venerdì, Giugno 21, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Omega-3: l’integratore giusto che sopprime le infiammazioni?

Gli acidi grassi omega-3, che otteniamo principalmente attraverso il consumo di pesce grasso, sono stati a lungo considerati buoni per la nostra salute. Molti studi dietetici hanno suggerito che un’assunzione elevata è associata a un ridotto rischio di vari disturbi. Gli studi clinici hanno anche dimostrato effetti antinfiammatori benefici nei pazienti che assumono integratori di omega-3. Una recente ricerca di NTNU supporta scoperte precedenti e ha anche scoperto nuovi effetti utili degli integratori di omega-3 e come questi lipidi smorzano le reazioni infiammatorie dannose nel corpo. Nonostante i numerosi studi dietetici e clinici pubblicati, non capiamo ancora come gli acidi grassi omega-3 agiscano sulle nostre cellule e se questo vari da persona a persona, tra individui sani e malati o se il meccanismo d’azione varia nei diversi tessuti e cellule. Quello di cui siamo più sicuri è che gli acidi grassi omega-3 possono smorzare le reazioni infiammatorie. Le reazioni infiammatorie sono molto importanti nella lotta alle infezioni, ma possono essere dannose se attivate troppo fortemente o in assenza di batteri e virus, come nelle malattie autoimmuni e nei trapianti di organi.

I macrofagi, che sono cellule immunitarie che vivono in tutti i tessuti e organi, svolgono un ruolo chiave nel coordinare le reazioni infiammatorie nel corpo e nel monitorare tutto ciò che accade nei nostri tessuti. I macrofagi convertono le informazioni che ricevono attraverso vari sensori o recettori sulla loro superficie nella secrezione di varie sostanze segnale simili agli ormoni (citochine) che controllano tutte le parti delle reazioni infiammatorie. Siamo sempre più consapevoli che i macrofagi possono essere più o meno potenti nell’attivare reazioni infiammatorie. Le cosiddette reazioni infiammatorie sterili, come le malattie autoimmuni, sono spesso direttamente dannose. La capacità dei macrofagi di stimolare le reazioni infiammatorie dipende dai processi all’interno dei macrofagi. L’autofagia è uno dei processi all’interno dei macrofagi che è importante se un macrofago è calmo o iperattivo. L’autofagia (che significa “auto-mangiarsi”) è un processo chiave per la degradazione delle proteine ​​non funzionali o non necessarie e di altri componenti all’interno delle nostre cellule. Negli ultimi anni, abbiamo imparato molto su quanto sia importante questo processo, affermano i ricercatori.

Il Premio Nobel per la Fisiologia o la Medicina 2016 è stato assegnato a Yoshinori Ohsumi per la scoperta di geni chiave che controllano l’autofagia. L’autofagia continua costantemente in tutte le cellule e aumenta se le cellule sono affamate o ferite. È stato ipotizzato che gli acidi grassi omega-3 potrebbero smorzare le reazioni infiammatorie aumentando l’autofagia nei macrofagi. In tal caso, questo effetto potrebbe modificare la trasformazione del segnale nel macrofago e, di conseguenza, sopprimere l’attivazione delle reazioni infiammatorie. Studiando i macrofagi isolati da topi e umani, gli scienziati hanno scoperto che gli acidi grassi omega-3 attivano l’autofagia e in particolare influenzano alcune proteine ​​che trasformano i segnali dall’ambiente. Inoltre, hanno dimostrato che gli acidi grassi omega-3 hanno attenuato molti meccanismi infiammatori all’interno dei macrofagi, ma soprattutto hanno ridotto quella che è nota come risposta all’interferone di tipo 1. CXCL-10 è un tipo di citochina definita chemochina, che i macrofagi secernono come parte di questa risposta dell’interferone a seguito di molti tipi di stimoli, ed era il fattore più chiaramente ridotto dopo l’aggiunta di omega-3 alle cellule.

Il team ha quindi esaminato campioni di sangue provenienti da uno studio clinico su pazienti sottoposti a trapianto di cuore, in cui sapevano che gli integratori di omega 3 miglioravano il loro stato clinico. In questi casi, è stato riscontrato che gli acidi grassi omega-3 hanno ridotto il livello di CXCL-10. L’autofagia cambia quindi nei macrofagi in risposta agli acidi grassi omega-3 e inibisce specificamente la secrezione di fattori infiammatori appartenenti alla risposta dell’interferone, con CXCL-10 che mostra la riduzione più evidente. In precedenza, il team ha riferito che dosi fisiologicamente rilevanti dell’omega-3 chiamato DHA hanno aumentato il turnover delle proteine ​​”marcate” nelle cellule del pigmento retinico (ARPE-19), probabilmente riducendo il rischio di degenerazione maculare senile. Il livello plasmatico di CXCL10 è ridotto dall’assunzione di omega-3 ma è aumentato nel gruppo placebo nei pazienti ipertesi sottoposti a trapianto di cuore. Questi risultati indicano che gli integratori di acidi grassi omega-3 possono essere particolarmente utili nei pazienti che hanno condizioni guidate o esacerbate da una forte risposta all’interferone e al CXCL-10. Questi potrebbero includere pazienti con diverse forme di cancro, meningite, sclerosi multipla e morbo di Alzheimer.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Mildenberger J et al. Autophagy. 2017; 13(10):1664-1678. 

Sheridan DA et al. Liver Int. 2014 May; 34(5):737-47.

Lu Y, Zhao LX et al. Neuroscience. 2013; 241:22-31.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Leucemia aggressiva: l’HIV suggerisce una proteina da prendere di mira

La leucemia infantile è una diagnosi che nessuna famiglia vuole mai sopportare. Mentre il trattamento della maggior parte dei tipi di leucemia è migliorato...

Menina (MEN1): il gene della sindrome endocrina che controlla l’invecchamento dal cervello

L'invecchiamento è caratterizzato dal progressivo deterioramento delle funzioni fisiologiche, che porta alla fine della vita di un organismo. L'ipotalamo è un regolatore centrale critico...

Il problema del rumore sul lavoro: cosa causa, come si evolve e cosa comporta sul lavoratore a danno fatto

Il rumore è definito come una sensazione sgradevole rappresentata da un miscuglio di suoni aventi caratteristiche fisiche diverse, a differenza del suono musicale che...

Questo si chiuderà in 20 secondi