venerdì, Maggio 31, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Artrite reumatoide: il rischio per certi tumori si abbassa, per altri si alza

Rispetto alla popolazione generale, sembra che le persone che vivono con l’artrite reumatoide sono a maggior rischio per vari tipi di cancro. I risultati di una varietà di studi nel corso degli anni hanno rilevato che il rischio complessivo di cancro sembra essere maggiore tra le persone con artrite reumatoide (AR) rispetto a persone senza la malattia. Questi studi hanno anche dimostrato che l’incidenza del cancro potrebbe essere più elevata nei primi anni dopo la diagnosi di AR di un individuo. Gli esperti dicono che questa maggiore suscettibilità nei confronti del cancro ha a che fare con una varietà di fattori, tra cui la genetica, lo stile di vita e quali farmaci vengono usati per trattare l’AR. Vale la pena notare che un maggior rischio di malignità non è l’unico legame tra cancro alla AR. Alcuni farmaci usati per trattare l’AR provocano anche il cancro e viceversa. Secondo le recenti scoperte, anche le persone con AR hanno meno probabilità di avere determinati tipi di cancro. Tuttavia, quando hanno avuto quelle forme di cancro, i sintomi erano spesso peggiori.

Ad esempio, c’è un rischio complessivo ridotto per il cancro al seno e per i tumori gastrointestinali, epatici e del colon tra le persone con AR. Tuttavia, c’è una prospettiva peggiore associata a questi tipi di tumori in questi individui. C’è un tasso di mortalità del 40% più alto tra le persone con AR e cancro al seno, rispetto alle persone con cancro al seno ma senza AR. Ci sono stati altri collegamenti tra cancro e AR. Per le persone con AR e carcinoma a cellule squamose, tumori maligni del sangue, tumori allo stomaco o alla prostata, le loro prospettive e la mortalità erano entrambi peggiori, secondo uno studio pubblicato nel 2020. Le persone che avevano l’AR e il cancro alla prostata avevano un tasso di mortalità del 50% più alto di quelli che avevano il cancro alla prostata ma non l’AR. Lo studio ha anche osservato che le persone con RA hanno dimostrato di avere un’aumentata incidenza di cancro ai polmoni con una prospettiva peggiore e un rischio notevolmente aumentato per le neoplasie linfoproliferative, tra cui il linfoma di Hodgkin e non-Hodgkin.

Tuttavia, le persone che avevano sia linfoma di AR che non di Hodgkin avevano tassi di sopravvivenza simili a quelli con questo tipo di linfoma all’interno della popolazione generale. Ci sono alcune prove che i farmaci AR possono causare un aumento del rischio di cancro, anche se alcuni dei trattamenti per AR e cancro possono occasionalmente sovrapporsi. Alcuni dati suggeriscono che i farmaci antireumatici modificanti la malattia (DMARD) possono aumentare il rischio di cancro. Più specificamente, sembra che alcuni DMARD tradizionali possano aumentare il rischio di specifici tumori. L’azatioprina è stata associata ad un aumentato rischio di disordini linfoproliferativi e altri tumori maligni in soggetti con AR, mentre la ciclofosfamide sembra aumentare il rischio di neoplasie ematologiche, del tratto urinario e di tumori della vescica, tra gli altri. Alcuni farmaci biologici per via endovenosa o iniettabile avvertono anche di un aumento dei rischi per alcuni tipi di cancro, come i linfomi, quando si elencano gli effetti collaterali.

Questo apparente rischio tra le terapie utilizzate per gestire la AR e il potenziale aumento della neoplasia potrebbe rappresentare una sfida significativa per ricercatori e medici. Le persone con AR hanno un aumentato rischio di linfoma e cancro ai polmoni, rispetto alla popolazione generale. Tuttavia, questo rischio sembra essere correlato ad avere AR stessa, piuttosto che con l’uso di farmaci biologici, come hanno dimostrato studi recenti di grandi dimensioni. Ad esempio, l’AR è associato a un rischio maggiore di raddoppiamento del linfoma. Questo rischio è più alto nei pazienti con attività ad alta malattia e con malattia più grave, incluso il coinvolgimento extra-articolare. La Arthritis Foundation suggerisce che le persone con AR devono essere consapevoli dei fattori di rischio che sono in grado di controllare. Ad esempio, smettere di fumare è importante, dal momento che la AR e la malattia polmonare sono legate a una prevalenza più elevata e con una prospettiva peggiore di mortalità.

Dopo tutto, è stato scoperto che le persone con AR che fumano hanno il 40% di probabilità in più di sviluppare il cancro ai polmoni rispetto ai fumatori senza AR. Gli esperti hanno notato che l’infiammazione cronica può essere un componente chiave di un aumento del rischio di cancro nelle persone con AR. Quindi è importante per le persone valutare i rischi e i benefici quando si sceglie un piano di trattamento per combattere la AR.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Calip GS et al. Int J Cancer. 2020; 147(5):1300-1305.

Pala O, Diaz A et al. Clin Ther. 2018; 40(6):1034-45.

Klein A, Polliack A et al. Hematol Oncol. 2018 Jun 3.

Calip GS et al. Int J Cancer 2018; 143(5):1062-1071.

Regierer AC et al. Curr Opin Rheum 2018; 30(3):288.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Infiammazioni intestinali: va rivisto anche il microbiota dei virus

Uno studio condotto da un team di ricercatori presso l'Università del Colorado Anschutz Medical Campus rivela una connessione chiave tra virus e malattie infiammatorie...

La neuropatia CMT e le ragioni degli insuccessi di terapia genica: la revisione arriva con le staminali

La malattia di Charcot-Marie-Tooth (CMT) è un gruppo di malattie neurodegenerative familiari che causano neuropatia ereditaria motoria e sensoriale, con un'incidenza di 10-80 su...

Qualità del sonno legata a pensieri negativi? Pare di si.

Voi preoccupati cronici, è il vostro pensiero negativo ripetitivo causato dalla mancanza di sonno? Gli scienziati che lavorano con adulti che si fissano su...

Questo si chiuderà in 20 secondi