domenica, Giugno 23, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Diete vegetali: per prevenire problemi di prostata e disfunzione erettile mangiando a tavola

Le diete vegetali o vegane comprendono prevalentemente alimenti di origine vegetale, mentre le diete vegetali (PF) o mediterranee incorporano alimenti di origine animale, come latticini e carne, in proporzioni minori rispetto agli alimenti di origine vegetale. I fattori che guidano il passaggio dalle diete a base vegetale a quelle PF includono il miglioramento della salute, il benessere degli animali e le preoccupazioni ambientali. Si ritiene che le diete a base vegetale proteggano da ipertrofia prostatica (IPE), disfuzione erettile (DER) e cancro della prostata (PRO), regolando i livelli di ormoni sessuali, l’aumento del livello di ossido nitrico e il miglioramento delle condizioni di comorbidità legate alle malattie. Tuttavia, i benefici di tali diete nella prevenzione e nella gestione di queste condizioni mediche non sono chiari.

In un recente studio pubblicato sulla rivista Urology, i ricercatori negli Stati Uniti hanno eseguito una revisione sistematica dei dati esistenti per verificare se le diete PF potrebbero migliorare la salute maschile, prevenendo e gestendo queste condizioni. Database come Medline e PubMed sono stati cercati articoli su studi comprendenti partecipanti umani che consumavano diete a base vegetale o PF pubblicati tra il 1989 e il 2022. In totale, inizialmente sono stati identificati 346 records, di cui 121 con criteri di ammissibilità non soddisfatti sono stati esclusi, e il i restanti 225 record sono stati sottoposti a screening. Dopo la revisione del testo completo, solo 24 pubblicazioni ammissibili sono state considerati per l’analisi finale.

Uno studio che ha coinvolto 1.400 partecipanti al sondaggio nazionale sulla salute e la nutrizione (NHANES) ha riportato che i punteggi più elevati dell’indice dietetico a base vegetale (hPDI) erano associati a livelli di PSA inferiori. Nello studio ProtecT di tipo caso-controllo, comprendente 13.811 individui, è stata osservata un’associazione inversa tra il rischio di sviluppo di PRO e i punteggi dell’indice dietetico di PRO. Allo stesso modo, le diete PF hanno ridotto la probabilità di sviluppo di carcinoma prostatico. In uno studio prospettico di coorte comprendente 14.000 individui di età superiore ai 25 anni, le valutazioni della dieta utilizzando questionari sullo stile di vita hanno indicato che il rischio di PRO era inversamente associato all’assunzione di legumi e pomodori.

Il consumo di dieta mediterranea per due anni è stato significativamente associato a punteggi IIEF-5 superiori a 21, indicativi della risoluzione dei sintomi della disfunzione erettile, rispetto ai controlli (rispettivamente 37% contro 6,7%). Tra i 2.549 partecipanti NHANES di età compresa tra 20 e 70 anni, i punteggi hPDI erano inversamente associati al rischio di disfunzione erettile. Tra i 2.820 maschi residenti in Italia di età <75 anni, i rischi di IPB erano inversamente associati al consumo di legumi/legumi, agrumi e verdure cotte. Allo stesso modo, il rischio di IPE era inversamente associato all’assunzione di acidi grassi polinsaturi (tipo omega-3), abbondantemente presenti nelle noci e nei semi.

Questo significa che verdura a legumi hanno “carta bianca” e, senza esagerare, il consumo di frutta a guscio può essere utile quantomeno a ritardare la comparsa di problemi prostatici e di disfunzione erettile legati all’età.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Feiertag N, Tawfik MM et al. Urology. 2023 Mar 22.

Stewart KL et al. Int J Mol Sci. 2023 Mar; 24(6):5486.

Russo GI et al. Nutrients 2021 Nov 19; 13(11):4148.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Brain metastazing is not round-trip: and Interferon shows 1 type of a temper in the process

Several types of cancer are known for metastasizing to the brain, including breast, lung, carcinoma and melanoma. One reason conventional treatments do not work...

Integratori sportivi (II): i numeri di mercato sempre più orientati verso la consapevolezza della salute

Gli integratori di proteine e aminoacidi sono ampiamente commercializzati per gli atleti e i consumatori abitualmente attivi in quanto la crescita muscolare e i...

Le prove aumentano sul ruolo dei batteri nell’aterosclerosi: adesso è il turno dello Streptococco

Le placche aterosclerotiche, che sono formate dall'accumulo di depositi di grasso e colesterolo, costituiscono una delle principali cause di attacchi di cuore. I ricercatori...

Questo si chiuderà in 20 secondi