipotesi del punto zero, i tassi medi di autolesionismo e disturbi depressivi sono diminuiti, mentre quelli dei disturbi d’ansia sono aumentati. Tuttavia, dopo aver corretto il “bias” nelle meta-analisi, le associazioni tra i cambiamenti negli esiti sulla salute mentale e l’adozione di tecnologie basate su Internet sono risultate insignificanti. Nel complesso, i ricercatori ritengono che siano necessarie analisi più trasparenti per comprendere i potenziali impatti dannosi delle tecnologie basate su Internet sulla salute mentale.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Amicizie vere e quelle dei social: il cervello non ha dubbi e conosce le differenze (26/05/2023)

Bambini e ragazzi nel loro mondo dei “social media”: lasciarli soli ad imparare o aiutarli nelle scelte giuste? (05/05/2023)

Digitalizzazione e salute mentale: cosa è cambiato e cosa rischia di aggravarsi? (12/04/2023)

La solitudine adolescenziale e giovanile in tutto il mondo: diamo la colpa agli smartphone e ai socials? (11/04/2023)

Telefoni cellulari: l’impatto sulla memoria degli adolescenti 30/07/2018)

Cyberbullismo: prevenzione del rischio di suicidio nelle scuole (13/08/2017)

Pubblicazioni scientifiche

Wang Q et al. Internet Interv. 2023 Nov 3; 34:100690.

Smith MVA et al. BMJ Open 2023 Nov; 13(11):e075290.

Ladino MDM et al. Internet Interv. 2023 Oct 16; 34:100682.

Vanherle R et al. Health Commun. 2023 Sep 24:1-19.

Vuorre M et al. Clin Psychol Sci. 2023; 21677026231207791.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Digiuno o abbuffata? E’ la stessa proteina nel cervello a dirigere

Gli scienziati dell'Università del Michigan e della Vanderbilt University hanno identificato la funzione di una proteina che ha confuso i ricercatori del metabolismo per...

Dieta chetogenica: per combattere l’invecchiamento e non solo

Secondo i ricercatori, un sesto della popolazione americana ha oltre 65 anni. Il rischio di malattie cardiache e di altre condizioni associate all'invecchiamento è...

Danno renale: modulare il metabolismo per stimolare l’auto-riparo

I reni filtrano i rifiuti e il fluido in eccesso dal sangue, espellendo le molecole non sicure nelle urine. Quando i reni sono feriti...

Questo si chiuderà in 20 secondi