HomeATTUALITA' & SALUTERisalita contagi e uso delle mascherine: per abitudine, protezione, precauzione o paura?

Risalita contagi e uso delle mascherine: per abitudine, protezione, precauzione o paura?

Come tutti sanno dal primo Maggio le mascherine non è più obbligatorio portarle in tutti i luoghi, anche se resta l’obbligo per i posti di lavoro, ristoranti, cinema ed altri luoghi in cui è molto facile assembrarsi, come ad esempio i supermercati. Da quello che ha potuto osservare in giro questa redazione scientifica, si può vedere che nonostante le minori limitazioni le persone continuano a portare la mascherina anche quando non sembra necessario. E sono state osservate diverse situazioni. Nei supermercati per esempio, circa una persona su 5 continua a portare la mascherina durante tutto il tempo necessario all’acquisto dei beni, mentre al cinema solo una persona su 2 fa lo stesso. Al bar sono state osservate due tipi di comportamento. Il consumare il caffè al banco limita il rimuovere la mascherina al tempo necessario al consumo, per poi rimetterla alla cassa. Questo fino a metà Giugno, ma dopo quasi nessuno indossa la mascherina nell’ora dell’aperitivo.

Nei casi di consumo all’aperto o in spazi semicoperti, si osservano liberi comportamenti in aggregazioni di tavoli e numero di persone che non vengono ancora consigliate di fare, per ragioni di precauzione. Nulla toglie che le persone a quei tavoli siano tutte vaccinate con la seconda o la terza dose, possono essere sia familiari che amici che si riuniscono per un aperitivo o un caffè di compagnia. Nessuno garantisce che fra di loro ci sia qualcuno non vaccinato per ragioni mediche o scelte personali. Anche qui si sono osservate tendenze legate all’età. Fra i giovani sembra esserci meno considerazione e più voglia di ritornare appieno alle vecchie abitudini, mentre fra i giovani adulti e i soggetti più avanti nell’età sembrano vigere comportamenti misti. Alcuni individui tengono la mascherina alla guida della loro automobile in compagnia di uno o più passeggeri. Altri ancora sembrano molto rigidi e non tolgono la mascherina per alcuna ragione quando sono in pubblico.

Non si sa se possa trattarsi di persone diffidenti dei comportamenti altrui, o che hanno una loro paura intrinseca di contrarre il virus, senza tralasciare che ci sono sicuramente coloro che hanno perso un conoscente, amico caro o familiare a causa di mancati comportamenti quando il COVID era “furioso”. E questa redazione scientifica ha incontrato persone al bar che hanno descritto questa ultima evenienza ben quattro volte e con enfasi di “rabbia personale”. Sarebbe prudente non lasciarsi totalmente andare a liberi incontri, specie in luoghi come bar al chiuso, palestre e luoghi simili che sembrano essere quelli più a rischio, se si considera la costante risalita nazionale dei contagi da alcune settimane a questa parte. Una citazione per i concerti: ce ne saranno a decine durante l’estate e, sicuramente riscuoteranno il loro tributo a Settembre, come già qualche infettivologo si è pronunciato. Si ricorda che avere tre dosi non significa “non lo prenderò mai”: migliaia di persone con 2 o 3 dosi stanno sperimentando le varianti Omicron ormai da tempo.

Si ricorda, infatti, che immunità a parte la vaccinazione serve solamente a non avere un quadro clinico grave da rianimazione o terapia intensiva. Chi si vaccina per l’influenza può benissimo prenderla se si espone ad una carica virale alta. Ma c’è differenza fra il finire in ricovero ospedaliero, rimanere 10 giorni a letto con le ossa rotte o avere qualche giorno di malessere e rimettersi in piedi con qualche bustina di analgesico, giusto?

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

L’immunità naturali al COVID dura davvero un anno? La raccolta dei dati più aggiornati (04/10/2021)

L’efficacia globale dei vaccini anti-COVID contro le maggiori varianti in circolo (24/09/2021)

I vaccini COVID continuano ad essere efficaci: ma chi esita ed in quali nazioni sono di più? (16/09/2021)

La terza dose anti-COVID: per i più fragili o per lo svanire della protezione immunitaria? (02/09/2021)

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI