Propoli rosso: il nemico giurato delle cellule tumorali

La propoli è una sostanza resinosa prodotta dalle gemme delle piante dalle api, e funge da barriera naturale per proteggere gli alveari dall’invasione di parassiti, batteri e virus. Sebbene la composizione della propoli varia in funzione della sua origine botanica e geografica, di solito include cera d’api, balsami, vitamine, minerali, oli essenziali e resina, che sono ricchi di composti fenolici (polifenoli). La propoli è considerata un prodotto di organoterapia perché contiene secrezioni organiche delle api che la producono. I componenti chimici farmacologicamente più noti nella propoli sono flavonoidi, isoflavoni, acidi fenolici, terpeni, xantoni, propoloni e guttiferoni, che gli conferiscono le sue azioni antibatteriche, antivirali, antimicotiche, anti-infiammatorie, antiossidanti e antitumorali, tra le altre. La propoli è nota da secoli per le sue proprietà curative, ma recentemente ha catturato l’attenzione degli scienziati grazie alle sue attività ad ampio spettro, che possono essere utilizzate nella medicina complementare e alternativa. Coerentemente, il numero di studi condotti con questa sostanza ha mostrato un aumento significativo nei paesi senza l’uso tradizionale della medicina naturale. Le variazioni climatiche potrebbero indurre cambiamenti nella concentrazione di composti bioattivi delle piante, con conseguenti alterazioni dell’attività biologica dei vari tipi di propoli. Sebbene la standardizzazione terapeutica della propoli sia difficile e la relazione tra tipi definiti di propoli e attività biologiche specifiche sia difficile da stabilire, la presenza di una quantità significativa di un composto specifico potrebbe portare all’attesa che l’estratto mostri bio-attività selettive.

La composizione chimica della propoli brasiliana è molto diversa da quella della propoli dei paesi europei in funzione del clima tropicale, della diversità vegetale e delle specie di api, quest’ultima risultante dall’incrocio di specie europee e africane. Park et al. hanno identificato e classificato 13 diversi tipi di propoli in Brasile, in base alle loro caratteristiche fisico-chimiche. La propoli rossa è un tipo di propoli che si trova negli alveari vicino alle paludi di mangrovie negli stati nord-orientali di Alagoas, Sergipe, Bahia, Pernambuco e Paraíba. La propoli rossa esibisce un’azione citotossica più intensa e l’inibizione della crescita delle cellule di leucemia umana rispetto alla propoli verde. L’attività citotossica della propoli rossa su sei diverse linee cellulari tumorali era simile a quella dei farmaci antitumorali 5-fluorouracile e doxorubicina. L’azione della propoli rossa brasiliana sul melanoma murino (BB16F10), sul mieloma umano multiplo (RPMI8226), sulla leucemia promielocitica (HL-60), sulla leucemia mieloide cronica (K562), sul carcinoma epatico umano (Hep2G) e sul carcinoma mammario MCF-7 sono state testate. I risultati sono sempre gli stessi: la propoli rossa è molto più tossica per le cellule cancerose, rispetto alla propoli verde.

Inoltre, alcuni studi hanno rivelato che estratti di propoli rossi da diverse regioni geografiche hanno un potenziale significativo come agenti antiparassitari. L’estratto etanolico di propoli rosso ottenuto dalla Nigeria, quando testato contro Trypanosoma brucei, ha dimostrato una potente attività antiparassitaria in ceppi sensibili e resistenti. In un altro studio, quattro campioni di estratti etanolici di propoli brasiliani sono stati testati contro Leishmania amazonensis. Tre estratti di propoli verde e uno di propoli rosso sono stati testati e tutti erano in grado di ridurre il carico parassitario nei macrofagi infetti. Tuttavia, l’estratto ottenuto da propoli rosso ha mostrato la massima attività contro L. amazonensis pur essendo non tossico per i macrofagi. L’effetto immuno-stimolatore del suo olio essenziale può essere attribuito agli alti livelli di metil-eugenolo (13%). L’eugenolo è un alcol fenolico che si trova comunemente negli oli essenziali; studi precedenti hanno stabilito che l’eugenolo stimola la risposta immunitaria nei topi promuovendo la risposta dei linfociti T e l’attività natural killer. È anche possibile che i sesquiterpeni possano essere coinvolti nell’effetto adiuvante dell’olio essenziale di propoli rosso poiché è noto che attivano anche il sistema immunitario influenzando l’infiammazione locale e promuovendo la fagocitosi.

In vivo, il propoli rosso è stato visto per promuovere effetti protettivi contro la colite ulcerosa in un modello sperimentale di ratto, riducendo le lesioni infiammatorie globali e istologiche e diminuendo i livelli di MPO e iNOS (indici di infiammazione) del colon. Inoltre, i topi trattati per via orale con propoli rossi hanno mostrato una migliore guarigione delle ferite cutanee, attraverso una più rapida chiusura della ferita, una riduzione dell’infiltrato infiammatorio e spegnimento del fattore di trascrizione NF-kB che sintetizza citochine infiammatorie. Parimenti, esso può esercitare effetti stimolanti sulle cellule immunitarie. Non si sa bene ancora se questo dipenda dalla componente fenolica o da costituenti della porzione resinosa. Le proprietà immuno-modulatorie della propoli sembrano contraddittorie poiché la propoli a volte agisce nell’inibizione, come nelle proprietà anti-infiammatorie e altre volte nella stimolazione del sistema immunitario, come nelle proprietà adiuvanti. Questo fenomeno è probabilmente causato dalla complessità chimica della propoli come risultato del sinergismo tra i componenti, che può cambiare in base ai metodi di estrazione dei composti bioattivi. Che il propoli, infine, avesse azione antivirale è noto da molto tempo. Il propoli rosso è efficace nel bloccare la replicazione dei virus dell’herpes simplex HSV-1 ed HSV-2, nonchè quello della polmonite interstiziale (RSV), ma non esistono trials clinici al riguardo. Almeno per adesso.

Grandi speranze in vista, perciò, da questa ennesima risorsa di madre Natura.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

 

Letteratura scientifica

Bankova VS et al. Apidologie. 2000; 31:3–15.

Franchi Jr. GC et al. Evid Based Complement Alternat Med. 2012.

Li F et al. Bioorg Med Chem. 2008; 15:5434–40.

Kuropatnicki AK et al. Evid Based Complement Alternat Med. 2013.

Sforcin JM, Bankova V. J Ethnopharmacol. 2011; 133:253–60.

Cabral ISR et al. Quim Nova. 2009; 32:1523–27.

Ramos AFN, Miranda JL. J Venom Anim Toxins Incl Trop Dis. 2007;13:697–710.

Wenyingn R et al. Med Res Rev. 2003; 23:519–34.

Righi AA et al. Evid Based Complement Alternat Med. 2013.

Frozza COS et al. Food Chem Toxicol. 2013; 52:137–42.

Corrêa FR et al. Biomed Pharmacother. 2017 Feb;86:162-171.

Frión-Herrera Y et al. Nat Prod Res. 2017 Aug 8:1-7. 

Sena-Lopes  et al. PLoS One. 2018 Feb 1; 13(2):e0191797. 

Nani BD et al. Phytother Res. 2018 Jan 29. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it