giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Gli integratori sono utili nelle malattie immunitarie? Focus sugli acidi grassi omega-3 e curcuma

Utilità degli omega-3

Gli acidi grassi omega-3 (n-3) sono stati usati per trattare i disturbi infiammatori cronici, come la malattia infiammatoria intestinale (IBD). Una meta-analisi che ha esaminato un totale di 1039 pazienti in 6 studi ha rilevato che l’integrazione di n-3 può portare a un miglioramento nel mantenimento della remissione nella malattia di Chron (CD). Tuttavia, utilizzando le prove di due dei sei grandi studi di alta qualità, che sembravano essere privi di pregiudizi, gli autori hanno concluso che gli integratori di n-3 sono probabilmente inefficaci. Nei pazienti con colite ulcerosa (ULC) da lieve a moderata, l’efficacia dell’integrazione orale di n-3 è stata esaminata insieme ad altri integratori, tra cui vitamina E, vitamina C e selenio. Questa terapia combinata sembrava ridurre la dose di prednisone necessaria per alleviare i sintomi clinici. Quando si esamina la letteratura pubblicata sull’effetto degli integratori di n-3 in altre malattie immuno-mediate, come artrite reumatoide, psoriasi e artrite psoriasica, i risultati sono generalmente positivi.

In uno studio su pazienti con artrite reumatoide di nuova diagnosi che studia gli effetti aggiuntivi dell’olio di pesce ad alto dosaggio rispetto a quello a basso dosaggio in combinazione con farmaci modificanti la malattia (DMARD), è stato riscontrato che dosi più elevate hanno un fallimento DMARD inferiore. Nella psoriasi, i risultati sono più contrastanti. In una recente meta-analisi di studi randomizzati controllati, l’olio di pesce non ha dimostrato una riduzione significativa della gravità della psoriasi e anche i singoli studi esaminati nell’ultimo decennio hanno prodotto risultati contrastanti. Tuttavia, in uno degli studi più ampi e ben controllati sull’artrite psoriasica, è stato mostrato un miglioramento dei parametri di attività della malattia. C’è stata una significativa riduzione della quantità di FANS necessari per alleviare i sintomi clinici nei pazienti che ricevevano l’integrazione con omega-3. Datigli esiti favorevoli osservati nei pazienti con AR e artrite psoriasica, è possibile che gli effetti della supplementazione possano essere più evidenti nei pazienti con localizzazione articolare.

Utilità della curcuma

La curcuma è stata utilizzata in molte colture per millenni per le sue proprietà antinfiammatorie. A causa del suo potenziale nel modulare l’infiammazione, è disponibile in commercio come trattamento da banco. Sebbene gli studi controllati che esaminano direttamente gli effetti antinfiammatori della curcumina siano limitati nell’IBD, ci sono alcuni dati favorevoli per il suo uso come terapia antinfiammatoria aggiuntiva. Infatti, la curcumina ad alte dosi (3 grammi / die) ha migliorato significativamente l’attività della malattia e ha indotto remissione clinica ed endoscopica in pazienti con attività della malattia da ULC da lieve a moderata in un contesto di terapia base con mesalazina. Uno studio più ampio con 300 pazienti con ULC da lieve a moderato non ha riscontrato un beneficio clinico significativo utilizzando dosi molto più basse di curcumina (450 mg / die).

Studi controllati randomizzati più ampi sull’AR utilizzando dosi moderate di curcumina (da 120 mg a 1,2 g al giorno) hanno dimostrato un miglioramento nei punteggi di attività clinica della malattia, nella conta delle articolazioni dolenti e nella conta delle articolazioni gonfie. Sebbene gli studi clinici sull’uso della curcumina nella malattia psoriasica siano limitati, gli studi in vitro suggeriscono un potenziale beneficio. Inoltre, il trattamento topico con curcumina ha dimostrato l’inibizione dell’asse infiammatorio IL-23 / IL-17 (fattori patogeni della malattia psoriasica) e di altre citochine infiammatorie in un modello murino di psoriasi (p <0,05). Sembra che le proprietà antinfiammatorie della curcumina possano in effetti fornire benefici come terapia aggiuntiva nelle malattie infiammatorie, sebbene gli studi suggeriscano che forse sono necessarie dosi elevate per vedere un beneficio clinico.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

López-Muñoz P, Beltrán B et al. Nutrients 2019; 11:1059.

Fletcher J, Cooper SC et al. Nutrients 2019; 11(5):1019.

Yang SJ, Chi CC. BMC Complem Altern Med 2019; 19:354.

Kristensen S et al. Scand J Rheumatol. 2018; 47:27–36.

Amalraj A, Varma K et al. J Med Food 2017; 20:1022–1030.

Franco AS, Freitas TQ et al. Medicine (Baltimore) 2017:96.

Proudman SM et al. Annals Rheum Dis. 2015; 74:89–95.

Calder PC. Biochim Biophys Acta 2015; 1851:469–484.

Lang A et al. Clin Gastroenterol Hepatol 2015; 13:1444-49.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Hay fever shapeshifting: from seasonal reaction to allergic sensitivity to foods?

Spring and summer are key times for hay fever sufferers, with many people currently experiencing symptoms due to the recent ‘pollen bomb’ that’s been...

Sindrome di Usher: trovate nuove mutazioni candidate alla terapia

Un team di scienziati della First Medical State University di Mosca (MSMU) di Sechenov, insieme ai colleghi dei principali centri scientifici di Mosca e...

SLA e approccio dietetico mirato: per una maggiore energia, meglio tanti grassi o tanti zuccheri?

La sclerosi laterale amiotrofica (SLA), nota anche come malattia di Lou Gehrig, è una malattia neurodegenerativa devastante, con circa quindici nuov icasi diagnosticati ogni...