Infertilità ed aborti ricorrenti: invece della trombofilìa, perchè non guardare la tiroide?

La perdita di gravidanza ricorrente (RPL), definita come due perdite di gravidanza prima delle 20 settimane dall’ultimo periodo mestruale, si verifica nell’1–3% di tutte le coppie che cercano di concepire. Sulla base dei dati disponibili, vi è consenso sul fatto che le donne non dovrebbero sottoporsi a una valutazione approfondita dopo una singola perdita di gravidanza nel primo trimestre o all’inizio del secondo trimestre, dato che si tratta di eventi relativamente comuni e sporadici con un rischio di recidiva solo lievemente aumentato. In studi prospettici, il rischio di perdita della gravidanza aumenta con ogni perdita da circa l’11% tra nulligravide a circa il 40% dopo tre o più perdite. I fattori di rischio noti per RPL sono l’età femminile, precedenti perdite di gravidanza, anomalie cromosomiche strutturali dei genitori, anomalie uterine, disturbi endocrini, sindrome antifosfolipidica e trombofilia ereditaria. Anche dopo indagini approfondite, una causa per RPL è identificata in meno del 50% delle coppie. Di conseguenza, la maggior parte dei casi rimane senza un fattore di rischio modificabile. Solo l’età femminile e il numero di precedenti perdite in gravidanza sono stati costantemente considerati fattori prognostici per la maggior parte dei pazienti.

I test attualmente eseguiti sono spesso costosi, richiedono molto tempo e hanno un valore prognostico incerto. Inoltre, non vi è consenso su quante perdite di gravidanza le coppie avrebbero dovuto sperimentare prima che la valutazione fosse giustificata, portando a una varietà di definizioni di RPL. I disturbi della tiroide si trovano comunemente in gravidanza e anche prima del concepimento; ci sono anche dati che il benessere ormonale tiroideo è essenziale per la gravidanza. I disturbi della tiroide sono comuni nelle donne in età riproduttiva. Sebbene la prevalenza dei disturbi della tiroide in gravidanza sia ben nota, poco si sa su quanto siano comuni questi disturbi nelle donne prima della gravidanza. Rilevare i disturbi della tiroide prima che una donna rimanga incinta è essenziale perché le anomalie della tiroide possono avere effetti negativi come ridotta fertilità, aborto spontaneo e parto prematuro. Lievi anomalie della tiroide colpiscono fino a una donna su cinque con una storia di aborto spontaneo o subfertilità che è un periodo di tempo prolungato nel tentativo di rimanere incinta, secondo un nuovo studio pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism della Endocrine Society.

Questo studio è stato condotto in 49 ospedali nel Regno Unito per cinque anni. I ricercatori hanno studiato oltre 19.000 donne con una storia di aborto spontaneo o subfertilità che sono state testate per la funzione tiroidea. Hanno scoperto che fino a una donna su cinque aveva una lieve disfunzione tiroidea, in particolare quelle con un indice di massa corporea elevato e di etnia asiatica, ma la malattia palese della tiroide era rara. Le donne che hanno subito aborti multipli non avevano maggiori probabilità di avere anomalie della tiroide rispetto alle donne che hanno concepito naturalmente con una storia di un aborto spontaneo. Rima Dhillon-Smith, PhD, dell’Università di Birmingham e del NHS Foundation Trust femminile e infantile di Birmingham, ha commentato: “Questo studio ha scoperto che lievi anomalie della tiroide colpiscono fino a una donna su cinque che ha una storia di aborto o subfertilità e stanno cercando una gravidanza. È importante stabilire se il trattamento di lievi anomalie della tiroide può migliorare gli esiti della gravidanza, data l’elevata percentuale di donne che potrebbero essere potenzialmente colpite”.

Le più recenti linee guida RPL raccomandano lo screening degli anticorpi antifosfolipidi dopo due perdite di gravidanza. Lo screening della tiroide e la valutazione dell’anatomia uterina sono raccomandati per RPL, ma non viene data alcuna raccomandazione dopo quante perdite di gravidanza. Il cariotipo parentale non è di routine raccomandato. Poiché la possibilità di rilevare un’anomalia è molto bassa, dovrebbe essere presa in considerazione solo dopo una valutazione del rischio individuale. Poiché esiste una debole associazione tra RPL e trombofilia ereditaria e nessun trattamento basato sull’evidenza disponibile, lo screening per la trombofilia ereditaria non è di routine raccomandato nelle coppie con RPL. Molto recentemente è stato conformato che la prevalenza dei risultati anormali dei test per RPL è bassa dopo due o tre o più perdite di gravidanza. Una differenza di prevalenza nelle anomalie uterine è improbabile nelle donne con due o tre perdite di gravidanza. Gli scienziati non possono escludere una minore prevalenza di anomalie cromosomiche, trombofilia ereditaria e disturbi della tiroide a seguito di test dopo due o tre perdite di gravidanza. A fronte di analisi elaborate o che fanno perdere tempo, concludono che un semplice prelievo di sangue per studiare gli ormoni tiroidei darebbe maggiori informazioni, più rapide e più plausibili.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Dhillon-Smith RK. Lancet Diabetes Endocrinol. 2020 Jun; 8(6):461-62.

Yang X, Yu Y, Zhang C, Zhang Y, Chen Z et al. Thyroid. 2020 Jun 19. 

He L, Zhu X, Yang Q et al. Front Endocrinology 2020 May 14; 11:298.

van Dijk MM et al. Hum Reprod Update. 2020 Apr 15; 26(3):356-367

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments