giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Olio di sesamo: un aiuto naturale ed alternativo all’ormonoterapia per l’osteoporosi in menopausa

Milioni di persone soffrono di osteoporosi, una condizione che aumenta il rischio di fratture da fragilità o traumi. Il trattamento ormonale sostitutivo (HRT) è un trattamento popolare per l’osteoporosi; tuttavia, può causare sanguinamento vaginale irregolare e aumentare il rischio di cancro al seno. Pertanto sono necessari trattamenti più efficaci e sicuri. L’olio di sesamo contiene antiossidanti, lignani e acidi grassi e ha dimostrato effetti di alterazione degli ormoni sessuali in studi precedenti. Sebbene ricerche precedenti abbiano riscontrato benefici osteoprotettivi nei topi sottoposti a ovariectomia (OVX), i meccanismi precisi alla base dell’impatto dell’olio di sesamo sull’osteoporosi tra le donne in postmenopausa rimangono sconosciuti. In una nuova ricerca, gli scienziati hanno studiato i potenziali processi alla base dell’integrazione quotidiana di olio di sesamo nel modello di ratto con osteoporosi post-menopausa da ovariectomia.

Lo studio ha coinvolto ratti femmine di 12 settimane sottoposti a intervento chirurgico OVX bilaterale. Il team ha diviso gli animali nei seguenti gruppi: operazione fittizia (Sham), OVX, olio di sesamo basso (SOL) e olio di sesamo alto (SOH). Il gruppo fittizio ha ricevuto un’operazione fittizia, il gruppo OVX ha ricevuto OVX, il gruppo SOL ha ricevuto 0,3 ml/kg al giorno per via orale e il gruppo SOH ha ricevuto 0,5 ml/kg al giorno di olio per via orale per quattro mesi. I ricercatori hanno scoperto che ogni giorno l’integrazione di olio di sesamo ha aumentato significativamente la densità di massa ossea (BMD), l’osteocalcina sierica e le aree trabecolari nei ratti ovariectomizzati. L’olio di sesamo ha anche aumentato i pro-peptidi sierici del procllagene e diminuito i livelli di N-telopeptide reticolato di collagene (NTx) in questi ratti. Inoltre, ha mantenuto efficacemente i livelli sierici di estradiolo e aromatasi nei ratti osteoporotici indotti da OVX.

L’esame istologico ha mostrato una significativa riduzione delle aree trabecolari nei ratti ovariectomizzati rispetto ai ratti finti. Tuttavia, le trabecole sono aumentate nei gruppi di olio di sesamo ad alto e basso dosaggio. La BMD totale era significativamente inferiore nei ratti ovariectomizzati. L’olio ha aumentato significativamente i livelli totali di BMD nei ratti del gruppo olio di sesamo ad alta e bassa dose rispetto ai ratti OVX. Nei ratti del gruppo OVX, i livelli sierici di fosfatasi alcalina (ALP) e di osteocalcina erano più alti rispetto ai ratti fittizi. È stato scoperto che l’olio di sesamo, ricco di composti fitoestrogenici come gli isoflavoni con effetti antinfiammatori, osteoprotettivi e di riduzione dello stress ossidativo, aumenta l’estradiolo sierologico nei ratti ovariectomizzati, offrendo un trattamento alternativo alla sostituzione degli estrogeni a causa dei suoi ridotti effetti collaterali.Allo stesso tempo, ha mantenuto buoni livelli sierici di estradiolo nei ratti osteoporotici.

Gli scienziati hanno trovato le ragioni molecolari degli effetti osservati. La genisteina, il principale isoflavone, può diminuire il rapporto fra l’attivatore recettoriale RANKL / osteoprotegerina (OPG) tra i ratti ovariectomizzati e influenzare positivamente la densità minerale ossea tra le donne osteopeniche in menopausa. Gli effetti protettivi dell’olio di sesamo nei ratti femmine sembravano mediati dalle vie delle proteina-chinasi PI3K/PKA e della proteina chinasi ERK2 attivata dai mitogeni, che antagonizza la segnalazione della chinasi di stress p38 necessaria agli osteoclasti per distruggere l’osso. In aggiunta, uno dei lignani (sesamolina), era stato precedentemente visto antagonizzare proprio il segnale RANKL/MAPK attivato dagli osteoclasti. Questo vuol dire che l’olio di sesamo potrebbe rientrare comodamente fra i presidi non-farmacologici o integratori alimentari da impiegare nella prevenzione o per trattare l’osteoporosi delle donne già entrate in menopausa.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Stili alimentari e rischio di osteoporosi: le ossa si fanno più forti variando dieta e nutrizione (10/10/2023)

Nutraceutica: il nuovo modo a tavola di fare guerra all’osteoporosi (17/08/2022)

Stress ossidativo, osteoporosi e sordità: ci sono collegamenti terapeutici da sfruttare? (27/05/2021)

Lotta all’osteoporosi: la terapia si evolve dai bifosfonati ai biolipidi azotati (27/04/2020)

Osteoporosi: non è solo il calcio che serve, anche il selenio è fondamentale (12/02/2020)

Pubblicazioni scientifiche

Hsu CC, Ko PY et al. Sci Rep. 2024 Jan 3; 14(1):321.

Arooj A et al. Food Funct. 2023; 14(11):4966-4980.

Yang X et al. Front Pharmacol. 2021 Jun; 12:664697.

Afroz M et al. Phytother Res. 2019; 33(10):2585-2608.

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Come il sonno perduto condiziona negativamente l’affettività: il rischio nascosto della società di oggi

La perdita del sonno non si limita a renderci stanchi: può minare il nostro funzionamento emotivo, diminuire gli stati d'animo positivi e metterci a...

SGLT-1: se lo zucchero non ha problemi in periferia, può averli nell’intestino

Dopo l'ingestione, i carboidrati complessi vengono metabolizzati enzimaticamente per produrre monosaccaridi (glucosio, galattosio e fruttosio), che vengono assorbiti nell'intestino tenue e utilizzati come substrato...

Communications restored: SMA therapy through a protein that enSNAREs two types of cells

Columbia researchers have discovered how a genetic defect leads to spinal muscular atrophy (SMA), a critical piece of information about the disease that neurologists...