lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Acidi grassi contro l’osteoartrosi: ma sottoforma di copolimero per poterli dare come infiltrazione

L’osteoartrosi è una malattia articolare cronica che colpisce le anche, le ginocchia e le dita e la sua prevalenza aumenta con l’invecchiamento della popolazione. Lo sviluppo e la progressione dell’osteoartrosi sono legati a livelli elevati di metalloproteinasi della matrice (MMP-2, MM9) e citochine pro-infiammatorie (interleuchine). Le opzioni terapeutiche, come i FANS e gli analgesici, sono solo trattamenti sintomatici per ridurre il dolore e l’infiammazione. A causa della loro importanza nel mantenimento della funzione cellulare e nell’omeostasi dei tessuti e del loro ruolo nell’osteoartrosi e nell’infiammazione articolare, gli acidi grassi alimentari hanno recentemente riscosso un notevole interesse. È noto che gli acidi grassi polinsaturi omega-3 hanno proprietà antinfiammatorie e benefici per la salute e il metabolismo della cartilagine.

Gli omega-3 dietetici hanno mostrato una relazione inversa con il rischio di artrosi e sinovite. Gli acidi oleico e palmitico, che sono rispettivamente forme di acidi grassi monoinsaturi e acidi grassi saturi omega-9, sono due dei tre acidi grassi più abbondanti presenti nel liquido sinoviale delle articolazioni e hanno proprietà antinfiammatorie. In un recente studio pubblicato sullo Scientific Reports Journal, i ricercatori hanno esaminato il potenziale terapeutico di un copolimero iniettabile di acido stearico, palmitico e oleico noto come ARA 3.000 BETA per il trattamento dell’osteoartrosi. Hanno utilizzato modelli murini di artrosi indotta da collagenasi per valutare le potenziali proprietà terapeutiche di dosi singole e multiple; i topi sono stati divisi in quattro gruppi, ciascuno composto da 15 topi.

Il gruppo uno era il gruppo di controllo che riceveva l’iniezione di soluzione fisiologica; i topi del secondo gruppo hanno ricevuto due dosi di 5 µL di ARA 3000 BETA tramite iniezioni intra-arteriose all’articolazione del ginocchio destro il settimo giorno (gruppo intra-arterioso 1). Il terzo gruppo – il secondo gruppo intra-arterioso – ha ricevuto l’iniezione intra-arteriosa di 5 µL di ARA 3000 BETA all’articolazione del ginocchio destro il settimo e il 21° giorno. L’ultimo gruppo era il gruppo intramuscolare, in cui i topi erano iniettato 50 µL di ARA 3000 il terzo, l’undicesimo, il diciottesimo e il venticinquesimo giorno. I risultati hanno indicato che le iniezioni intra-arteriose di ARA 3000 BETA hanno mostrato forti proprietà protettive contro il degrado della cartilagine. L’analisi istologica delle articolazioni del ginocchio ha mostrato effetti protettivi.

I risultati della microscopia confocale a scansione laser hanno anche riportato un miglioramento significativo dello spessore, della degradazione della superficie e del volume della cartilagine articolare dei piatti tibiali laterale e mediale dopo le iniezioni intra-arteriose e intra-muscolari del copolimero. Il miglioramento dei parametri della cartilagine dopo quattro iniezioni intramuscolari di 50 µL di ARA 3000 BETA è stato leggermente meno significativo rispetto al miglioramento dopo le iniezioni intra-arteriose, indicando che le iniezioni locali del copolimero erano più efficaci. Tuttavia, non sono state osservate proprietà rigenerative, anche se sono stati osservati lievi effetti protettivi contro la calcificazione articolare. Questo significa che il metabolismo lipidico (omega-3 o biolipidi correlati) potrebbe non essere la via metabolica da esplorare per la rigenerazione delle cellule cartilaginee.

Nel complesso, i risultati hanno riportato che il copolimero iniettabile di acidi grassi ARA 3000 BETA ha mostrato effetti protettivi contro la degradazione della cartilagine e ha migliorato i parametri della cartilagine dopo iniezioni intra-arteriose e intra-muscolari. Sebbene il composto non incentivi la rigenerazione cellulare, l’effetto antinfiammatorio degli acidi monoinsaturi rilasciati dalla sua struttura può servire ad avere un effetto stabilizzante sulle cartilagini ritardandone la degradazione. Questo potrebbe significare meno uso di infiltrazioni articolari di cortisonici o uso protratto di antidolorifici FANS notoriamente associati a svariati effetti collaterali. L’indagine è stata condotta in animali di laboratorio, ma sono due le potenziali informazioni importanti: il principio è applicabile all’uomo e l’integrazione alimentare con omega-3, o adottare una dieta che includa alimenti ricchi di omega-3 è una possibilità semplice per gestire la qualità di vita di chi è affetto da osteoartrosi senile.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Toupet K et al. Scientific Reports 2023 May; 13(1):7783.

Yang KC et al. Int J Biol Macromol. 2023; 240:124400.

Zhao Y et al. Adv Healthc Mater. 2023; 12(6):e2202143.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Gli effetti dei vari tipi di digiuno sulla salute: e ancora una volta il microbiota intestinale è il protagonista

Il digiuno varia dalla restrizione calorica (CAR), che riduce l’apporto calorico giornaliero senza causare malnutrizione. Il digiuno è classificato in digiuno intermedio (INF) e...

Alzheimer: spunta fuori un altro “scheletro” per la proteina tau

La malattia di Alzheimer (AD) non scompare e peggiora nel tempo. È la sesta causa di morte più comune negli adulti negli Stati Uniti, dove...

La sindrome dolorosa regionale complessa: una situazione che, a dispetto delle precedenti teorie, può guarire?

La sindrome dolorosa regionale complessa (CRPS) è una condizione persistente, dolorosa e invalidante che di solito, ma non esclusivamente, si manifesta in risposta a...

Questo si chiuderà in 20 secondi