giovedì, Luglio 18, 2024

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...

Ardisia crenata: la pianta d’appartemento che curerà l’ipertensione polmonare?

L’ipertensione polmonare è una malattia molto grave che porta ad insufficienza cardiaca e morte in molti pazienti. Le cause dell’ipertensione polmonare sono spesso oscure. La pressione sanguigna all’interno dei polmoni è in genere molto più bassa rispetto al resto del corpo. L’ipertensione polmonare si verifica quando i vasi sanguigni all’interno dei polmoni si contraggono e lo strato di muscolatura liscia che circonda questi vasi si ispessisce. La malattia sottopone costantemente a stress il cuore destro, poiché ha bisogno di molta più forza per pompare il sangue attraverso i polmoni. Di conseguenza, il cuore si ingrandisce e alla fine va incontro a scompenso per sovraccarico. Alla ricerca di nuove opzioni terapeutiche, un team del Dipartimento di Fisiologia Sistematica dell’Università della Ruhr di Bochum, in Germania, ha testato la sostanza vegetale FR900359 isolata dalla pianta comune Ardisia crenata.

Si differenzia dai principi attivi utilizzati in precedenza in quanto prende di mira un punto diverso nella via di segnalazione che porta all’ipertensione polmonare. Di conseguenza, inibisce contemporaneamente numerosi fattori che portano alla vasocostrizione nei polmoni. I farmaci attuali si basano sul blocco dei singoli recettori o delle vie di segnalazione che trasmettono il segnale per restringere i vasi polmonari. Tuttavia, ci sono molti di questi cosiddetti vasocostrittori. E ognuno ha il proprio recettore. Un blocco unico non è quindi molto efficace. I ricercatori hanno scelto un approccio diverso: invece di prendere di mira il trasmettitore del segnale, quest’ultimo interviene in una fase successiva nella trasmissione del segnale. All’interno delle cellule ci sono solo poche vie attraverso le quali viene trasmesso il segnale per la vasocostrizione. Le cosiddette proteine ​​Gq sono coinvolte in molti di questi percorsi.

Ciò li rende un buon bersaglio per l’intervento. Studi precedenti avevano dimostrato che la sostanza estratta dalla Ardisia crenata, una pianta d’appartamento comune, ha un effetto sulle proteine ​​Gq. I ricercatori speravano quindi di utilizzare il composto per imitare allo stesso modo altri vasocostrittori. Per prima cosa hanno testato la sostanza su vasi polmonari isolati di topi e ne hanno dimostrato l’efficacia. Il composto ha provocato rapidamente un significativo rilassamento vascolare, effetto confermato con successivi test su tessuti di suini e campioni umani. Negli esperimenti su topi affetti da ipertensione polmonare, i ricercatori hanno infine dimostrato che il trattamento con FR900359 alleviava i sintomi e migliorava notevolmente lo stato di salute degli animali. Lo spessore dello strato muscolare attorno ai vasi polmonari è diminuito o addirittura non è aumentato.

I ricercatori hanno osservato un solo effetto secondario: la pressione sanguigna è leggermente scesa in tutto il corpo. In effetti, questo effetto collaterale potrebbe essere utile nel trattamento dell’ipertensione polmonare. FR900359 potrebbe quindi essere un promettente farmaco candidato per il trattamento della malattia.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scineitifiche

Seidinger A et al. EMBO Mol Medicine 2024 Jul 8; in press.

Schlegel JG et al. ACS Pharmacol Transl Sci. 2021; 4(2):888-97.

Crüsemann M et al. Angew Chem Int Ed Engl. 2018; 57(3):836. 

Latest

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...

Le connessioni fra tabagismo, sindrome metabolica e declino cognitivo

La sindrome metabolica (SIME) è un grave problema di...

Newsletter

Don't miss

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...

Le connessioni fra tabagismo, sindrome metabolica e declino cognitivo

La sindrome metabolica (SIME) è un grave problema di...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Gli estrogeni oltre la riproduzione: il controllo cerebrale nella donna

Gli ormoni femminili (estrogeni) hanno una potente azione biologica a livello del sistema nervoso centrale. Per esercitare i loro effetti non agiscono come tali,...

Lung cancer prevention by Ganoderma mushroom: preliminaries pave clinical possibilities

Lung cancer is one of the leading causes of cancer mortality worldwide, and most lung cancer deaths are caused by tobacco smoking and second-hand...

Lotta all’osteoporosi: la terapia si evolve dai bifosfonati ai biolipidi azotati

L’osteoporosi colpisce prevalentemente gli anziani e, a livello globale, si stima che 200 milioni di persone abbiano l’osteoporosi. La condizione colpisce circa 1 su...

Questo si chiuderà in 20 secondi