martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Ricerca sull’artrite psoriasica: le opzioni della terapia biologica e oltre

Artrite psoriasica: status patologico e terapie disponibili

Sebbene la psoriasi e l’artrite psoriasica (PsA) siano state classicamente considerate rispettivamente malattie della pelle e delle articolazioni, prove emergenti suggeriscono che una combinazione di fattori innati e ambientali crea una disfunzione immunitaria diffusa, che colpisce più sistemi di organi. Una maggiore comprensione della patogenesi della psoriasi e degli effetti sistemici dell’infiammazione psoriasica ha consentito lo sviluppo di nuovi trattamenti più efficaci. La psoriasi è associata ad un aumentato rischio sia di sindrome metabolica che di diabete mellito di tipo 2 (DM2). I pazienti con psoriasi hanno una maggiore incidenza di DM2 anche quando si controllano l’indice di massa corporea, il fumo, le malattie cardiovascolari, l’ipertensione e l’iperlipidemia. Gli stati infiammatori cronici di psoriasi, sindrome metabolica e DM2 hanno molte somiglianze, inclusa una predominanza di cellule T helper (Th) 1 e Th17 e citochine infiammatorie TNF-α e IL-6.

È importante riconoscere e trattare le comorbilità metaboliche della psoriasi perché i pazienti con diabete e psoriasi concomitante hanno un rischio più elevato di complicanze micro e macro-vascolari, che contribuiscono a una significativa morbilità e mortalità. Man mano che la comprensione della patogenesi della psoriasi e delle sue comorbilità continua a crescere, il trattamento per la psoriasi e l’artrite psoriasica è migliorato e ampliato. Apremilast è un inibitore della fosfodiesterasi 4 ed è approvato dalla FDA per il trattamento della psoriasi e della PsA, con un tasso di risposta del 29‒40% alla 16esima settimana. Il Tofacitinib, un inibitore della proteina chinasi JAK2, è approvato dalla FDA per il trattamento della PsA e ha dimostrato tassi di risposta ACR20 tra il 47% e il 61% in pazienti che erano precedentemente recalcitranti ai farmaci antireumatici DMARDs o agli inibitori del TNF-α. Le terapie biologiche hanno rivoluzionato il trattamento della psoriasi e dell’artrite psoriasica.

Le terapie biologiche nell’artrite psoriasica

Attualmente, ci sono 12 farmaci biologici approvati dalla FDA per psoriasi e PsA che possono essere raggruppati in tre famiglie principali: inibitori delTNF-α (etanercept, infliximab, adalimumab, certolizumab pegol, golimumab) e i più recenti farmaci biologici che inibiscono IL-17 (secukinumab, ixekizumab, brodalumab) o IL-23 (ustekinumab, guselkumab, tildrakizumab, risankizumab). Mentre la scelta della terapia biologica dovrebbe essere fatta sulla base del singolo paziente, sono disponibili linee guida generali per guidare l’assistenza clinica. I nuovi progressi nelle terapie biologiche continuano ad alzare l’asticella per il trattamento della psoriasi e della PsA.

Ci sono due nuovi farmaci biologici iniettabili negli studi di fase 3 in fase avanzata che probabilmente raggiungeranno il mercato nei prossimi anni. Il primo è bimekizumab, un nuovo mAb anti IL-17A / IL-17F, e il secondo è mirikizumab, un altro mAb anti IL-23 selettivo. Da notare, gli alti livelli di efficacia riportati con bimekizumab evidenziano il ruolo di IL-17F nella patogenesi della psoriasi (oltre e sopra la sola IL-17A), che è una citochina che condivide il 50% di omologia con IL-17A, che si trova in abbondanza intessuto psoriasico.

Al di là delle citochine: i recettori delle chemochine

L’ultima novità nella lotta contro queste condizioni arriva da un team internazionale di ricercatori, guidati dall’Università della California Davis Health, che ha sviluppato un nuovo approccio terapeutico per trattare l’artrite psoriasica, una malattia infiammatoria cronica che colpisce le articolazioni. Utilizzando un nuovo bloccante chimico mirato alle proteine delle chemochine, i ricercatori sono stati in grado di ridurre significativamente l’infiammazione della pelle e delle articolazioni in un modello murino con psoriasi e artrite psoriasica. L’artrite psoriasica colpisce fino a un terzo dei pazienti con psoriasi, un’infiammazione cutanea autoimmune. Crea mobilità e cambiamenti funzionali che rendono doloroso per i pazienti usare le mani o camminare. Alcuni di questi cambiamenti sono irreversibili. L’artrite psoriasica è difficile da trattare. A causa delle scarse opzioni mediche, c’è una chiara necessità di trattamenti migliori utilizzando approcci alternativi all’infiammazione articolare. Le chemochine sono piccole molecole con un ruolo fondamentale nella risposta dell’organismo all’infiammazione e all’infezione. Aiutano a guidare la migrazione delle cellule immunitarie verso il sito dil esioni o traumi. Le chemochine hanno bisogno di recettori per funzionare. Un recettore specifico per le chemochine è CCR6.

I ricercatori hanno valutato il ruolo di CCR6 e del suo partner legante CC chemochina ligando 20 (CCL20) nell’infiammazione legata all’artrite psoriasica e alla psoriasi. Hanno esaminato il potenziale della combinazione CCR6 / CCL20 come bersaglio terapeutico efficace. Hanno misurato i livelli di CCR6 eCCL20 nel fluido articolare e nei tessuti tendinei di pazienti con artrite psoriasica. CCR6 è un agente fondamentale per la migrazione dei linfociti T nella psoriasi cutanea. Il nuovo studio ha dimostrato che CCR6 svolge un ruolo simile nell’infiammazione articolare. Il team ha anche scoperto che CCL20 è presente a livelli molto elevati nel liquido articolare infiammato. La presenza di CCL20 nel sito dell’infiammazione lo rende un bersaglio molto attraente per la terapia dell’artrite. Il tessuto connettivo che collega tendini e legamenti con le ossa è chiamato entesi. È un importante sito di infiammazione nell’artrite psoriasica. Lo studio ha scoperto che le entesi sono posizioni distinte che i linfociti T CCR6+ sembrano localizzare e, quindi, causano infiammazione.

I ricercatori hanno testato la capacità di una nuova proteina ingegnerizzata, etichettata come dimero bloccato CCL20 (CCL20LD). La proteina ha bloccato la funzione CCR6 in un modello murino con artrite psoriasica; ha ridotto nettamente l’infiammazione sia della pelle che delle articolazioni interrompendo il potere del CCR6 di attirare le cellule T. Il professor Hwang, ricercatore senior del team, ha commentato: “Abbiamo osservato un aumento significativo sia di CCR6 che di CCL20 nel tessuto connettivo di topi con psoriasi e artrite psoriasica. Questa elevata presenza è stata confermata anche nelle biopsie di tendini umani infiammati. È fondamentale identificare i tessuti specifici in cui si verifica l’infiammazione delle articolazioni prima che si diffonda e danneggi la cartilagine e l’osso. Il successo di CCL20LD nel bloccare la funzione di CCR6 in un modello murino mostra il potenziale per il trattamento dell’artrite psoriasica negli esseri umani. Sicuramente, ciò richiede più test e sperimentazioni cliniche per esplorarne l’efficacia e la sicurezza”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Shi Z. et al., Hwang ST. Arthritis Rheumatol 2021 Jun 3.

Blauvelt A. et al. JAMA Dermatology. 2020; 156:649-658.

Blauvelt A bet al. J Am Acad Dermatol. 2020; 83:1367-1374.

Araujo EG et al. Semin Arthritis Rheum. 2019; 48:632-637.

Cui L, Chen R et al. Int Immunopharmacol. 2018; 62:46-58.

Bissonnette Ret al. J Invest Dermatol. 2017; 137:1638-1645.

Bissonnette R. et al. J Am Acad Dermatol. 2016; 75:99-105.

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Non ricordi i sogni? Manca la vitamina B6, dicono le prove

Stai lottando per ricordare i dettagli più fini di quello strano sogno che hai avuto la scorsa notte? Bene, nuove ricerche suggeriscono che una...

Inquinamento e salute pubblica: gli svedesi danno l’esempio

Ogni anno, oltre 400.000 persone in Europa muoiono prematuramente a causa dell'inquinamento atmosferico - e vi è una chiara evidenza che il tasso di...

Disperati per la calvizie? Il capello “indossa il sandalo” e mette fine al “calvario”

Una sostanza chimica che imita l’odore del legno di sandalo sembra avere la capacità di stimolare la crescita dei capelli negli esseri umani. Questo...

Questo si chiuderà in 20 secondi